Kylian Mbappé, Squeezie, Mister V… Questi idoli dei giovani che si oppongono all’estrema destra – rts.ch

-

Il fine settimana è stato caratterizzato da numerose manifestazioni contro il Raduno Nazionale in Francia e influencer e atleti famosi, come Squeezie o Kylian Mbappé, hanno chiesto un voto giovanile contro l’estrema destra. I dirigenti del partito denunciano critiche “sconnesse”.

Mentre la Francia è entrata ufficialmente nella campagna per le elezioni legislative anticipate, dopo il presentazione delle liste domenica ore 18:00Sabato in diverse città si sono svolte quasi 200 manifestazioni contro l’estrema destra, in particolare su appello di sindacati e partiti di sinistra, riunendo tra 250.000 e 640.000 persone in totale, secondo diverse fonti.

>> Leggi di più: Circa 250mila persone in piazza in Francia contro l’estrema destra

Ma oltre alla pressione della piazza e dell’apparato politico, il fine settimana è stato caratterizzato anche da personaggi pubblici che di solito sono molto discreti nel parlare del dibattito politico.

Il videografo Squeezie, il secondo YouTuber in Francia per numero di iscritti e seguito da più di 8,8 milioni di persone su Instagram, ha diffuso venerdì un comunicato stampa in cui spiega nel dettaglio la sua posizione. Egli cita ad esempio i voti dell’Assemblea nazionale dei deputati della RN contro le misure a favore del potere d’acquisto o dell’uguaglianza dei sessi, nonché il voto contro il riconoscimento della schiavitù come crimine contro l’umanità.

L’opposizione ferma a un’ideologia estrema che sostiene l’odio e la discriminazione va oltre qualsiasi posizione politica

Lucas Hauchard, detto Squeezie

Nel suo lungo messaggio, diffuso da altri colossi di Internet come Cyprien o Sofyan, ricorda che la RN “è riuscita a lisciare la propria immagine e a far finta di non essere un partito di estrema destra”, soprattutto grazie ad “un’intensa propaganda sostenuta da alcuni media”. “Non c’è vergogna nel cascarci”, continua. Ma “non c’è vergogna nel cambiare idea” e nel “cambiare pensiero”.

“Non ho mai voluto parlarvi di politica (…) perché ognuno è padrone delle proprie convinzioni e non voglio che le mie influenzino le vostre. Ma penso che opporsi fermamente ad un’ideologia estrema che propugna l’odio e la discriminazione vada oltre ogni posizione politica”, sostiene il giovane di 28 anni.

Contenuto esterno

Questo contenuto esterno non può essere visualizzato perché potrebbe raccogliere dati personali. Per visualizzare questo contenuto è necessario autorizzare la categoria Social networks.

Accettare Maggiori informazioni

Prima di Squeezie, altri importanti personaggi di Internet avevano pubblicato posizioni, come l’influencer e creatrice di contenuti Léna Situations (4,6 milioni di abbonati su Instagram), in risposta a un messaggio razzista, gli streamer Ponce o Kameto, o anche il videografo e cantante Mister V, che ha invitato i suoi 6,3 milioni di abbonati “ad andare a votare – e ovviamente non per [fascistes]”.

In lettera pubblicato in formato simile su Instagram, il presidente della RN Jordan Bardella ha accusato “multimilionari che rispondono alla nobilissima professione di influencer” di impegnarsi “contro milioni di francesi copiando/incollando argomenti tanto grossolani quanto menzogneri” . Sottolinea che la RN ha sostenuto, ad esempio, i pasti a un euro per gli studenti, nonché la regolamentazione dei margini delle aziende agroalimentari.

I Blues parlano nonostante l’Euro

Un altro discorso degno di nota è stato quello del calciatore Marcus Thuram sabato, due giorni prima dell’ingresso della Francia nell’Euro. Il figlio di Lilian Thuram, lui stesso impegnato da tempo contro il razzismo, ha detto in conferenza stampa che “come cittadini dobbiamo lottare affinché la Rn non passi”.

Il giorno dopo, è stato il capitano e superstar dei Blues Kylian Mbappé a invitare a “fare la scelta giusta” durante le elezioni. Interrogato sulle dichiarazioni del compagno di squadra, ha spiegato che “condivideva gli stessi valori”. “Sono con lui, non è andato troppo lontano”, ha detto.

“Spero che saremo ancora orgogliosi di indossare questa maglia il 7 luglio (…). Sono contro gli estremi, contro le idee che dividono (…). Penso e spero che siamo tutti nella stessa situazione.

>> Ascolta anche i dettagli dal Forum:

I Blues entrano nell’euro e chiedono il voto alle elezioni legislative in Francia / Forum / 2 min. / ieri alle 19:00

Contenuto esterno

Questo contenuto esterno non può essere visualizzato perché potrebbe raccogliere dati personali. Per visualizzare questo contenuto è necessario autorizzare la categoria Social networks.

Accettare Maggiori informazioni

L’estrema destra “contraria ai valori dello sport”

Nel frattempo, un collettivo di sportivi francesi, in pensione o attivi e di tutte le discipline, ha pubblicato un articolo sul quotidiano L’Equipe. Tra i firmatari ci sono Yannick Noah, Marion Bartoli e Jo-Wilfried Tsonga (tennis), la velocista in pensione Marie-José Pérec e il judoka Axel Clerget.

“Siamo ben consapevoli delle crescenti difficoltà che molti incontrano per arrivare a fine mese, della rabbia per le disuguaglianze (…) Ma come sportivi professionisti, allenatori e decisori, non possiamo rassegnarci a vedere l’estrema destra prendere il potere in il nostro Paese”, scrivono.

L’atleta paralimpico Arnaud Assoumani, da parte sua, ha affermato che non stringerà la mano a Jordan Bardella in caso di vittoria della RN alle elezioni legislative.

Atleti “scollegati”?

“Il rispetto è uno dei capisaldi dello sport (…) L’estrema destra calpesta questo rispetto ogni giorno (…) ci ha permesso di emanciparci e ci ha insegnato la fraternità, la solidarietà e lo spirito di squadra. Ce lo ha dimostrato nostro malgrado. differenze (…) la nostra diversità è una forza L’estrema destra sfrutta queste differenze e manipola le nostre paure per dividerci”, continuano i firmatari della piattaforma, citando il Raduno Nazionale e la Riconquista.

Interrogato lunedì su queste posizioni a La Matinale de la RTS, il vicepresidente del Raggruppamento Nazionale Louis Aliot ha respinto le critiche con gli stessi argomenti del suo leader. Crede che siano opera di personalità o atleti disconnessi dalla popolazione.

“Spero che ci sia una piattaforma di operai, contadini, impiegati, dipendenti pubblici che dicano: anche noi esistiamo (…) e viviamo con difficoltà. La sinistra è arrivata al potere e non ha fatto nulla per noi come se la destra e il Raggruppamento Nazionale ci parlassero (…) quindi voteremo per loro’, ha dichiarato.

>> Leggi su questo argomento: Per Louis Aliot il programma economico del RN “rassicurerà tutti”

Da parte sua, il primo ministro Gabriel Attal ha sottolineato che “i giovani che parlano ai giovani, che sono modelli per loro, fanno il loro ruolo chiamandoli ad un dovere civico”.

Contenuto esterno

Questo contenuto esterno non può essere visualizzato perché potrebbe raccogliere dati personali. Per visualizzare questo contenuto è necessario autorizzare la categoria Social networks.

Accettare Maggiori informazioni

Il voto legislativo, di cui la RN è favorita dopo la vittoria alle elezioni europee, è previsto per il 30 giugno e il 7 luglio. Secondo il diverso sondaggial partito spetta il 31-33% delle intenzioni di voto per le elezioni legislative, davanti all’alleanza di sinistra del Nuovo Fronte Popolare (25-28%), mentre la maggioranza presidenziale fatica a raggiungere il 20%.

>> Si veda a questo proposito l’intervista a Matthieu Gallard, direttore della ricerca presso l’istituto di sondaggi Ipsos. :

Quali sono le principali tendenze prima delle elezioni legislative in Francia: intervista a Matthieu Gallard / Forum / 6 min. / Venerdì alle 18:00

Pierrik Giordano

-

NEXT Krishen Manaroo: il soffio di vita di un giovane giocatore del “Bansuri”.