Presentato a Bruxelles il rapporto sui produttori cinesi di veicoli a nuova energia in Europa – Xinhua

Presentato a Bruxelles il rapporto sui produttori cinesi di veicoli a nuova energia in Europa – Xinhua
Presentato a Bruxelles il rapporto sui produttori cinesi di veicoli a nuova energia in Europa – Xinhua
-

(Xinhua/Peng Ziyang)

BRUXELLES, 19 giugno (Xinhua) — Il Servizio di informazione economica dell’agenzia di stampa Xinhua e la Camera di commercio cinese presso l’Unione europea (CCCEU) hanno lanciato mercoledì congiuntamente un rapporto sui produttori automobilistici cinesi: la nuova energia in Europa.

Il rapporto intitolato “Greening Europe – Rapporto sullo sviluppo dei produttori cinesi di veicoli a nuova energia in Europa” è stato lanciato in concomitanza con la tavola rotonda dei CEO Europa-Cina tenutasi a Bruxelles.

Intervenendo nell’occasione, il presidente dell’agenzia di stampa Xinhua Fu Hua ha affermato che la Cina e l’Europa sono pienamente in grado di ottenere vantaggi reciproci e una cooperazione vantaggiosa per tutti nel settore dei veicoli a nuova energia, dato il loro impegno nel promuovere il risparmio energetico, la riduzione delle emissioni di carbonio e l’armonia convivenza tra uomo e natura.

In qualità di agenzia di stampa nazionale cinese operante a livello globale e di principale think tank, Xinhua News Agency ha prodotto una serie di notizie e think tank ampiamente seguiti sullo sviluppo della Cina dei nuovi veicoli energetici e sulla cooperazione Cina-Europa nel settore dei nuovi veicoli energetici, ha affermato Fu .

Il rapporto pubblicato mercoledì analizza la domanda globale di veicoli a nuova energia e riassume lo sviluppo e i vantaggi competitivi dell’industria cinese in questo campo, fornendo preziosi riferimenti alla Cina e all’Europa per rafforzare la cooperazione tecnologica, gli scambi politici, la catena di approvvigionamento collaborazione e investimenti, ha continuato.

Definendo la leadership cinese nelle industrie di decarbonizzazione “la via da seguire”, Brice Lalonde, ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite, ha confermato che la Cina ha accumulato guadagni di produttività nel settore dei nuovi veicoli energetici e ha compiuto tutti i passi necessari.

“Dobbiamo cercare di collaborare con la Cina”, ha raccomandato Lalonde, che è anche presidente di EdEn, un’associazione di aziende impegnate nella decarbonizzazione in Francia e in Europa. “L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è una guerra commerciale (…). È meglio impegnarsi in discussioni bilaterali per affrontare la complessità delle questioni”, ha sottolineato.

Durante la tavola rotonda, i partecipanti hanno convenuto che la Cina e l’Europa dispongono di un’ampia base per la cooperazione nello sviluppo di nuovi veicoli energetici e nel raggiungimento della neutralità del carbonio.

Invitando la Cina e l’Europa a mantenere relazioni aperte e cooperative, hanno osservato che l’imposizione di tariffe protettive alla fine danneggerebbe le case automobilistiche e i consumatori europei e avrebbe un impatto negativo sull’economia europea. FINE

-

PREV Ferrero lancerà una Nutella “vegetale”.
NEXT Governo federale | Ritorno in ufficio tre giorni alla settimana: il 91% è contrario