Super bonus, jet privato, distribuzione di azioni… Quando gli stipendi degli amministratori delegati sono inquietanti

Super bonus, jet privato, distribuzione di azioni… Quando gli stipendi degli amministratori delegati sono inquietanti
Super bonus, jet privato, distribuzione di azioni… Quando gli stipendi degli amministratori delegati sono inquietanti
-

100 milioni di euro: è questo l’incredibile “jackpot” che Michael O’Leary, il grande capo di Ryanair, potrebbe vincere in pochi mesi.

In questo contesto, la questione della remunerazione resta ovviamente delicata. Soprattutto nei casi in cui l’azienda sta attraversando un momento difficile e gli azionisti si stanno mangiando a modo loro. Ciò è particolarmente vero per la Boeing, dove il prezzo delle azioni ha perso il 50% nell’arco di cinque anni. Il suo capo è quindi nel mirino di un rapporto pubblicato dall’influente agenzia di consulenza sul voto ISS (International Shareholder Services). Quest’ultimo ha pubblicato una raccomandazione indirizzata agli azionisti della società.

Voli in jet privati

Pur annunciando che lascerà il suo incarico alla fine dell’anno, Dave Calhoun infatti, provoca disagio all’interno della sua azienda. L’amministratore delegato di Boeing dovrebbe ricevere la bella somma di 32,8 milioni di dollari (30,4 milioni di euro) come compenso per il 2023 quando lascerà il suo incarico. Questa informazione ha indignato l’agenzia di consulenza in materia di proxy ISS, che ha affermato di chiedere agli azionisti della società di votare contro questa remunerazione, considerando che aveva “già aumentato considerevolmente negli ultimi tre anni”.

Muore il secondo informatore della Boeing: “I nostri pensieri sono con la famiglia”

Secondo Forbes Franciaaltri aspetti vengono segnalati dall’ISS, come un secondo piano d’azione che avrebbe consentito a Dave Calhoun “per gonfiare il tuo pacchetto”, o anche le spese giornaliere per i voli con jet privati, considerate eccessive, che arriveranno a superare i 500.000 dollari nel 2023. Questa somma sarebbe molto superiore a quella dell’anno precedente (+45%), nonostante i problemi incontrati dall’azienda negli ultimi mesi, rileva Les Echos. Ricordiamo i recenti incidenti degli aerei Boeing riscontrati negli ultimi mesi, il suicidio di un informatore o l’apertura di un’indagine in seguito alla pubblicazione di una lettera di un ingegnere Boeing sui difetti di costruzione degli aerei. Gli azionisti prenderanno la loro decisione il 17 maggio, durante l’assemblea generale della Boeing.

Il caso Solvay

Nelle ultime settimane, le remunerazioni di altri grandi capi hanno suscitato disagio e accesi dibattiti tra le file degli azionisti. Questo è stato particolarmente il caso di Carlo Tavarescapo di Stellantis (Peugeot, Citroën, Fiat, Opel, ecc.), la cui remunerazione potrebbe raggiungere i 36,5 milioni di euro per l’esercizio 2023. Il 16 aprile gli azionisti hanno finalmente convalidato, ad Amsterdam, il 70% dei voti per questa remunerazione anche se l’agenzia americana Glass Lewis aveva raccomandato di votare contro ed espresso “serie riserve”.

gabbiano

Viviamo in un’economia di mercato e esistono alcuni slittamenti. Questi sono particolarmente scarsamente accettati quando sono associati a scarse performance aziendali”

Nel settore della grande distribuzione, il 26 maggio si svolgerà l’assemblea di Carrefour: si discuterà della remunerazione del suo capo. Alessandro Bompard che dovrebbe ricevere 4,5 milioni di euro per l’anno passato. Nel maggio 2023 gli azionisti del gruppo avevano già approvato solo il 60,69% dell’importo della sua remunerazione. E il prossimo settembre, durante l’assemblea di Ryanair, si parlerà molto anche del “jackpot” da 100 milioni di euro che potrebbe essere centrato Michael O’Learyimporto che dipenderà tuttavia dall’andamento del corso delle azioni della compagnia aerea low cost irlandese.

Stop alla demagogia dei capi brutti

Ma, anche in caso di controversie, il puro e semplice rifiuto da parte degli azionisti della remunerazione di un amministratore delegato resta un evento eccezionale. È stato così nel maggio 2023, quando gli azionisti del colosso dei prodotti alimentari e per l’igiene Unilever hanno detto “no”, con quasi il 60%, al piano di remunerazione dei dirigenti. Ma è l’eccezione che conferma la regola. Lo abbiamo visto di nuovo a livello belga, lo scorso dicembre, quando è arrivato il super bonus da 12 milioni di euro Ilham Kadri, che si aggiunge alla remunerazione già solida, è stato finalmente approvato da poco più del 66% degli azionisti quando Solvay è stata divisa in due entità separate. Questo super bonus, tuttavia, ha fatto notizia e alcuni lo hanno ritenuto sproporzionato. Tra i nostri colleghi di SeraÉtienne de Callataÿ, cofondatore della società di gestione patrimoniale Orcadia Asset Management, ha addirittura parlato di “capitalismo clientelare”.

Split, bonus da 12 milioni…: cosa ha deciso l’assemblea Solvay? “Comprendiamo l’emozione ma abbiamo dimostrato pragmatismo”

“Una politica a lungo termine”

Dovremmo forse concludere che spesso si tratta di molto rumore per nulla? “Viviamo in un’economia di mercato e esistono alcuni slittamenti, che sono particolarmente mal accettati quando sono associati a scarse performance aziendali”, spiega Bernard Thuysbaert, CEO di Deminor NXT. E per continuare: “Su questa delicata questione delle remunerazioni, la prima responsabilità spetta ai membri del consiglio di amministrazione o del consiglio di sorveglianza che decidono di iscrivere all’ordine del giorno dell’assemblea dei soci un punto relativo alla remunerazione e che ne determinano quindi i contorni e gli importi Si tratta di garantire che venga messa in atto una politica retributiva coerente nel lungo termine tra remunerazione fissa e variabile e performance finanziaria ma anche non finanziaria dell’azienda. Oggi ci concentriamo troppo sul breve termine, sui risultati del trimestre successivo, mentre i gestori dei fondi pensione, che gestiscono i risparmi dei futuri pensionati, hanno una visione pluridecennale. Poi c’è la responsabilità degli azionisti di controllo e istituzionali che dipende in particolare dalla loro capacità di mobilitazione durante le votazioni.

gabbiano

In Europa questi azionisti di controllo spesso sanno in anticipo, con il 30 o il 40% del capitale in mano, che il voto andrà a loro favore, anche in caso di opposizione della maggioranza degli investitori istituzionali.”

Per Bernard Thuysbaert, le aziende dovrebbero quindi, per definire i contorni di questa politica retributiva, basarsi su un dashboard pluriennale, confrontando i risultati dell’azione del management e la legittimità delle sue aspettative salariali. Per il nostro interlocutore esiste, inoltre, una grande differenza tra il capitalismo anglosassone, dove il management ha più potere e dove il capitale è molto disperso, e le grandi aziende europee, il cui capitale è spesso bloccato dalla famiglia o dal controllo.

Saadé, il miliardario che potrebbe aiutare Macronie a fronteggiare l’influenza di Bolloré?

“In Europa questi azionisti di controllo spesso sanno in anticipo, con il 30 o il 40% del capitale in mano, che il voto andrà a loro favore, anche in caso di opposizione della maggioranza degli investitori istituzionali. Soprattutto sui punti in cui le decisioni si prendono a maggioranza semplice Guardate cosa è successo a Solvay: al momento del voto sul superbonus di Kadri, gli azionisti familiari rappresentavano praticamente più del 30,8% che detengono nel capitale dell’azienda, e nel 66,5% hanno votato per questo eccezionale bonus, l’azionista familiare di controllo ha rappresentato quasi il 67% dei voti positivi, la maggioranza dei voti non legati all’azionista familiare di controllo era contraria a non partecipare all’assemblea e, inoltre, talvolta gli azionisti di controllo hanno un voto doppio per azione e quindi pesano ancora di più sulla bilancia. In Solvay, il consiglio d’amministrazione e gli azionisti della famiglia sapevano senza dubbio molto bene che la probabilità che questa remunerazione eccezionale venisse rifiutata era molto bassa.conclude.

-

PREV Negozio d’ispirazione: Hyper U Saint-Avé
NEXT «Il volo è accessibile a quante più persone possibile»: l’aeroclub Tallard offre corsi di formazione