Il Parlamento svedese vota il controverso accordo di difesa con gli Stati Uniti

Il Parlamento svedese vota il controverso accordo di difesa con gli Stati Uniti
Il Parlamento svedese vota il controverso accordo di difesa con gli Stati Uniti
-

Il parlamento svedese vota martedì un controverso accordo di difesa con gli Stati Uniti, con gli oppositori che temono che possa aprire la strada allo schieramento di armi nucleari e basi americane permanenti in Svezia.

L’Accordo di Cooperazione per la Difesa (DCA) rappresenta un importante sviluppo nella politica di difesa della Svezia, che a marzo ha rinunciato a due secoli di non allineamento militare aderendo alla NATO.

L’accordo firmato da Stoccolma e Washington a dicembre consente alle forze americane di accedere a 17 basi di difesa svedesi e di immagazzinare attrezzature militari, armi e munizioni nel paese.

Per i suoi oppositori l’accordo dovrebbe prevedere il divieto della presenza di armi nucleari in Svezia.

“L’accordo non pone limiti”, critica Daniel Helldén, co-leader dei Verdi che, come la Sinistra, è contrario a questo testo.

“Apre la strada alla presenza di armi nucleari sul suolo svedese (…) Ed è scritto in modo così vago che il governo potrebbe autorizzarle anche in tempo di pace”, ha detto lunedì alla radio pubblica SR.

Il governo di centrodestra del primo ministro Ulf Kristersson, sostenuto dai Democratici svedesi (SD, estrema destra), garantisce che l’accordo rispetti la sovranità svedese.

“La Svezia è una nazione sovrana e spetterà sempre alla Svezia decidere quale tipo di armi autorizzare” sul suo territorio, ha assicurato a SR il ministro della Difesa Pal Jonson.

“Il Parlamento ha già approvato il fatto che non avremo mai bisogno di una base permanente o di armi nucleari sul territorio svedese e questo è stato reso chiaro quando abbiamo aderito alla NATO”, ha aggiunto.

– “Ingenuo” –

Per essere adottato, l’accordo deve essere approvato da almeno tre quarti dei parlamentari votanti e da più della metà dei 349 eletti. La votazione è prevista dopo le 17:15 (15:15 GMT).

Con 42 seggi, i Verdi e il Partito della Sinistra, che hanno votato contro l’adesione alla NATO, non possono bloccare il testo da soli.

In un articolo apparso domenica sul quotidiano Aftonbladet, due deputati della Sinistra giudicano l’accordo “non solo ingenuo ma addirittura folle” e rende la Svezia meno sicura perché “la politica di difesa e sicurezza americana si basa sulle armi nucleari”.

“Il fatto che il governo non abbia richiesto alcuna salvaguardia contro un’arma di distruzione di massa così brutale è terrificante”, hanno scritto.

La Società svedese per la pace e l’arbitrato, una delle principali voci critiche, ha sottolineato che due successivi governi svedesi hanno insistito, durante il processo di adesione alla NATO, affinché la Svezia adottasse la stessa posizione dei suoi vicini, Danimarca e Norvegia, sulle armi nucleari.

“Ma a differenza degli accordi DCA di Norvegia e Danimarca, l’accordo svedese non contiene riserve contro l’introduzione o lo stazionamento di armi nucleari in Svezia”, ​​ha scritto in un articolo Kerstin Bergea, presidente dell’associazione.

La Finlandia, che ha aderito alla NATO nell’aprile 2023, “ha una legge che proibisce le armi nucleari sul territorio finlandese e l’accordo DCA della Finlandia menziona questa legge”, aggiunge.

Una simile menzione da parte della Svezia “rafforzerebbe la regione nordica e contribuirebbe ad una comune allentamento della tensione di fronte alle armi nucleari russe”.

– Nucleare in tempo di guerra? –

Il primo ministro svedese ha acceso il dibattito a maggio aprendo la strada al posizionamento delle armi nucleari in guerra.

“In tempo di guerra la questione è completamente diversa, dipenderebbe completamente da ciò che accadrà”, ha detto a SR.

“Si tratta di un’affermazione incredibile, completamente contraria a ciò che pensano gli svedesi e a ciò che la Svezia difende da molto tempo”, hanno scritto i due parlamentari di sinistra.

La Bergea ritiene che non è sicuro che la Svezia sarà in grado di rifiutare l’accesso o le attività degli Stati Uniti sul suo territorio, se queste dovessero violare la legge o gli interessi svedesi.

“Un accordo basato esclusivamente sulla fiducia non è sufficiente per questioni così importanti”, ha affermato.

Per il ministro Pal Jonson, “grazie alla DCA, la Svezia può beneficiare di un sostegno militare tempestivo, rapido ed efficace da parte degli Stati Uniti in caso di deterioramento della situazione della sicurezza”, ha affermato in una dichiarazione di maggio.

Hai in mente un progetto immobiliare? Yakeey e Médias24 ti aiutano a realizzarlo!

-

PREV “Arrestati” “gran parte” degli evasi, tre uccisi (esercito)
NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie