“È incomprensibile”: il Banco alimentare di Liegi rifiuta la distribuzione di pacchi alimentari

“È incomprensibile”: il Banco alimentare di Liegi rifiuta la distribuzione di pacchi alimentari
“È incomprensibile”: il Banco alimentare di Liegi rifiuta la distribuzione di pacchi alimentari
-

Geneviève de Groot ha recentemente lanciato la sua organizzazione no-profit, “La cornucopia”. “Il mio obiettivo è distribuire pacchi alimentari alle persone bisognose”. E ha fatto tutto il necessario per portare a termine il suo progetto. “La città di Ehi mi affitta locali dove posso svolgere le mie attività. Inizialmente volevo farlo a Amaydove vivo, ma i prezzi sono esorbitanti.” Ma comunque, in un quartiere come Statte, “dove parte della popolazione è svantaggiata”, purtroppo ci sarà molto da fare.

E nei suoi locali tutto è pronto per iniziare le sue attività. “Ho una macchina per il caffè, uno scaffale. I miei frigoriferi vengono riciclati. Si vede che sono vecchi, ma funzionano davvero bene. Ho usato anche una vernice speciale “per uso alimentare”. E dire che è tutto in ordine, “Ho ricevuto l’autorizzazione dall’AFSCA”. Ma, stranamente, i suoi frigoriferi sono vuoti. Stessa osservazione per il suo scaffale. “Ho bisogno dell’autorizzazione del Banco Alimentare di Liegi per iniziare a lavorare. Ma si rifiutano di darmelo”.

I frigoriferi di Geneviève de Groot sono disperatamente vuoti. ©EDA

Beneficiari insufficienti

E il motivo addotto la fa arrabbiare. “Per il momento sono registrate 40 persone per la mia distribuzione dei pacchi. Il Banco Alimentare dice che non basta. È completamente illogico. La maggior parte delle strutture inizia con pochi beneficiari. E poi non voglio ingrassare. Non voglio iniziare con 40 persone e finire con 400. Voglio iniziare con 40 persone e finire con 0. Ciò significherà che nessuno avrà più bisogno di aiuti alimentari”. Ma il BAL (così è il Banco Alimentare di Liegi) non vuole sentire le sue ragioni. Gli propone invece di trasformare la sua sede in una succursale di Saint-Vincent de Paul. “Mi hanno detto che il personale era vecchio, avevano bisogno di aiuto e la situazione non sarebbe durata ancora a lungo”. Ma per lei questo è fuori questione. “Significa davvero che vogliono le mie braccia, ma non il mio cervello.

In attesa dell’autorizzazione del BAL, si reca nei negozi della regione per ritirare gli articoli invenduti. “Ho già l’accordo del piccolo Louis Delhaize di Villers-le-Bouillet e quello del futuro Intermarché (Prezzo ex Leader) ai piedi della centrale nucleare”.

Abbiamo provato a contattare il Banco Alimentare di Liegi per avere un feedback, ma senza successo.

-

PREV Legislativo: l’elenco completo dei candidati al Tarn
NEXT Nelle tipografie del Finistère c’è fretta con l’avvicinarsi delle elezioni legislative