“Siamo l’agenzia di viaggi CSP”

-
>>

L’influencer Mariam N’diaye, a Parigi, il 14 febbraio 2024. ROBERTO FRANKENBERG PER “IL MONDO”

Mariam N’diaye ha un ricordo molto preciso del suo primo viaggio. Ha 13 anni e si prepara a lasciare il Senegal per la Mauritania. Stretta tra tre fratelli e sorelle nel sedile posteriore di un taxi scassato, parte per circa venti ore in macchina per raggiungere la terra dei suoi antenati.

Dall’MP3 di sua sorella, la musica risuona instancabilmente nell’abitacolo: Dalla fattoria, del rapper La Fouine. Mentre i paesaggi scorrono davanti ai suoi occhi da adolescente, Mariam ascolta attentamente le descrizioni dell’autista. “Se prendi questa strada arrivi in ​​Guinea, e da lì è il Mali. » Mariam allarga i suoi grandi occhi neri: “Non dobbiamo prendere l’aereo per viaggiare? » Di questo viaggio interminabile restano due cose: le parole inebrianti di La Fouine e il suo gusto per i viaggi su strada.

Quindici anni dopo, in un colorato open space alle 13e quartiere di Parigi, Mariam N’diaye non ha ancora perso la voglia di viaggiare. Ne ha fatto addirittura la carriera. È cofondatrice di Broke and Abroad, una piattaforma di viaggio per giovani studenti e professionisti, che offre buoni affari in base al loro budget e ai loro desideri.

300.000 abbonati alle reti

L’azienda organizza il soggiorno dalla A alla Z, dai biglietti aerei alle prenotazioni alberghiere, spesso a prezzi molto vantaggiosi. Creata nel 2019, la start-up ha ha permesso di organizzare quasi 200.000 viaggi e conta 300.000 iscritti sui social network. Per beneficiare delle tariffe ridotte i viaggiatori dovranno versare la somma di 4,99 euro al mese. “Siamo l’agenzia di viaggi per CSP−”specifica Mariam ridendo.

Mentre il 41% dei francesi si dice disposto a prendere l’aereo solo quattro volte nella vita, il modello Broke and Abroad, che offre biglietti aerei poco costosi, sembra andare contro i tempi. “Sul sito ci sono troppo poche offerte cosiddette “verdi”. È ancora una richiesta da parte dei viaggiatori, anche di quelli che non hanno molti soldi”, afferma Béatrice Jarrige, economista dei trasporti e membro del think tank The Shift Project. In un rapporto pubblicato nel 2022, il think tank sulla transizione ecologica indica che i viaggi a lunga distanza dipendono per il 90% da modalità di trasporto ad alta intensità di carbonio, come aerei e automobili, che emettono 41 milioni di tonnellate di CO₂ equivalenti all’anno.

L’ideatrice della piattaforma difende il suo modello e assicura di promuovere sia il treno che l’aereo per i viaggi in Europa. “Ma il nostro pubblico target è ancora preoccupato per il denaro e il tempo e non ha nemmeno molto tempo libero. Farli prendere un treno poi un autobus poi una nave per andare in Senegal non avrebbe senso per loro”si giustifica.

Ti resta il 69,56% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

-

PREV Cassagnabère-Tournas. Éole Dub alla Pistouflerie
NEXT “È la competizione più bella”: questi panettieri della Dordogna partecipano alla Miglior Panetteria di Francia sulla M6