Attrattività degli investimenti diretti esteri in Africa: i 5 paesi più apprezzati dagli investitori

Attrattività degli investimenti diretti esteri in Africa: i 5 paesi più apprezzati dagli investitori
Attrattività degli investimenti diretti esteri in Africa: i 5 paesi più apprezzati dagli investitori
-

Dal 2020 al 2023, la classifica dei paesi africani in termini di flussi di IDE in entrata è cambiata in modo significativo. Se laEgitto e Sud Africa si mantengono saldamente nella Top 2, negli ultimi tre anni nuovi sfidanti come Uganda e Senegal sono entrati nella Top 5 e non dovrebbero essere detronizzati a breve.

Leggi anche: Automotive: Marocco e Turchia concentreranno l’80% della produzione Stellantis entro 3 anni

Nel 2023, l’Africa ha registrato un calo del 3% degli investimenti diretti esteri (IDE), pari a 52,6 miliardi di dollari secondo le ultime statistiche dell’UNCTAD, rispetto ai 54,4 miliardi di dollari nel 2022 e agli 82,1 miliardi di dollari nel 2021. Nonostante questo rallentamento, alcuni paesi sono rimasti in piedi attraverso l’acquisizione di una quota significativa dei flussi di investimenti diretti esteri verso il continente.

Le prime 5 destinazioni degli IDE africani nel 2023 sono dominate dall’Egitto, in testa con 9,841 miliardi di dollari catturati, seguito da Sud Africa (5,233 miliardi), Etiopia (3,263 miliardi), Uganda (2,886 miliardi) e Senegal (2,641 miliardi). Scopriamo i fattori chiave che hanno permesso a queste nazioni di attrarre investitori stranieri.

Egitto, uno storico dei pesi massimi

Principale beneficiario degli investimenti diretti esteri in Africa da diversi anni, l’Egitto sta sfruttando il suo immenso mercato interno e i massicci investimenti dei paesi del golf. Ma il paese soffre di un deficit commerciale strutturale a causa della debolezza del suo sistema di esportazione e di una quota significativa di importazioni incomprimibili.

Leggi anche: Come l’Egitto consolida la sua posizione come punto di accesso per gli investimenti diretti esteri in Africa

Questa dipendenza dalle importazioni, combinata con l’elevato fabbisogno finanziario, rende la sua economia vulnerabile agli shock esterni. A ciò si aggiunge l’inflazione nel Paese che rimane elevata. I settori chiave che attirano investimenti diretti esteri sono l’energia, il settore immobiliare, i servizi finanziari e il turismo. La visione egiziana per il 2030 mira a stimolare ulteriormente gli investimenti in settori promettenti come le energie rinnovabili.

Sud Africa, un gigante economico in declino

Seconda destinazione africana degli IDE, il Sudafrica ha visto i suoi afflussi dimezzarsi tra il 2021 e il 2023. Nonostante un contesto imprenditoriale sviluppato, gli investitori sembrano frenati dalle persistenti sfide socioeconomiche come la disuguaglianza, la disoccupazione e la carenza di energia. Tuttavia, i settori minerario, finanziario e manifatturiero rimangono attraenti, così come i progetti verdi emergenti.

Etiopia, la forza in ascesa

In terza posizione, l’Etiopia conferma il suo status di polo industriale del Corno d’Africa e il suo rango di 3° africano, strappato nel 2022 al Mozambico.

Leggi anche: La produzione automobilistica in Africa: continua la partita Sud Africa-Marocco

Beneficiando di costi di produzione competitivi e di un vasto progetto infrastrutturale, il Paese attrae numerosi investimenti stranieri, in particolare cinesi, nelle zone economiche speciali, nell’agroalimentare e nel tessile.

Uganda e Senegal, promesse di diversificazione

Uganda e Senegal, rispettivamente la quarta e la quinta destinazione degli IDE nel 2023, illustrano l’emergere di nuovi poli di attrazione in Africa. La loro classifica è la stessa del 2022. Il che è una conferma del buon stato di forma di questi due Paesi, che superando Mozambico e Nigeria rispettivamente 3° e 4° nella classifica 2020, poi 3° e 5° in quella del 2021. Dovrebbe anche essere ha osservato che il Senegal è uno dei rari paesi nella top 5 africana ad aver mantenuto quasi intatto il volume degli investimenti diretti esteri in entrata tra il 2021 e il 2023. L’Uganda punta sulle recenti scoperte di petrolio e gas mentre il Senegal si sta posizionando come hub logistico e minerario , oltre a capitalizzare le sue recenti scoperte di petrolio e gas.

Battuta d’arresto in Nigeria e Mozambico

Nigeria e Mozambico, ex primi 5 paesi nel 2020 e nel 2021, hanno visto i loro flussi di IDE erodersi negli ultimi anni a causa di instabilità in termini di sicurezza e politiche sfavorevoli agli investitori stranieri. Saranno necessarie riforme per riconquistare il loro fascino.

Flussi di IDE in entrata dai primi 5 paesi africani dal 2020 al 2023 (milioni di dollari).

Paga 2020 Suonò 2021 Suonò 2022 Suonò 2023 Suonò
Egitto 5.852 5.122 11.400 9.841
Sud Africa 3.062 40.215 9.231 5.233
Etiopia 2.381 4.260 3.670 3.263
Uganda 1.191 10° 1.648 9 2.963 2.886
Senegal 1.846 2.588 2.929 2.641

L’agricoltura, l’acqua e l’energia verde sono in fase di stallo

Nonostante queste performance contrastanti, l’Africa fatica ad attrarre investimenti diretti esteri in settori chiave per lo sviluppo sostenibile in conformità con gli obiettivi delle Nazioni Unite. I finanziamenti per l’agricoltura, l’acqua e l’energia verde sono diminuiti significativamente nel 2023.

Leggi anche: Automobile: i produttori russi puntano sugli stabilimenti in Africa

Per consolidare la loro posizione, i campioni africani degli IDE dovranno perseguire riforme a favore degli investitori, lo sviluppo di infrastrutture moderne, la diversificazione settoriale e la transizione energetica. L’agevolazione delle imprese attraverso procedure dematerializzate e sportelli unici resta una questione prioritaria.

Conquistare gli investimenti verdi, vettori di posti di lavoro e di crescita sostenibile, costituirà una delle prossime sfide per queste nazioni leader.

-

PREV AFRICA/SOMALIA – La Turchia media tra Somalia ed Etiopia sulla crisi legata all’accordo navale con il Somaliland
NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie