il trasporto giovanile è organizzato diversamente

il trasporto giovanile è organizzato diversamente
il trasporto giovanile è organizzato diversamente
-

Non guidano da tre settimane. Gli autisti della società Expotrans nel Loir-et-Cher non hanno ancora ricevuto lo stipendio di marzo o aprile. Come Brigitte Rives, che non torna al suo veicolo dal 15 aprile. Di solito percorre quasi 4.000 km al mese, accompagnando i giovani con disabilità tra le loro case e le loro strutture specializzate. Legato all’impresa con sede nella Val-d’Oise da un contratto a tempo indeterminato di 20 ore settimanali, l’autista è senza reddito da due mesi. “Per me è un’integrazione alla pensione, ma per gli altri conducenti, per i quali questa attività rappresenta il loro unico reddito, è più complicato. »

Expotrans ne ha chiesto la liquidazione

In Francia, altri dipendenti di Expotrans si trovano nella stessa situazione. “Ho preso contatto con i colleghi della Mayenne e un avvocato parigino che li segue”, spiega Brigitte Rives. Sebbene l’azienda non abbia risposto alle chiamate o ai messaggi dei dipendenti, venerdì 3 maggio il coordinatore dei trasporti dell’azienda ha inviato loro un’e-mail in cui spiegava le notevoli difficoltà finanziarie incontrate da Expotrans. È stata presentata una richiesta di liquidazione coatta amministrativa al tribunale commerciale di Pontoise: l’udienza è prevista per il 17 maggio.

“L’avvocato ci consiglia di portare la questione al tribunale del lavoro per un procedimento sommario, una procedura rapida con l’obiettivo di recuperare le nostre due mensilità di stipendio ed eventualmente i danni, aggiunge l’autista dipendente. Dopo le cure alcuni conducenti non potevano più essere coperti dalla mutua poiché la quota salariale non veniva più pagata. »

Trasporto fornito dal personale della struttura

Altre vittime di questo fallimento: i giovani con disabilità. Per penalizzarli il meno possibile, il Sistema di Supporto Medico-Educativo della Valle della Loira (Dame) si è organizzato per trasportarli dalle loro case a istituti specializzati con sede a Crouy-sur-Cosson e Herbault. “Non avendo avuto notizie da Expotrans, tutto il personale, compresa la direzione, è stato chiamato a prelevare i giovani con la nostra flotta di veicoli, spiega Jean-Charles Enriquez, responsabile dei servizi educativi di Dame. Durante la chiusura delle strutture durante la seconda settimana delle vacanze scolastiche, abbiamo colto l’occasione per rivedere i nostri tour. Dovremo arrangiarci con i nostri mezzi fino alla fine di luglio. Il contratto che ci lega a Expotrans è stato firmato nell’ambito di un appalto pubblico. Non possiamo rivolgerci a un’altra società del genere. »

Contattata da noi, l’Agenzia sanitaria regionale (ARS) Centre-Val de Loire, che finanzia questo trasporto, ricorda che la Signora ha inviato una diffida a Expotrans. L’ARS è consapevole degli sforzi intrapresi dalle istituzioni per garantire la circolazione dei giovani almeno fino a quando la situazione non potrà evolversi a livello legale: “Ciò porta a forti vincoli di pianificazione e alla necessità di adattare gli orari dei bambini, ma loro vengono presi in carico. »

“Sono molto arrabbiato con i finanzieri e le autorità pubbliche, si rammarica di Brigitte Rives, dipendente di Expotrans. Anche loro hanno la loro parte di responsabilità. Possiamo biasimarli per aver scelto questo fornitore di servizi che era il miglior offerente, ma per il servizio dietro di esso…”

I veicoli degli autisti di Expotrans sono fermi dal 15 aprile.
© (Foto N.R.)

-

PREV messa in allerta arancione, l’Yonne teme nuovi temporali
NEXT Dalle Bocche del Rodano al Vaucluse, il viaggio della fiamma olimpica in Provenza-Alpi-Costa Azzurra