Trascorre 43 anni in carcere per un crimine che non ha commesso: la giustizia riconosce un errore e ordina la sua liberazione

Trascorre 43 anni in carcere per un crimine che non ha commesso: la giustizia riconosce un errore e ordina la sua liberazione
Trascorre 43 anni in carcere per un crimine che non ha commesso: la giustizia riconosce un errore e ordina la sua liberazione
-

Una donna americana ha trascorso 43 anni dietro le sbarre per un crimine che non ha commesso. Questo venerdì, 14 giugno 2024, il sistema giudiziario del Missouri ha finalmente annullato la sua condanna e la donna di 63 anni è stata rilasciata.

A causa di un grave errore giudiziario, una donna americana di 63 anni ha trascorso 43 anni in prigione prima che i tribunali annullassero la loro decisione questo venerdì. Sandra Hemme, l’imputata, fu condannata nel 1980 per omicidio intenzionale, anche se le prove raccolte in questo caso incriminavano un agente di polizia corrotto, riferisce Notizie AP.

Una frase molto lunga

Patricia Jeschke, la vittima, una bibliotecaria di 31 anni, è stata uccisa. Per questo omicidio, Sandra Hemme è stata condannata dai tribunali americani, “la più lunga pena detentiva ingiustificata ricevuta da una donna nella storia degli Stati Uniti”riferisce il Huffington Post.

Sandra Hemme, invece, ha confessato il delitto, ma sotto pressione e sotto la minaccia della pena di morte, dicono i suoi avvocati.

Sospettato un agente di polizia

Gli avvocati dell’Innocence Project, una ONG di New York, che mira a dimostrare l’innocenza delle persone ingiustamente condannate, hanno esaminato questo caso straordinario. La squadra ha prima denunciato le condizioni “illegittimo” interrogatorio di Sandra Hemme. Si noti che a quel tempo era una paziente psichiatrica. Aveva le manette di cuoio ed era sedata, quindi…non riusciva a tenere la testa alta o articolare qualcosa di diverso dalle risposte monosillabiche”.

Nella petizione lanciata per scagionarla si precisa inoltre che le prove che incriminavano un agente di polizia che aveva tentato di utilizzare la carta di credito della vittima erano state occultate. L’uomo in questione è Michael Holman.

È allora che la giustizia comincia a porsi domande. “HAnessuna prova, a parte le dichiarazioni inaffidabili della signora Hemme, la collega al crimine. Tuttavia, questa Corte ritiene che le prove colleghino direttamente Holman a questo crimine e alla scena del crimine.”ha indicato.

Fu allora che le prove che stabilivano la colpevolezza dell’agente di polizia si moltiplicarono: alibi non confermati, gioielli della vittima ritrovati a casa sua, un furgone simile visto vicino alla scena del crimine… Nonostante le prove, l’indagine fu finalmente chiusa.

Se dopo 43 anni di carcere è stata pronunciata la liberazione di Sandra Hemme, il colpevole agente di polizia Michael Holman è morto nel 2015, sottolinea la stampa americana.

-

NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie