arriva in rue du Bailli un nuovo indirizzo di pizza e pasta come a Napoli

arriva in rue du Bailli un nuovo indirizzo di pizza e pasta come a Napoli
arriva in rue du Bailli un nuovo indirizzo di pizza e pasta come a Napoli
-

La cucina italiana generalmente unisce tutti. Una recente classifica di cui vi abbiamo parlato in questo articolo ha classificato anche la cucina italiana al primo posto tra le migliori cucine del mondo, in particolare grazie a piatti emblematici di questo Paese come le tagliatelle. al ragù, risotto e ovviamente pizza. Per gli appassionati di quest’ultima e più precisamente della pizza napoletana, Nona risulta essere uno degli indirizzi di riferimento nella capitale. Per Federica, italiana che vive a Bruxelles da 13 anni, è uno degli indirizzi brussellesi dove mangiare le migliori pizze della capitale. “Le pizze di Nona sono ottime! Gli ingredienti sono ricchi di sapore e sempre ben scelti. A differenza di altre pizzerie, i prodotti provengono dal Belgio, quindi c’è un vero ancoraggio locale e il rispetto delle stagioni.”, ci ha confidato un altro articolo.

A pochi passi da questo futuro nuovo indirizzo, troviamo già Roru:

Serve pizze degne di quelle che si possono gustare a Napoli, ma Sebastian Dupont, l’imprenditore dietro Nona, desiderava creare una pizzeria in stile belga. Un luogo dove gustare pizze cotte sul fuoco a legna ad un prezzo ragionevole, ma soprattutto realizzate con ingredienti locali.

1, 2, 3, 4 poi 5 indirizzi!

Dopo il successo di questi diversi indirizzi a Sainte-Catherine, Mérode e recentemente a Flagey, la marca cavalca l’onda aprendo un nuovo indirizzo, questa volta situato in rue du Bailli. L’idea di questo nuovo indirizzo rimarrà generalmente la stessa. I clienti abituali sanno che qui sul gusto non si scende a compromessi, anche se questo significa avere meno scelta rispetto a una pizzeria tradizionale, l’importante è rispettare la stagionalità dei prodotti, ma anche il cortocircuito. La mozzarella, ad esempio, proviene da un’azienda agricola di Semel, nel comune di Neufchâteau, unico produttore belga a produrre mozzarella 100% di latte di bufala. Per quanto riguarda le verdure, provengono da Le Monde des Milles Couleurs di Ypres.

Non stupitevi quindi di non trovare il basilico sulle vostre pizze o sulla pasta tutto l’anno, viene servito solo quando viene coltivato in Belgio, cioè 4 mesi all’anno. I produttori belgi saranno quindi sempre sotto i riflettori per rimanere nel cortocircuito e consentire ai clienti di mangiare il più localmente possibile. Se crediamo alla logica di Nona, questo nuovo indirizzo offrirà solo pasta. Infatti, l’espansione di Nona nelle zone più frequentate della capitale è già a buon punto: a Sainte-Catherine c’è un marchio dedicato alle pizze, un altro alla pasta. A Flagey l’indirizzo offre solo pizze. Vista la posizione molto vicina a rue du Bailli, è quindi lecito scommettere che serva solo pasta. Sui social le scommesse sono comunque lanciate.

Pasta al dente

Se l’indirizzo si concentra sulla pasta, possiamo già aspettarci ricette deliziose come l’immancabile amatriciana o il pomodoro. Il menù cambia ogni mese a seconda delle stagioni. A maggio gli asparagi sono ovviamente protagonisti con il Rigatone con asparagi verdi arrostiti, lardo di Colonnata, scorza di limone, parmigiano reggiano e prezzemolo. Se la pasta proposta da Nona piace tanto agli appassionati della cucina italiana è innanzitutto perché è cotta alla perfezione (al dente per favore!), ma anche perché la pasta è fatta con semola di grano duro biologica pugliese. Perché sì, per alcuni prodotti che non si trovano in Belgio, Nona si prende una piccola pausa. Allo stesso modo ad esempio per il guancialeolio d’oliva e vini che provengono direttamente dall’Italia.

Non resta che scoprire cosa ci riserva questa nuova Nona! Restate connessi, vi terremo informati sulla data di apertura non appena sarà nota. Nel frattempo potete già recarvi ad uno dei quattro indirizzi esistenti.

In pratica

Nona, rue du Bailli. Informazioni in arrivo.

Non perdere nessuna notizia sullo stile di vita sosoir.lesoir.be e iscriviti subito alle nostre newsletter tematiche cliccando qui.

-

PREV Grand Pic Saint-Loup: spazio per due nuove mostre a Claret e Les Matelles
NEXT Potresti fare una crociera con Guylaine Tremblay e Marie-Claude Barrette