“Ghiacciata”: Sylvie Tellier commenta la reazione di Geneviève de Fontenay la sera in cui divenne Miss Francia

“Ghiacciata”: Sylvie Tellier commenta la reazione di Geneviève de Fontenay la sera in cui divenne Miss Francia
“Ghiacciata”: Sylvie Tellier commenta la reazione di Geneviève de Fontenay la sera in cui divenne Miss Francia
-

Sylvie Tellier è stata ospite di Audrey Crespo-Mara in “Sept à Huit” questa domenica

Ha ripensato a diversi momenti della sua carriera dopo l’incoronazione di Miss Francia.

In particolare i suoi rapporti tesi con Geneviève de Fontenay, alla quale succedette come capo del concorso.

Segui la copertura completa

Dalle sette alle otto

Dopo quasi due decenni alla guida di Miss Francia, Sylvie Tellier, che ha lasciato l’azienda nel 2022, ha deciso di sollevare il velo dietro le quinte, lontano dagli strass e dai lustrini, che la facevano tanto sognare quando guardava lo spettacolo con il suo madre e sorelle. Nella sua autobiografia Corona e pregiudizio, che uscirà il 29 maggio presso Fayard, racconta il suo viaggio disseminato di insidie. Tutto ebbe inizio in quella famosa sera del dicembre 2002 in cui la sua vita cambiò durante l’incoronazione di Miss Francia. “È un mix di emozioni, sono felice e molto sorpreso di essere stato eletto ma soprattutto scioccato”. racconta a Audrey Crespo-Mara nel video qui sopra, replica del “ritratto della settimana” trasmesso questa domenica su “Sept à Huit”.

Ma, appena eletta, Geneviève de Fontenay, fiera custode delle tradizioni all’interno del celebre concorso di bellezza, lo ignora, visibilmente delusa dalla scelta dei telespettatori. Quella sera una squadra del “Sept à Huit” è nella stanza e filma la sua reazione. Immagini commentate oggi da Sylvie Tellier. “Fa freddo tra noi anche se non ci conosciamo. C’è questa sedia che ci separa e voglio dirlo : ‘Che cosa ho fatto di male?'”, sbottò, prima di tentare una spiegazione. “Credo che la donna che rappresentavo non fosse stata una sua scelta in quel momento. Sono piccola per una Miss France. Mentre a quel tempo le Miss France erano alte 1,80 metri, io ero alta 1,72 metri, mi sto preparando per l’esame di avvocato, vengo da una famiglia abbastanza modesta e ho già un po’ di carattere, penso che abbia visto in me un elemento che sarebbe stato un po’ più difficile da gestire”, ammette.

“Come ha potuto tua madre renderti così piccolo?”

Nonostante questo inizio caotico, Sylvie Tellier dovrà fare i conti con questa figura nel concorso Miss France. Una storia che durerà otto anni. “Geneviève è una donna che ho sempre ammirato. Ho amato il suo carattere. Per me è un’icona. In seguito Geneviève non è stata una donna facile. All’inizio il nostro rapporto era estremamente freddo e difficile. Ricordo qualche osservazione da Geneviève che mi ha detto: ‘come ha potuto tua madre farti così piccolo?’ Poiché non ero grosso, ero basso e magro. A volte era molto aspra. Ma d’altra parte era una donna di carattere, di grande statura e rispettata.” spiega.

Sylvie Tellier descrive questa movimentata introduzione come un “Le ragazze preferite litigano”. “Élodie Gossuin era appena stata eletta Miss Francia, poi Miss Europa, quando io sono stata eletta Miss Francia e penso che Élodie rappresentasse la ragazza ideale per Geneviève. È alta, è bella, sorride, è simpatica. E io certamente aveva questo lato leggermente meno malleabile.”, assicura. Una preferenza che va lontano. “Sono eletta Miss Francia e normalmente c’è un appartamento aziendale che Élodie tiene perché è eletta Miss Europa. Sono obbligata ad andare a vivere con mio zio e mia zia e prendere la RER ogni mattina per venire al comitato di Miss Francia. È piuttosto difficile.”ricorda.

Puoi essere sia Miss Francia che una donna impegnata, una donna di potere.

Sylvie Tellier

Geneviève de Fontenay è arrivata al punto di descrivere Sylvie Tellier come “male necessario”. Un’espressione molto “difficile” per la giovane donna. Oggi crede che questo attacco fosse rivolto a lei “voglia di modernità” e il suo “capacità di incoraggiare la discussione”. “Non sono sempre andata per la sua strada. Quando non ero d’accordo con lei, gliel’ho detto. Con molto rispetto, ma gliel’ho detto,” lei dice. Ma lo scoglio tra le due donne arrivò nel 2007, quando Sylvie Tellier fu nominata da Endemol direttore generale della compagnia Miss France al posto di Xavier de Fontenay, figlio di Geneviève.

Con il culmine della vicenda delle foto nuda di Valérie Bègue, allora Miss Francia 2008. Geneviève de Fontenay, furiosa, ha chiesto il suo licenziamento, ma Sylvie Tellier si è opposta. “Geneviève mi ha sempre voluto”, lei dice. E nonostante un accordo di principio: Valérie Bègue mantiene il suo titolo, ma non parteciperà a competizioni internazionali e non farà tournée nelle regioni, questo compromesso non piacerà a nessuno.

Nel suo libro, Sylvie riconosce che dietro gli scandali e gli scontri si nascondevano, in definitiva, due visioni di Miss Francia in conflitto. “In effetti, c’è questa visione molto tradizionale che Geneviève riflette e d’altra parte, siamo nel 2007, le donne stanno iniziando a parlare apertamente, a prendere il potere e questa società sta iniziando a cambiare”, analizza. Ma come coniugare questa dicotomia? “Per me, le signorine incarnano le tradizioni, certamente, il rispetto, l’istituzione, la Francia, le regioni e, d’altra parte, devono anche incarnare questa donna moderna che è allo stesso tempo studentessa e che vuole anche questi lustrini (…) Possiamo essere sia Miss Francia che una donna impegnata, una donna di potere”insiste.

  • type="image/avif" class="jsx-4d89adcd260acbe7"> type="image/jpeg" class="jsx-4d89adcd260acbe7"> type="image/avif" class="jsx-4d89adcd260acbe7"> type="image/jpeg" class="jsx-4d89adcd260acbe7"> type="image/avif" class="jsx-4d89adcd260acbe7"> type="image/jpeg" class="jsx-4d89adcd260acbe7">>>>>>>

    Leggi anche

    “Molto commossa”, Sylvie Tellier insignita dell’Ordine Nazionale al Merito da Marlène Schiappa

Questa immagine di un traditore è rimasta a lungo sulla pelle di Sylvie Tellier e l’ha fatta “molto brutto”, ma ora questa mamma 45enne aspira a più serenità, lontana dai cliché che sempre legano questa elezione di reginette di bellezza. Alcuni accusano in particolare questa istituzione di trasmettere criteri stereotipati. “Non sono d’accordo”è commosso da Sylvie che crede che lo siamo “nello standard francese per una giovane donna di età compresa tra 36 e 42/44”. Per quanto riguarda le persone transgender, hanno un posto in questa competizione? «Voler mettere tutte le persone nello stesso posto in un concorso di bellezza solleva problemi normativi È possibile, ma in questo caso bisogna eliminare tutte le regole». lei risponde.

Tuttavia, dopo la sua partenza, la candidatura delle persone transgender è ormai autorizzata, così come quella delle donne sposate o con figli. Quindi Sylvie Tellier avrebbe a sua volta una visione rivolta al passato? “Ad un certo punto diciamo a noi stessi: ‘se non vuoi provare certe cose, vattene’. A volte, affinché qualcosa continui ad evolversi, devi lasciarlo.” conclude. Un modo per ribadire il concetto, nel caso qualcuno pensi ancora che sia stato accantonato.


Virginie FAUROUX | Commenti raccolti da Audrey Crespo-Mara

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione