Tavolo di redazione con il CEO di Northvolt: batterie “made in Quebec” con contenuti provenienti da altrove

-

L’amministratore delegato di Northvolt Nord America, Paolo Cerruti, insieme alla specialista in comunicazione e affari pubblici della società, Emmanuelle Rouillard-Moreau, hanno visitato gli uffici di Lesaffaires, dove hanno risposto alle domande di Marie-Pier Frappier, direttore dell’informazione, nonché di Dominique Talbot e François Normand , entrambi giornalisti, il 12 aprile. (Foto: Simon Prelle)

SETTORE BATTERIE. Tra il desiderio di Northvolt di affermarsi in Nord America e di produrre “la batteria più verde del mondo”, l’unione con il Quebec sembrava essere un matrimonio di convenienza, anche se gli stati di New York e del Michigan venivano seriamente presi in considerazione. Ma prima di vedere contenuti del Quebec diversi dall’energia idroelettrica nelle batterie che l’azienda produrrà a Montérégie, bisognerà essere molto pazienti.

“Una delle grandi attrattive del Quebec è la possibilità di integrare l’intera catena del valore. Partendo dalla risorsa naturale, trasformandola, raffinandola, convertendola in un catodo e poi in una batteria. E poi riciclarlo e reinserirlo in una batteria”, spiega Paulo Cerruti, CEO di Northvolt North America, durante una lunga intervista a Offerte il 12 aprile.*

Solo che per il momento le principali risorse naturali che saranno nei catodi (polo positivo di una batteria che rappresenta il 40% del suo costo), e poi le celle della batteria che usciranno dal suo futuro complesso Northvolt Six, in Montérégie, verrà dall’estero.

La maggior parte della sua fornitura di litio proviene dall’Australia. È stato raggiunto un accordo con la società mineraria Vale per il nichel canadese (Terranova e Labrador), e la grafite sintetica utilizzata dalla Northvolt nelle sue batterie è “prodotta quasi esclusivamente in Cina con standard ambientali molto discutibili”, concorda Paulo Cerruti.

Per reperire materiali critici e strategici a livello locale (MSC), in particolare litio e grafite, Northvolt afferma di “non aver fissato obiettivi precisi. E anche se li avessimo fissati, non sarebbe saggio divulgarli, dice Paolo Cerruti. Dobbiamo capire che è nel nostro interesse farlo. E faremo tutto il possibile affinché ciò accada. Oggi non c’è molto litio che lascia il Canada e il Quebec. Ci sono dei piani”.

Ad esempio, illustra, “di progetti realistici e avanzati sul litio, ce n’è solo uno, ed è Nemaska ​​​​Lithium (posseduta al 50% dal governo del Quebec, con la quale non è concluso alcun contratto). Ci sono progetti minerari e tra questi ce ne sono alcuni che vogliono integrarsi verticalmente, con la raffineria. Ce ne sono altri che non lo sono. […] È un universo molto immaturo. Abbiamo tutto l’interesse a garantire che questo universo diventi più maturo e più veloce”.

Secondo il CEO, arrivare a prodotti compatibili per l’uso in batterie ad alte prestazioni è complesso. “Tutto il litio non è creato uguale. Non tutta la grafite nasce uguale. Ciò richiede convalide “lunghe e dolorose. Ciò richiede la convalida da parte dei nostri clienti. Dobbiamo essere realisti, ci vorranno anni”, sostiene. “Più le catene di approvvigionamento sono corte, più sono robuste”, aggiunge, spiegando che sarebbe abbastanza improbabile che Northvolt acquisisse partecipazioni nelle miniere, soprattutto a causa del capitale necessario per realizzare tali progetti alla fine. “Se lo facciamo, non credo che lo faremo nella miniera. Preferiremo farlo durante la raffinazione. Se lo faremo, lo faremo con la massima puntualità”.

Già, è importante sottolinearlo, Northvolt spedisce “nichel canadese” in Svezia, grazie all’accordo con Vale. Anche altri materiali utilizzati nella produzione delle celle delle batterie potrebbero seguire la stessa strada.

“In questa fase, probabilmente se avremo grafite naturale canadese, vorremo rifornire anche la Svezia perché quello che stiamo cercando di fare è sviluppare piattaforme cellulari che siano piattaforme globali”, afferma il CEO. Per avere resilienza nelle nostre catene di fornitura, vorremmo averla backup. “Non è quindi irragionevole pensare che verrà inviato materiale canadese in Svezia”.

Paolo Cerruti, CEO di Northvolt Nord America (Foto: Simon Prelle)

Anche l’innovazione e la ricerca e sviluppo dovranno aspettare

Per l’insediamento del settore delle batterie nella provincia, di cui Northvolt è il progetto più importante, il governo del Quebec non sembra essere stato molto esigente rispetto ad una soglia minima di investimenti in ricerca e sviluppo per sciogliere i fili del suo scambio di soldi. Non sono infatti state avanzate richieste specifiche né alla Northvolt né ad altre società straniere che si insediano qui.

Secondo Paulo Cerruti, solo una quota di stagisti, “di ore che trascorriamo con gli studenti”, era richiesta tra le condizioni per la concessione dei 436 milioni di dollari (M$) di “debito perdonabile” di cui beneficia l’azienda.

Ricordiamo che oltre a questo debito perdonabile, il governo ha concesso un prestito di 367 milioni di dollari, oltre ad una partecipazione del 5% (567 milioni di dollari in azioni) nella società madre. Il Quebec estenderà 1,5 miliardi di dollari in aiuti alla produzione fino al 2032 se Northvolt produrrà e consegnerà le sue celle.

In un certo senso, quindi, il Quebec sarà un implementatore della tecnologia Northvolt, progettata principalmente in Svezia. Ma Paulo Cerruti non esclude la possibilità di sviluppare localmente un sapere che oggi è quasi inesistente.

“Cerchiamo di localizzare concretamente qui la ricerca e lo sviluppo. E questo ha senso perché c’è una parte dell’applicazione del mercato del prodotto che è specifica. Questo è abbastanza agnostico rispetto a dove lo facciamo. Si tratta di un progetto che, in questa fase, è relativamente embrionale e che può accelerare abbastanza rapidamente. Vediamo i vantaggi di farlo. Qui siamo in contatto con un certo numero di realtà accademiche che potrebbero aiutarci a farlo”, commenta. Tuttavia, nella fase iniziale di Northvolt Six, il consiglio di amministrazione della multinazionale non ha stanziato alcun budget per muoversi in questa direzione, cosa che è stata convalidata dal consiglio dei ministri, afferma il direttore generale.

“Produrre batterie è molto complesso. I talenti che sanno industrializzare le batterie, questa gente, non vagano per le strade. Ce ne sono pochi. La maggior parte siamo andati a trovarli in Asia, tra Giappone e Corea, racconta Paulo Cerruti. Abbiamo quasi prosciugato il piscina persone competenti, che parlino un minimo di inglese, che abbiano la capacità e il desiderio di trasferire una famiglia in Occidente”.

“Quando vedi l’intersezione di tutti questi vincoli, questo gruppo conta poche dozzine di persone. Quindi è molto importante consolidare una competenza, per far crescere questa massa critica”.

*La discussione editoriale ha avuto luogo prima degli ultimi eventi sul sito della futura fabbrica Northvolt.

-

PREV Orchid Pharma Limited nomina Shubha Singh come direttore aggiuntivo
NEXT Atos annuncia la nomina di Marc Rajaobelina a capo dell’ufficio Atos in Madagascar