Dopo aver vissuto a Ducasse de Mons con suo padre, Pascal Descamps vive lì con 130 amici: “Faccio magliette per farci vedere”

Dopo aver vissuto a Ducasse de Mons con suo padre, Pascal Descamps vive lì con 130 amici: “Faccio magliette per farci vedere”
Dopo aver vissuto a Ducasse de Mons con suo padre, Pascal Descamps vive lì con 130 amici: “Faccio magliette per farci vedere”
-

Mentre mercoledì è iniziata la Ducasse de Mons, molti aspettano con impazienza la domenica per unirsi alla famosa battaglia conosciuta come “Lumeçon”. Nel corso degli anni si sono formati tanti gruppi per vivere questo momento unico di Ducasse con gli amici o con la famiglia. È il caso di Pascal Descamps, direttore del ristorante La Bourse di Quiévrain, che ogni anno arriva a Mons in treno, accompagnato da alcuni amici… Saranno tra i 120 ei 130 quest’anno per godersi il folclore di Mons.

Da circa trent’anni, Pascal Descamps perpetua la tradizione recandosi con i suoi amici alla Cité du Doudou. Per l’occasione ha realizzato tante magliette dai colori vivaci per essere facilmente riconoscibili. “Quest’anno saremo un centinaio a Mons per Doudou. Saremo presenti principalmente la sera e, ovviamente, durante il combattimento. Le nostre magliette ti permetteranno di essere visto e riconosciuto tra la folla di visitatori che vengono a prendere parte ai festeggiamenti“, lui dice.

Di solito, tutti questi omini utilizzano i treni per raggiungere le terre di Mons e così si immergono nell’atmosfera già appena arrivano sui binari. Quest’anno i problemi verificatisi sulla ferrovia li costringeranno a modificare un po’ il programma. “Dovevamo trovare una soluzione per risolvere questo problema ferroviario. Per fortuna i servizi TEC sono riusciti ad aiutarci riservandoci due autobus che ci porteranno alla stazione di Saint-Ghislain. Da lì potremo riprendere il nostro consueto viaggio verso Mons”, spiega Pascal Descamps.

Le Doudou attira sempre più persone dal mercoledì: “Non aggiungeremo altri giorni, abbiamo una configurazione che funziona”

Una volta lì, i Quiévrainois potranno ritrovarsi facilmente nel loro quartier generale: La Clef du Hautbois. “Ci incontriamo sempre lì dopo aver litigato. È anche la nostra base dopo le numerose serate musicali previste durante il Doudou”, aggiunge Pascal Descamps.

Una storia di famiglia

Spesso abituato a raggiungere la corda, proverà a riuscirci anche quest’anno. Il compito non sarà facile poiché i gruppi sono sempre più numerosi ed importanti. Dovremo quindi collaborare per ottenere il prezioso sesamo: il pelo del drago. Tra tutti i suoi anni di esperienza, Pascal ha ovviamente molti ricordi. I più notevoli riguardano suo padre.

Gli ultimi litigi con mio padre sono alcuni dei miei ricordi più belli. Era un fan della Ducasse de Mons quanto me e ci andava ogni anno. Abbiamo davvero condiviso questo amore e questo fervore per Ducasse. Purtroppo è morto cinque anni fa. Ne ho ancora ottimi ricordi.“, lui dice.

Pascal lascerà Quiévrain con i suoi numerosi amici. ©DR

Ricordi indimenticabili che lo accompagnano ogni anno quando viene alla Cité du Doudou. Come molti Montois e visitatori provenienti dai quattro angoli del mondo, vivrà pienamente al ritmo di Ducasse per una settimana. Tutti sperano che il buon Dio venga da Montois e faccia quindi in modo che il tempo sia bello.

-

NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione