L’eccesso di neve sulle Alpi potrebbe portare quest’estate a temperature più moderate – rts.ch

L’eccesso di neve sulle Alpi potrebbe portare quest’estate a temperature più moderate – rts.ch
L’eccesso di neve sulle Alpi potrebbe portare quest’estate a temperature più moderate – rts.ch
-

Dall’inizio dell’anno le Alpi registrano un’eccedenza di neve che consente loro di immagazzinare grandi quantità d’acqua. Secondo la climatologa Martine Rebetez, questo fenomeno dovrebbe permettere di mantenere temperature più moderate quest’estate ma potrebbe aumentare il rischio di inondazioni.

In Francia, il Centro di Studi Spaziali e della Biosfera (CESBIO) ha constatato un eccesso di neve sulle Alpi dall’inizio dell’anno. Il manto nevoso dei massicci alpini ha immagazzinato due miliardi di metri cubi di acqua in più rispetto allo scorso anno, una buona notizia per il bacino del Rodano.

Anche in Svizzera quest’anno la copertura nevosa è notevolmente maggiore in quota, il che genera “molte cose positive”, secondo Martine Rebetez, climatologa dell’Università di Neuchâtel e dell’Istituto federale di ricerca sulle foreste, la neve e il paesaggio (WSL). .

Invitata martedì al Forum, spiega che “lo scioglimento del manto nevoso avviene in media un mese prima” oggi rispetto agli anni ’80. “Ma avremo uno scioglimento che si applica ad un livello più importante”, lei continua, stimando che la neve dovrebbe quindi sciogliersi con circa due settimane di ritardo rispetto agli anni precedenti. Non è ancora il 1980, ma “sono già stati risparmiati 15 giorni”, riassume.

Temperature limitate

Martine Rebetez si aspetta un’estate più nuvolosa e temperature più moderate. L’eccesso di neve abbinato alle abbondanti precipitazioni in pianura fanno sì che i suoli siano impregnati d’acqua e che le falde acquifere siano nuovamente ben riempite. Quando le temperature saranno elevate, tutta l’acqua evaporerà, consumando energia.

>>Leggi anche: Il lungo periodo di precipitazioni ha fatto bene alle falde acquifere

“Questa energia viene prelevata dall’atmosfera, quindi finché si ha umidità disponibile per il processo di evaporazione, si ha un certo raffreddamento”, spiega il climatologo. Le estati torride vissute di recente si spiegano proprio con la mancanza di umidità. “Le temperature finiscono per aumentare davvero enormemente finché il cielo rimane completamente sereno e non abbiamo più questo fenomeno di evaporazione”, spiega.

Rischio valanghe e alluvioni

Questo meccanismo di raffreddamento rimane ancora moderato, avverte Martine Rebetez, perché oggi le temperature sono in media più elevate. «In Svizzera la temperatura è ancora di quasi tre gradi più alta rispetto a prima», osserva.

L’esperto mette in guardia anche dall’aumento del rischio di valanghe “che scendono a bassa quota”, perché “abbiamo ancora temperature potenzialmente molto calde degli anni ’20 su uno strato di neve che ricorda quello degli anni ’80”, dice.

Aumentano anche i rischi di inondazioni, avverte Martine Rebetez. «Se avremo precipitazioni in alta quota, se farà caldo con aria che arriva dal Mediterraneo, avremo piogge che si accumuleranno con lo scioglimento delle nevi, con rischi di alluvioni fino in pianura», spiega. “Questi rischi dovranno essere monitorati”.

Commenti raccolti da Mehmet Gultas

Adattamento web: Emilie Délétroz

-

PREV Uno tsunami sulle coste del Mediterraneo entro 30 anni? Una probabilità “vicina al 100%” secondo uno studio
NEXT Quest’anno aumentano gli aiuti destinati a milioni di genitori, ecco quanto riceverete