Gli Stati Uniti accusano la Russia di usare agenti chimici contro i soldati di Kiev

Gli Stati Uniti accusano la Russia di usare agenti chimici contro i soldati di Kiev
Gli Stati Uniti accusano la Russia di usare agenti chimici contro i soldati di Kiev
-

In una dichiarazione, il Dipartimento di Stato americano ha accusato Mosca di aver violato la Convenzione sulle armi chimiche durante le sue operazioni in Ucraina.

Gli Stati Uniti accusano la Russia di utilizzare un agente chimico, la cloropicrina, contro le forze ucraine in violazione della Convenzione sulle armi chimiche (CWC), secondo una dichiarazione del Dipartimento di Stato.

Inoltre, la Russia utilizza agenti antisommossa come “metodo di guerra in Ucraina, anche in violazione della convenzione”, aggiunge il testo.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), la cloropicrina è una sostanza chimica utilizzata come agente bellico e pesticida e, se inalata, rappresenta un rischio per la salute.

Nuove sanzioni

“L’uso di queste sostanze chimiche non è un incidente isolato ed è probabilmente motivato dal desiderio delle forze russe di sloggiare le forze ucraine dalle posizioni fortificate e compiere avanzamenti tattici sul campo di battaglia”, ha scritto il Dipartimento di Stato.

Allo stesso tempo, Washington ha annunciato mercoledì una nuova ondata di sanzioni contro aziende o individui russi o stranieri accusati di aver partecipato allo sforzo bellico russo nell’invasione dell’Ucraina.

Oltre alle società di difesa russe e alle entità cinesi, queste sanzioni riguardano anche diverse unità di ricerca e società coinvolte nei programmi russi di armi chimiche e biologiche.

“Il continuo disprezzo della Russia per i suoi obblighi ai sensi della CIAC è coerente con le operazioni di avvelenamento di Alexei Navalny, Sergei e Yulia Skripal con agenti nervini di tipo Novichok”, continua il dipartimento di Stato.

Alexeï Navalny, ex oppositore del presidente russo Vladimir Putin, è morto il 16 febbraio, vittima di un grave avvelenamento che ha attribuito al Cremlino. L’ex doppio agente russo Sergei Skripal e sua figlia Yulia Skripal sono stati avvelenati in Inghilterra nel 2018.

La Russia ha affermato di non possedere più un arsenale chimico militare, ma il Paese deve far fronte a pressioni per una maggiore trasparenza sull’uso di armi tossiche di cui è accusata.

I più letti

-

PREV Le misteriose mummificazioni spontanee dei defunti in un piccolo villaggio delle Ande
NEXT La Nigeria inaugura importanti progetti di gas per aumentare la propria offerta di oltre il 25%