Il MIX, a Rouen, è finito: “Ci troviamo improvvisamente di fronte al fatto compiuto”

Il MIX, a Rouen, è finito: “Ci troviamo improvvisamente di fronte al fatto compiuto”
Il MIX, a Rouen, è finito: “Ci troviamo improvvisamente di fronte al fatto compiuto”
-

Di

Tommaso Rideau

pubblicato su

17 giugno 2024 alle 19:26

Vedi le mie notizie
Segui 76actu

“Non è colpa di nessuno. A meno che non sia quello del modello economico previsto dallo Stato. » Il “MIX” è finito. Nella metropoli di Rouen, questo luogo ibrido che voleva riflettere sulla “mobilità di domani” non vivrà un terzo anno. Un sussidio per agire e favorire il suo scioglimento è stato votato durante il consiglio metropolitano di lunedì 17 giugno 2024.

La constatazione è chiara da parte di Metropolis (principale finanziatore della struttura) che precisa che l’associazione non è in grado di “trovare il proprio equilibrio finanziario”. Infatti, secondo il conteggio della metropoli di Rouen, il 2,2% delle entrate proveniva dalla fornitura di servizi. Il resto sono sovvenzioni e contributi.

Un’associazione “non vitale”.

“L’associazione non è riuscita a trovare una velocità di crociera sufficiente per garantirne la sostenibilità”, indica con un linguaggio colorito la metropoli di Rouen. Anche un ufficio studi ha stabilito in un rapporto che l’associazione “non è vitale”.

fine del MIX è stato quindi ufficializzato questo lunedì 17 giugno 2024 durante il consiglio metropolitano. Un contributo finale dell’importo massimo di 300.000 euro è stato stanziato per consentire all’associazione di terminare le proprie attività nel rispetto delle norme. Una somma che consentirà pagare gli ultimi stipendi e pagare le tasse dell’Urssaf. Anche la metropoli ha rinunciato a chiedere gli ultimi affitti da gennaio (l’associazione ha occupato i locali metropolitani). Un affitto che ammontava a 10.000 euro.

Nove dipendenti

“Fin dall’inizio voleva generare entrate. Eravamo sospettosi”, dice 76actu una personalità attiva nel mondo associativo di Rouen. “Si pone anche il problema del coordinamento della democrazia locale. Non capiamo davvero il motivo di avere così tanti posti diversi. [comme le Pavillon des transitions, NDLR]. »

Il MIX, che doveva “sostenere i cambiamenti della mobilità verso una mobilità più pratica ed eco-responsabile”, non vivrà quindi un terzo anno.

Video: attualmente su Actu

“Ci troviamo improvvisamente di fronte al fatto compiuto”

Durante il consiglio metropolitano, l’opposizione, con gli Eletti Indipendenti per una Metropoli Territoriale, è rimasta sorpresa nello scoprire le difficoltà dell’associazione. “Abbiamo dovuto iniettare denaro pubblico e lo stiamo reintegrando per sciogliere questa associazione”, si rammarica Marino Caron. “Stiamo parlando di soldi pubblici”, continua l’eletto, chiedendo quale cifra sia stata versata dalla creazione di questa struttura.

“Ci troviamo improvvisamente di fronte al fatto compiuto”, lamenta. Alla sua voce si unirà quella di Catherine Flavigny, sindaco di Mont-Saint-Aignan.

Quanti soldi pubblici sono stati versati da Metropolis a questa associazione? Presidente Nicolas Mayer-Rossignol si rifiuta di rispondere. E per attribuire lo “spirito di curiosità” di alcuni a “questo” periodo elettorale.

Colpa del modello economico secondo il presidente

“L’avvio di questo tipo di associazioni prevedeva inizialmente finanziamenti esclusivamente pubblici che poi vengono convertiti in finanziamenti privati”, ricorda il presidente che critica questo sistema. “L’associazione ha cercato di trovare ricette, ma si è presto ritrovata bloccata nell’acqua. […] È colpa di questo modello economico. Abbiamo concordato di fermare le accuse. »

Questa somma di 300.000 euro dovrebbe consentire di aiutare i nove dipendenti a rilanciarsi. Questo è secondario, ma resta la questione del futuro di questi bellissimi uffici di 450 m², situati tra il Gros Horloge e il tribunale.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori