A Seoul, timida ripresa del dialogo trilaterale tra Cina, Giappone e Corea del Sud

-
>>

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida (a sinistra) lascia Seoul dopo l’incontro tripartito con il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol e il premier cinese Li Qiang. JUNG YEON-JE / AFP

Non riuscendo a stabilire una forma di intesa cordiale, il vertice che ha riunito Cina, Giappone e Corea del Sud, il 26 e 27 maggio a Seul, ha permesso di rilanciare la cooperazione trilaterale in un limbo a causa della pandemia di coronavirus Covid-19 e delle tensioni internazionali .

Nel comunicato finale diffuso al termine dell’incontro organizzato nella verde cornice della Casa Blu, l’ex residenza presidenziale, il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol, il primo ministro cinese Li Qiang e il capo del governo giapponese Fumio Kishida , esprimere il loro desiderio di “cooperare strettamente per la pace e la prosperità nella regione”. Il testo prevede iniziative in sei aree stabilite dal paese ospitante sudcoreano: commercio, scienza, gestione dei disastri, cultura, sviluppo sostenibile e salute.

“Il fondamento della cooperazione tra i tre paesi è la comprensione e la fiducia reciproche”, ha sottolineato Yoon, durante la conferenza stampa finale, lunedì 27 maggio. Il Sig. Kishida ha accolto con favore i risultati ottenuti, parlando di a “importante occasione per consolidare il rilancio dei processi tra i tre Paesi”. Il signor Li ha chiesto “superare sospetti e incomprensioni attraverso un dialogo onesto”così come “promuovere un mondo multipolare e opporsi allo scontro tra blocchi”.

Una battuta d’arresto alla buona volontà mostrata è arrivata dall’annuncio, lo stesso giorno, da parte della Corea del Nord, della sua intenzione di lanciare un satellite prima del 4 giugno. MM. Yoon e Kishida lo hanno criticato, vedendolo come “violazione delle sanzioni Onu”. Il signor Li lo spera “i paesi interessati daranno prova di moderazione”pur sottolineandolo “La Cina ha sempre compiuto sforzi per mantenere la pace e la stabilità nella penisola coreana”.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Nuovi incidenti marittimi tra Taiwan e Cina rafforzano la strategia della tensione di Pechino

Aggiungi alle tue selezioni

La questione nordcoreana ha messo in luce la profondità delle differenze tra i tre vicini. Come ha spiegato un membro dell’amministrazione Yoon prima del vertice, nell’attuale contesto di forti tensioni intorno a Taiwan e alla Corea del Nord, e in un contesto di rivalità tra Cina e Stati Uniti, “il semplice svolgimento dell’incontro è di per sé significativo”. L’assenza del presidente cinese Xi Jinping ha limitato anche le discussioni sulle questioni militari e di sicurezza, ha aggiunto Kang Jun-young dell’Università di Hankuk.

Erano le 9e edizione di questo vertice, storicamente piuttosto incentrato sulle questioni economiche. Il primo è stato organizzato nel 2008. Le tensioni geopolitiche e la pandemia di Covid-19 ne hanno impedito l’annualità. L’8e incontro del 2019, a Chengdu (Cina).

Ti resta il 53,26% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Ecco cosa ne dice Kémi Séba – La Nouvelle Tribune
NEXT Via libera definitiva dai Paesi Ue a un testo chiave del Green Deal