Cinque operai muoiono per avvelenamento in un impianto di depurazione in Sicilia

Cinque operai muoiono per avvelenamento in un impianto di depurazione in Sicilia
Cinque operai muoiono per avvelenamento in un impianto di depurazione in Sicilia
-

Cinque addetti alla manutenzione sono morti lunedì in Sicilia dopo aver inalato gas tossico mentre eseguivano lavori in un impianto di trattamento delle acque reflue, hanno detto i vigili del fuoco e il sindaco della città.

Le vittime stavano effettuando lavori di manutenzione quando hanno cominciato a sentirsi male.

“Cinque operai sono morti e un sesto è stato intubato e trasportato in ospedale”, ha confermato all’AFP Giovanni di Giacinto, sindaco di Casteldaccia, vicino Palermo.

I vigili del fuoco hanno estratto tutte e sei le persone ma sono riusciti a rianimarne solo una. Un lavoratore è illeso, hanno detto sul social X.

Secondo Di Giacinto gli operai potrebbero aver respirato acido solfidrico, un gas naturale spesso associato agli impianti di trattamento dei rifiuti, tossico ad alte concentrazioni.

Un’elevata concentrazione di questo gas può causare problemi respiratori, convulsioni, coma e morte.

Gli incidenti mortali sul lavoro occupano regolarmente i titoli dei giornali italiani e sono al centro del dibattito sulla prevenzione dei rischi.

Ad aprile, sette lavoratori sono rimasti uccisi in un’esplosione nel sito di una centrale idroelettrica vicino a Bologna (nord). A febbraio, il crollo di una struttura in cemento nel cantiere di un supermercato a Firenze ha ucciso cinque persone.

-

PREV Zelenskyj si aspetta un’offensiva più ampia da parte delle truppe russe
NEXT Una bandiera americana capovolta mette in dubbio l’imparzialità della Corte Suprema