Incontro con Elie Chapuis, conduttore losannese di “Sauvages!”

-

Dopo aver lavorato a “La mia vita da zucchina”, “Vietato ai cani e agli italiani” o anche ai film di Wes Anderson, il losannese Elie Chapuis fa parte della squadra di “Sauvages!”, di Claude Barras, in concorso a l’ultimo Festival dell’Animazione di Annecy. Incontrare.

(Commenti raccolti e formattati da Marine Guillain. Annecy 2024)

Chi sei?

Mi chiamo Elie, ho 44 anni, vengo da Losanna e vivo lì, ma lavoro in tutta Europa, che è una delle specificità dello stop motion. Sono un animatore di burattini, direttore dell’animazione e produttore.

Qual è stato il primo film d’animazione che hai visto?

“La carica dei 101”

Cosa ti ha dato allora?

Ricordo di essere rimasto completamente affascinato da questa avventura, ma ricordo soprattutto l’esperienza al cinema dove ero accompagnato da mia nonna.

Il film d’animazione che hai visto più volte?

Si svolge tra “Wallace & Gromit: The Wrong Pants” e “Dimensions of Dialogue”: devo averli visti tra le 30 e le 50 volte.

Qual è stato il primo lavoro che volevi fare?

Ero affascinato dagli escavatori e quando avevo circa quattro anni il titolo preciso del lavoro dei miei sogni era “il capo della pista del mondo”. È stata una prima vocazione molto forte!

“Selvaggi!” di Claude Barras, nelle sale dal 16 ottobre 2024.
© Frenetic Film AG

Come sei passato da aspirante “capo delle piste di tutto il mondo” ad animatore?

Ho avuto una rivelazione intorno ai 12 o 13 anni, vedendo film cechi in stop motion durante una giornata che celebrava i 100 anni del cinema in Francia su Arte. Erano molto semplici, erano così sorprendenti che sentivo il bisogno di capirli e provarli io stesso.

Qual è stato il passo successivo?

Ho iniziato a realizzare piccoli film nella soffitta dei miei genitori con i miei giocattoli o la plastilina e una macchina fotografica Super 8 quando ero adolescente. Più tardi ho incontrato i pionieri dell’animazione in Svizzera Nag Ansorge per esempio chi mi ha detto di provarci e chi mi ha aiutato con la rete. Successivamente mi sono formato alla Scuola dei Mestieri del Cinema d’Animazione (EMCA) di Angoulême.

Come sei finito sul set dei film di Wes Anderson?

Grazie ai colleghi inglesi che avevo conosciuto su “Max&Co”, ho saputo che stava per partire “Fantastic Mr Fox” e ho tentato la fortuna. Nessuno mi conosceva a Londra. Nel business funziona molto tramite la rete.

Chi è Wes Anderson per te?

È qualcuno che ha stabilito uno stile fin dai suoi primi film, nessuno lo aveva mai fatto prima ed è stato uno shock per me. Ho lavorato a “Fantastic Mr Fox” per quasi un anno, ma non avevo contatti con lui: non voleva stare sul set e veniva a vedere i set solo ogni due o tre mesi, nella pausa pranzo, quando c’era nessuno lì.

È molto diverso da quello che hai vissuto dopo, ad esempio in “Sauvages!”…

Sì, non è stato facile per la squadra e personalmente me ne sono pentito, perché le poche volte che l’ho incontrato l’ho trovato adorabile. Allo stesso tempo lui era al lavoro, gestendo tutto con attenzione, c’erano centinaia di scambi di email ogni giorno. Ha detto che se ciò che vedeva sullo schermo gli andava bene, non aveva bisogno di vedere cosa stava succedendo lì.

È successo lo stesso per “Isle of Dogs”?

Sì, c’era lo stesso stile di ripresa, ma meglio organizzato e più rilassato.



“Selvaggi!” di Claude Barras, nelle sale dal 16 ottobre 2024.
© Frenetic Film AG

Come hai conosciuto Claude Barras?

Credo che fosse in un cinema di Losanna che non esiste più, alla proiezione di “Banquise”, un cortometraggio che ha co-diretto con Cedric Louis. Poi ho lavorato con lui su “Sainte Barbe” ed è stato fantastico. Avevo appena fatto “Max&Co”, avevo imparato molto, mi sentivo sicura e l’atmosfera sul set era fantastica. Da allora, tra regia e produzione, Claude e io abbiamo lavorato insieme su una quindicina di progetti.

Qual è il tuo ricordo più bello delle riprese di “Sauvages”?

Spontaneamente, direi il primo giorno, quando devi darti un pizzicotto per dirti che dopo sette anni di preparazione, ecco, ci sono i set, la squadra, e si comincia davvero. E l’ultimo giorno, quando, dopo aver visto il montaggio preliminare in un cinema affittato per l’occasione a Martigny, siamo rimasti 1h30 sul marciapiede abbracciati e piangendo di commozione.

E qual è stata la sfida più grande?

La pressione costante di dover rispettare la scadenza stabilita e completare il film senza un solo giorno di ritardo.

Chi è il tuo personaggio preferito del film?

Ho un debole per Selai, cugino di Kéria, con la sua voce rotta e il suo lato lunare. Ha molto umorismo ed è molto onesto, è puro.

Quale scena ti tocca di più?

Quando il padre di Kéria racconta la vera storia di sua madre. È molto sobria, senza sfarzi, ma è iperespressiva. Questa sequenza è molto rappresentativa dello straordinario lavoro di Claude sulle emozioni.

Cosa significa proiettare il film qui ad Annecy?

Le sessioni nella grande sala Bonlieu con 1000 spettatori che reagiscono sono estremamente potenti. C’è molto rispetto per i film, perché tutti conoscono il lavoro che c’è dietro. Allo stesso tempo, è anche un pubblico esigente, quindi è spaventoso, ma quando va bene, è magico.

Puoi parlarci delle pellicole Helium?

È una società di produzione e uno studio di animazione fondato da Claudio Barras nel 2002 con cui ho aderito. Ci occupiamo principalmente di sviluppo, raccolta fondi, scrittura e produzione.

Tu stesso hai diretto due cortometraggi, “Imposter” nel 2013 e “Canard” nel 2023: hai un progetto per un lungometraggio?

Vorrei adattare un libro per bambini in un film in stop-motion di 26 minuti per la televisione. È un formato che mi entusiasma molto, perché trovo che in mezz’ora si possa raccontare una storia complessa e sviluppare dei personaggi, senza la pressione enorme del lungometraggio, che è complicato da finanziare e deve lavorare in sala. Sto anche facendo delle prove per un progetto cinematografico ispirato alla Land Art, in cui animerò elementi naturali, la foresta per esempio. Per quanto riguarda i lungometraggi, lavorerò al prossimo film di Claudio Barras, “Non sei tu quello che aspettavo”adattato dal fumetto di Fabien Toulmé.

Maggiori informazioni su “Wild!”

Nelle sale il 16 ottobre.

Leggi anche su Cineman:

Anteprima cinematografica

Anteprima cinematografica

Anteprima cinematografica

Anteprima cinematografica

-

NEXT Novità da Kendji Girac: infortunio, indagini e ritorno in scena