un nuovo volo dell’Air France ha dovuto essere dirottato, questa volta su Montreal

un nuovo volo dell’Air France ha dovuto essere dirottato, questa volta su Montreal
un nuovo volo dell’Air France ha dovuto essere dirottato, questa volta su Montreal
-

Per la seconda volta in tre giorni un aereo dell’Air France, progettato dal costruttore Boeing, è dovuto atterrare d’urgenza a causa dell’odore di caldo nella cabina.

Sfortuna per Boeing e Air France. Per la seconda volta in tre giorni un aereo dell’azienda francese, costruito dal costruttore americano, ha dovuto effettuare un atterraggio d’emergenza a causa dell’odore di caldo avvertito nella cabina.

Il volo Air France 021, operato da un Boeing 777-200 e che inizialmente doveva collegare Los Angeles a Parigi Charles-de-Gaulle, è stato dirottato a Montreal, in Canada, dove è atterrato alle 22:13 ora locale, giovedì 9 maggio .

“È stato dirottato dopo quattro ore di volo, in conformità con le procedure del produttore, le istruzioni della compagnia e in applicazione del principio di precauzione”, confida il vettore aereo.

“L’atterraggio è stato effettuato alla presenza dei vigili del fuoco, come previsto dalla procedura”, aggiunge.

Sul posto i vigili del fuoco

Le immagini diffuse sul social network X mostrano infatti la presenza di diversi mezzi dei vigili del fuoco sulla pista dell’aeroporto di Montreal.

Ai 315 clienti sono state offerte soluzioni di alloggio in loco a bordo dell’aereo, nonché voli sostitutivi in ​​D+1 o D+2.

All’inizio della settimana, martedì 7 maggio, un Boeing 787-900 dell’Air France aveva già dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a causa di un odore di caldo rilevato a bordo. Fu poi dirottato a Iqaluit, nell’estremo nord canadese.

Serie nera per Boeing

Per il produttore americano la serie nera sembra infinita. Mercoledì 8 maggio un aereo cargo Boeing 767 della Fedex Express, che volava da Parigi a Istanbul, ha subito la rottura del carrello di atterraggio. Spettacolare, l’incidente fortunatamente non ha provocato feriti.

Il 9 maggio, questa volta in Senegal, all’aeroporto internazionale Diass vicino a Dakar, un Boeing 737/300 noleggiato da Air Senegal è uscito di pista durante il decollo, provocando 11 feriti.

Questi diversi incidenti si verificano mentre la Boeing è oggetto di numerose indagini oltreoceano da parte della American Civil Aviation Agency (FAA), riguardanti i suoi aerei 787 Dreamliner e 737 MAX.

I più letti

-

PREV Sulla necessità della rivolta contadina
NEXT Automotive: Honda: risultati annuali solidi, trainati dal Nord America