I prezzi delle azioni rimangono contenuti in vista della decisione sul tasso di interesse della Banca d’Inghilterra

I prezzi delle azioni rimangono contenuti in vista della decisione sul tasso di interesse della Banca d’Inghilterra
I prezzi delle azioni rimangono contenuti in vista della decisione sul tasso di interesse della Banca d’Inghilterra
-

(Alliance News) – I prezzi delle azioni a Londra hanno aperto giovedì contrastati, in vista dell’ultima decisione sul tasso di interesse della Banca d’Inghilterra.

L’indice FTSE 100 ha aperto in ribasso di 2,68 punti a 8.351,37 punti. Il FTSE 250 è sceso di 10,32 punti, o dello 0,1%, a 20.481,67, mentre l’AIM All-Share è salito di 1,41 punti, o dello 0,2%, a 781,24.

Il Cboe UK 100 è salito leggermente a 833,97, il Cboe UK 250 è salito dello 0,1% a 17.770,89 e il Cboe Small Companies è salito leggermente a 16.004,35.

In Europa, il CAC 40 di Parigi è salito leggermente, mentre il DAX 40 di Francoforte ha guadagnato lo 0,2%.

Si prevede che giovedì la BoE lascerà invariato il tasso di interesse di riferimento, ma l’attenzione sarà posta sul fatto che la banca centrale stia preparando il terreno per un taglio a giugno.

La banca centrale annuncia la sua ultima decisione sui tassi alle 1200 BST, insieme al rapporto sulla politica monetaria e alle proiezioni economiche. Seguirà una conferenza stampa con il governatore Andrew Bailey alle 12.30 BST.

L’aumento di 25 punti base della BoE in agosto significa che ha aumentato i tassi del 5,15% durante l’attuale ciclo di rialzi. Threadneedle Street, tuttavia, ha lasciato i tassi invariati in ciascuno dei cinque incontri successivi.

“Si prevede che l’aggiornamento odierno della Banca d’Inghilterra mantenga i tassi di interesse guida al 5,25% per la sesta riunione consecutiva. Tuttavia, la domanda chiave è quali segnali verranno dati sui futuri cambiamenti politici, compresi i tempi di un primo taglio dei tassi e il numero di tagli”, ha detto la Lloyds Bank.

“Come è avvenuto altrove, i mercati finanziari hanno abbassato le loro aspettative per un taglio dei tassi nel Regno Unito. Si ritiene ora che un taglio a giugno abbia una probabilità del 50%, e mentre un primo taglio ad agosto è quasi del tutto escluso, il numero di tagli il totale previsto quest’anno è di circa due, rispetto ai sei di inizio anno. Questo cambiamento è in parte una risposta alla ricalibrazione delle aspettative sui tassi di interesse americani, ma riflette anche le incertezze interne.

“In particolare, diversi membri del Comitato di politica monetaria sembrano ancora preoccupati per le persistenti pressioni inflazionistiche interne, in particolare la crescita dei salari e i prezzi dei servizi. Tuttavia, con l’inflazione complessiva prevista avvicinarsi al target del 2% ad aprile e i tassi di interesse in territorio restrittivo, è possibile segnalare che gli attuali prezzi di mercato sui tassi potrebbero essere troppo pessimistici.”

La sterlina veniva scambiata a 1,2474 dollari all’inizio di giovedì, in calo rispetto a 1,2495 dollari alla chiusura dei mercati azionari di Londra di mercoledì.

L’euro è stato scambiato a 1,0732 dollari all’inizio di giovedì, in ribasso rispetto a 1,0749 dollari alla fine di mercoledì. Nei confronti dello yen il dollaro quota 155,82 yen contro 155,55 yen.

Nel FTSE 100, 3i ha perso il 4,1%. Il fondo di investimento infrastrutturale ha dichiarato che il valore patrimoniale netto per azione al 31 marzo era di 2.085 pence, in aumento rispetto a 1.745 pence dell’anno precedente.

Per l’anno fiscale 2024, ha registrato un rendimento totale del 23%, in aumento rispetto al 36% dell’anno precedente. 3i ha affermato che l’utile operativo prima delle imposte è sceso a 3,83 miliardi di sterline da 4,58 miliardi di sterline, attribuito alla perdita di cambio sugli investimenti rispetto al guadagno.

Ha dichiarato un dividendo di 34,5 pence per azione, rispetto a 29,75 pence dell’anno precedente, portando il dividendo totale per l’anno finanziario 2024 a 61 pence, rispetto a 53 pence dell’anno precedente.

Nel FTSE 250, Harbour Energy è cresciuta del 6,0%.

La compagnia petrolifera e del gas ha dichiarato che la produzione del primo trimestre è stata in media di 172.000 barili di petrolio equivalente al giorno, in calo rispetto ai 202.000 barili dell’anno precedente.

Ha proposto un dividendo finale di 13 centesimi di dollaro, in aumento rispetto ai 12 centesimi dell’anno precedente, in linea con la sua politica di dividendi annuali di 200 milioni di dollari e che rappresenta una crescita di circa il 9% rispetto all’anno precedente.

Linda Cook, amministratore delegato di Harbour Energy, ha commentato: “Durante il primo trimestre, abbiamo continuato a svolgere operazioni sicure e responsabili, massimizzando il valore della nostra base produttiva nel Regno Unito e portando avanti i nostri piani di crescita organica. Allo stesso tempo, abbiamo compiuto notevoli sforzi progressi verso il completamento dell’acquisizione di Wintershall Dea, che trasformerà il nostro portafoglio e la nostra struttura di capitale e supporterà rendimenti migliori e sostenibili per gli azionisti”.

Altrove a Londra, Metals Exploration è scesa dell’8,6% dopo che il produttore d’oro filippino quotato all’AIM ha dichiarato che due dei suoi istituti di credito stavano contestando l’applicazione di un tasso di interesse inferiore dal 7% al 15% invece che al 15% sulle linee di credito della società.

Runruno Holdings Ltd e D&A Holdings Ltd sostengono che si sono verificati diversi eventi di default nell’ambito delle linee di credito.

Metals Explorations ha osservato che le rivendicazioni comporterebbero un debito di 2,0 milioni di dollari nei confronti dei due finanziatori, sebbene contesti queste accuse.

In Asia, l’indice Nikkei 225 di Tokyo ha chiuso in ribasso dello 0,3%. In Cina, l’indice Shanghai Composite ha chiuso in rialzo dello 0,8%, mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong è salito dell’1,1% nelle ultime contrattazioni. L’indice S&P/ASX 200 di Sydney ha chiuso in ribasso dell’1,1%.

Negli Stati Uniti, Wall Street ha chiuso in maniera contrastata, con il Dow Jones Industrial Average in rialzo dello 0,4%, l’indice S&P 500 poco variato e l’indice Nasdaq Composite in ribasso dello 0,2%.

Il petrolio Brent è stato scambiato a 84,01 dollari al barile all’inizio di giovedì, in rialzo rispetto agli 83,48 dollari di mercoledì sera.

Il presidente Joe Biden ha detto che metterà fine alle consegne di armi statunitensi a Israele se quest’ultimo attaccasse Rafah nel sud della Striscia di Gaza, nel suo avvertimento più diretto finora sulla continua violenza della guerra contro Hamas.

In un’intervista alla CNN, Biden ha anche deplorato il fatto che dei civili siano stati uccisi dai bombardamenti americani sul territorio palestinese.

Il nuovo avvertimento fa seguito all’interruzione da parte degli Stati Uniti della settimana scorsa della consegna di gigantesche bombe americane a Israele, quando il paese sembrava pronto a lanciare un grande attacco a Rafah, una città piena di civili palestinesi che si rifugiavano vicino al confine egiziano.

L’oro veniva scambiato a 2.308,07 dollari l’oncia all’inizio di giovedì, in calo rispetto ai 2.317,69 dollari di mercoledì.

Nel calendario economico di giovedì, gli ultimi dati sulla disoccupazione negli Stati Uniti verranno pubblicati alle 13:30 BST.

Di Greg Rosenvinge, reporter senior di Alliance News

Commenti e domande a [email protected]

Copyright 2024 Alliance News Ltd. Tutti i diritti riservati.

-

PREV Un deficit di bilancio di oltre 1,18 miliardi di dirham alla fine di aprile
NEXT FIRMA DI UN PROTOCOLLO D’INTESA RELATIVO AL COORDINAMENTO DELLE AUTORITÀ PUBBLICHE PER L’ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE INFRASTRUTTURE DEL GAS