Studio ISQ: il 56% degli adolescenti partecipanti ha subito violenza nello sport a scuola

Studio ISQ: il 56% degli adolescenti partecipanti ha subito violenza nello sport a scuola
Studio ISQ: il 56% degli adolescenti partecipanti ha subito violenza nello sport a scuola
-

MONTREAL – Più della metà degli studenti delle scuole superiori intervistati in uno studio dell’Institut de la Tourisme du Québec (ISQ) hanno subito violenze negli ambienti sportivi in ​​Quebec, compresa violenza fisica, psicologica o sessuale.

Lo studio, i cui risultati sono stati rivelati giovedì, è stato condotto su 19.642 giovani dai 14 anni in su provenienti da scuole pubbliche e private della provincia. Di questo campione, il 47% pratica uno sport organizzato.

Dai dati raccolti emerge che il 56% degli intervistati ha subito una qualche forma di violenza da parte di una persona in posizione di autorità o di un coetaneo fin dall’inizio del proprio percorso sportivo.

Quando parliamo di una persona che ricopre una posizione di autorità nella carriera sportiva di uno studente, può essere un insegnante, un allenatore, un preparatore atletico, membri dell’équipe medica, ecc. “Può trattarsi di qualsiasi persona che entra in contatto con il giovane durante la sua pratica sportiva”, ha spiegato Sylvie Parent, ricercatrice presso la Cattedra di ricerca sulla sicurezza e l’integrità nello sport dell’Università Laval.

Mettendo insieme tutte le forme di violenza, il 40% degli adolescenti è stato vittima di qualche forma di violenza commessa da una persona in posizione di autorità.

L’ISQ avverte che i risultati di questo studio non possono essere trasposti a tutti i giovani delle scuole superiori che praticano sport. Questo è il ritratto di una situazione per colmare una mancanza di informazione su questo tema.

“Abbiamo un grande bisogno di dati e negli ultimi anni ci sono state osservazioni e scritti su questo argomento secondo cui è giusto voler creare politiche, programmi di prevenzione e intervento, ma non abbiamo cifre, “, ha affermato Jasline Flores, coordinatrice dell’indagine sanitaria ISQ. L’Istituto è stato interpellato da esperti del settore e dal Ministero dell’Istruzione per colmare questa lacuna informativa.

La tipologia di violenza più denunciata dagli studenti è la violenza psicologica o l’abbandono. Più di un quarto ha affermato di aver subito questo tipo di violenza da parte di una persona in posizione di autorità.

Nella presentazione dei risultati, l’ISQ fa l’esempio che alcuni adolescenti possono essere stati rifiutati volontariamente, criticati eccessivamente, tra l’altro sulle loro prestazioni, o addirittura oggetto di insulti o azioni che li hanno umiliati o ridicolizzati.

Lo studio rivela inoltre che il 16% dei giovani atleti intervistati ha subito violenze “strumentali” da parte di persone in posizioni di autorità. Ciò include forzare o chiedere a uno studente di utilizzare mezzi per raggiungere il peso ideale nel proprio sport (esempio: digiuno totale; vomito; pillole dimagranti; prodotti diuretici, lassativi o anabolizzanti).

Chiedere a un giovane di limitare i suoi legami con la propria rete sociale per coinvolgerlo maggiormente nel suo sport o addirittura chiedergli di allenarsi o costringerlo a farlo nonostante un infortunio noto con controindicazione medica sono altri esempi di violenza “strumentale”.

Violenza sessuale, non solo nello sport d’élite

Tra gli atleti che hanno partecipato allo studio, l’11% è stato vittima di almeno un atto di violenza fisica da parte di un individuo responsabile (13% dei ragazzi e 9% delle ragazze). Inoltre, l’8% è stato vittima di almeno un atto di violenza sessuale da parte di una persona in posizione di autorità (9% delle ragazze e 6% dei ragazzi).

La violenza sessuale è stata commessa anche da coetanei: il 14% ne sono vittime (16% ragazze e 11% ragazzi).

Per quanto riguarda la violenza sessuale, la Parent ha indicato che gli studi precedenti vanno nella stessa direzione di questi dati. Ciò che ha sorpreso maggiormente il ricercatore sono state le età in cui si sono verificati questi eventi.

Per le azioni perpetrate dai compagni di squadra, il 25% è stato sperimentato per la prima volta all’età di 10 anni o prima; 40% tra gli 11 ed i 13 anni; 36% tra i giovani dai 14 anni in su.

Per quanto riguarda le persone che ricoprono posizioni di autorità, il 28% degli atti di natura sessuale sono stati subiti da giovani di 10 anni o meno; 33% dagli 11 ai 13 anni; 39% all’età di 14 anni o più tardi.

“Toglie l’intera prospettiva delle persone che spesso pensano che siano gli atleti d’élite a vivere questa situazione. (…) Non importa il livello sportivo, trascende l’insieme e questi sono elementi importanti da affrontare”, afferma la signora Parent.

I contenuti sanitari della stampa canadese ricevono finanziamenti attraverso una partnership con la Canadian Medical Association. La Stampa Canadese è l’unica responsabile delle scelte editoriali.

-

PREV SENEGAL-ARMEES-AVIATION / Thiès: la Scuola dell’Aeronautica Militare festeggia 40 anni di esperienza nella formazione aeronautica – Agenzia di stampa senegalese
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News