I genitori di Mylène Mackay le hanno lasciato una preziosa eredità

-

L’amore per la natura non ha mai abbandonato Mylène Mackay, cresciuta a Les Jardins du Grand-Portage. Da questa infanzia unica, l’attrice ha mantenuto una visione della vita intrisa di saggezza e filosofia. Da quest’estate interpreterà Marcelle Gauvreau Dimmi perché queste cose sono così belleMylène renderà in qualche modo omaggio all’eredità dei suoi genitori: una madre erborista e un padre giardiniere e poeta.

• Leggi anche: Pascale Bussières e Mylène Mackay sono le protagoniste di un thriller poliziesco

• Leggi anche: Ecco gli attori che si uniscono a Pascale Bussières e Mylène Mackay in questa nuova serie poliziesca

Mylène, prima di tutto, attualmente possiamo vederti nella nuova serie Il mediatore. Il tuo personaggio di donna ingannata decide di vendicarsi. È uno sbocco per molti!

Veramente! La serie è scritta molto bene e l’argomento è straordinario. Sono rimasto affascinato da questa proposta. Siamo molto legati a Catherine, il mio personaggio, che sta vivendo una tragedia. Credo che tutti possano identificarsi con la propria situazione o conoscere qualcuno che l’ha vissuta. Lei e la sua amica diventano vigilantes. Ovviamente, nella vita, non ci vendicheremmo come fanno loro, ma sembra che non li biasimiamo. Credo sia importante parlare della rabbia, un’emozione di cui è difficile parlare. Si dice spesso che le donne siano isteriche quando sono arrabbiate, mentre si dice che gli uomini abbiano carattere. Viene percepito diversamente. Per quanto riguarda Catherine, non si tratta di isteria, ma di riprendersi il potere. Siamo stati educati a reprimere questa emozione. La serie gli dà spazio. Ecco perché ci si sente bene. Sono felice di interpretare questa donna che è una brava persona e può oscillare tra due estremi. Mi è piaciuto girare le scene in cui il mio personaggio ascolta i suoi clienti.

Saresti potuto diventare uno psicologo?

Adoro analizzare i personaggi e le emozioni umane, ma sono troppo poroso e sensibile per essere uno psicologo. Ho molta ammirazione per coloro che lo sono. Nel mio lavoro, anche se la testa sa che stiamo inventando, il corpo sente le emozioni. Se recito un attacco di panico, il mio corpo sperimenta quell’energia, anche se non mi appartiene. Da parte mia, ho bisogno di uno stile di vita molto sano mentre giro: sonno, alimentazione sana, acqua, vitamine. Per riprendermi tra un progetto e l’altro, quando possibile mi piace prendermi del tempo per me stessa.

Cosa fai in questi momenti?

Ho preso l’abitudine di partecipare ai ritiri di yoga. Andrò in un posto straordinario in Messico, con Brigitte Longueville, un’insegnante che ha studiato in India. Ho fatto diversi ritiri con lei. È il modo migliore per rigenerarmi a tutti i livelli. Quando ho finito la scuola di recitazione, lo yoga mi ha davvero aiutato ad affrontare il processo di audizione. Mi ha aiutato ad accettare i rifiuti e a sviluppare più serenità.

>>>>>>>>

Pubblicazioni Eric Myre / TVA

Ho letto che tuo padre sarebbe un poeta. Non è banale, però!

Mio padre fa un sacco di cose. È giardiniere, cuoco e poeta. Sono nato nella casa di famiglia, in un giardino aperto al pubblico. Mia madre aveva tre figli nella nostra casa, a Saint-Didace. I miei genitori sono arrivati ​​lì a 18 e 20 anni. Comprarono il terreno e costruirono una casa dal fienile. Hanno avviato un giardino ecologico. È stato come un ritorno alla terra. Volevano mangiare ciò che coltivavano. Era il loro sogno. Ci sono nato. Quando ero bambino, sapevo che era speciale, perché eravamo gli unici a mangiare le verdure biologiche raccolte dal nostro orto… (ride) Mio padre faceva il suo pane, la sua maionese. Eravamo vegetariani. Mia madre è un’erborista. Mi ha curato e mi cura ancora con le piante. I miei genitori sono grandi intenditori.

Guardando indietro, sei grato per questa preziosa eredità?

SÌ. E sono grato di aver avuto spazio per creare. Più spazio hai, bambino, più puoi creare. Disegnavo, cantavo, facevo il circo. Guardavamo un po’ la TV, ma i nostri genitori volevano davvero che giocassimo all’aperto e godessimo della natura.

Hai sentito la chiamata alla professione?

No, perché non sapevo che fosse un lavoro. Mi sono innamorato del teatro quando avevo 10 anni. Avevamo intenzione di mettere in scena uno spettacolo a Saint-Gabriel-de-Brandon. Volevo il ruolo principale. Da quel momento ricordo l’emozione, l’emozione, l’adrenalina. Avevo anche una grande passione per la danza. Avrei potuto ballare, ma è stato il destino a scegliere… Mio padre mi ha iscritto alle audizioni di balletto alla prima scuola secondaria e abbiamo visitato una scuola con un focus di teatro. Fui accettato al balletto, ma il programma non ebbe luogo quell’anno. Così sono andato a teatro e questo ha cambiato il mio percorso.

I tuoi genitori sentivano di avere a che fare con un artista?

I miei genitori l’hanno visto più di me e non potrò ringraziarli abbastanza. Non tutti i genitori incoraggiano i propri figli a intraprendere la carriera artistica. Non volevo andare a studiare a Montreal. Manifestavo per restare in campagna… (ride) Ero in guerra con i miei genitori che cercavano di convincermi che mi sarebbe piaciuto. Alla fine, dopo tre settimane di scuola, ero come un pesce nell’acqua. I miei genitori avevano ragione.

>>>>Il fratello Marie-Victorin (Alexandre Goyette) diventa amico della sua studentessa, Marcelle Gauvreau (Mylène Mackay). Entrambi sono arrivati ​​vicini alla morte e condividono lo stesso amore per Dio e per la natura.
>
>
>
>

Il fratello Marie-Victorin (Alexandre Goyette) diventa amico della sua studentessa, Marcelle Gauvreau (Mylène Mackay). Entrambi sono arrivati ​​vicini alla morte e condividono lo stesso amore per Dio e per la natura.

Anche per loro è stato un sacrificio…

Sì, perché la nostra famiglia non viveva più insieme a tempo pieno. Ho vissuto con i miei genitori, mia sorella e mio fratello fino all’età di 11 anni. Poi uno dei miei genitori dovette restare in campagna, così la domenica sera mio padre veniva con me in autobus. Fino a mercoledì ho vissuto a Montreal con mio padre e mio fratello, che frequentavano una scuola di studi sportivi. Poi, il giovedì e il venerdì, è subentrata mia madre. Nel fine settimana eravamo tutti insieme. Tutto questo affinché possiamo realizzare le nostre passioni. È davvero incredibile! I miei genitori sono ancora amanti, non erano separati, quindi dovevano stare lontani l’uno dall’altro durante la settimana. È pur sempre una storia marginale…

Hai altri impegni in programma?

Ho pubblicato una raccolta di poesie illustrate. Mio padre mi ha introdotto alla poesia quando ero giovane. È un crepacuore in cinque stagioni, la storia di una guarigione, una ricerca di tenerezza verso se stessi. I miei progetti artistici sono sempre stati molto politici. Ho una compagnia teatrale chiamata Ciao ciao principessa, che ho fondato dopo aver lasciato la scuola con due amici. Abbiamo proposto Loro XXXuno spettacolo abbastanza crudo.

Ti vedremo anche al cinema?

SÌ. Ho avuto la fortuna di avere una colonna sonora nel filmAndré Forcier, Ababouiné. Adoro il suo cinema. È veramente un poeta. Sarò un lungometraggio Dimmi perché queste cose sono così belle che uscirà quest’estate. Interpreto Marcelle Gauvreau, che ha avuto uno scambio epistolare con il fratello Marie-Victorin. Era un’unione mistica. È sia un inno alla loro storia d’amore che alla natura. Mia madre è erborista, mio ​​padre insegnava all’Orto Botanico e vinse il Premio Henry Teuscher. I miei genitori non riescono a credere che mi sono trovata al centro di questa storia. Mi sento così fortunato…

>>>>
>
>
>
>

Poco dopo questo meraviglioso incontro, 7 Jours hanno appreso che Mylène sarà la protagonista, insieme a Pascale Bussières, della nuova serie poliziesca Corvi, che presto prenderà vita su Club illico. Altri attori di talento come Mani Soleymanlou, Iannicko N’Doua, Marie Tifo, Amélie B. Simard, Marie-France Lambert e molti altri si uniranno a questo thriller che promette di essere emozionante.

Il mediatore è disponibile su Tou.tv Extra. Dimmi perché queste cose sono così belle uscirà nelle sale il 21 giugno.

Guarda anche:

-

PREV Alysson Paradis, una “liberazione” per Lily-Rose e Jack Depp: i suoi segreti sui figli di Vanessa Paradis
NEXT A 71 anni, Brigitte Macron adotta l’acconciatura che sicuramente ringiovanirà il viso