Si allenta il sentiment del mercato: mercato azionario Bonhôte in rialzo

Si allenta il sentiment del mercato: mercato azionario Bonhôte in rialzo
Si allenta il sentiment del mercato: mercato azionario Bonhôte in rialzo
-

La Germania torna a crescere. La Fed ha optato per lo status quo.

Il sentiment del mercato si è un po’ allentato quando la Fed ha rassicurato che non avrebbe aumentato i tassi, ricordando che la crescita statunitense restava forte e che non vi era alcun rischio di stagflazione. Allo stesso modo, i dati sull’occupazione hanno sostenuto il calo dei rendimenti obbligazionari nonché il rialzo dei titoli azionari avviato giovedì dal discorso meno aggressivo del previsto di J. Powell.

Il mercato obbligazionario ha così ripreso fiato, il decennale americano è sceso al 4,50% e quello tedesco al 2,49%.

Il calo dell’inflazione e dei prezzi dell’energia hanno consentito alla Germania di tornare a crescere. Pertanto, l’attività economica tedesca è cresciuta nel primo trimestre del 2024 dello 0,2%, dopo un calo durante l’intero 2023.

Anche la zona euro è uscita dalla recessione tecnica con il PIL in crescita dello 0,3% nel 1° trimestre del 2024, dopo il calo dei due trimestri precedenti. L’inflazione ad aprile si è stabilizzata al 2,4%, mentre, corretta per gli elementi volatili, ha continuato a scendere al 2,6% su base annua, rispetto al 2,9% di marzo.

L’attività manifatturiera ha continuato a contrarsi per il 22esimo mese consecutivo, l’indice PMI armonizzato si è attestato a 45,7. Il forte calo dei nuovi ordini negli ultimi 4 mesi riflette la debolezza della domanda nella zona euro. L’economia europea è impantanata nella stagnazione da un anno e mezzo, il che depone a favore di un taglio dei tassi da parte della BCE a giugno.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la Fed ha deciso di mantenere i tassi di riferimento, citando un’inflazione più persistente del previsto e un mercato del lavoro ancora troppo teso. Ha escluso la possibilità di un aumento dei tassi e ha annunciato che rallenterà il ritmo di riduzione del proprio bilancio a partire da giugno per allentare la pressione sui rendimenti obbligazionari.

La Fed rimane dipendente dai dati che lasciano poco spazio alla perdita di slancio dei prezzi. L’ISM manifatturiero è caduto in territorio di contrazione, leggermente al di sotto delle aspettative, a 49,2, ma con una componente di prezzo molto robusta e una contrazione dei nuovi ordini. In zona di contrazione anche quello dei servizi a 49,4 con anche una componente di prezzo più forte del previsto.

Tuttavia, i dati sull’occupazione, pubblicati venerdì, hanno mostrato un mercato del lavoro che sta iniziando a indebolirsi. L’economia americana ha quindi creato ad aprile meno posti di lavoro del previsto, 175.000 contro i 240.000 previsti, mentre la crescita dei salari ha rallentato dello 0,2% nel corso del mese. Il tasso di disoccupazione è salito al 3,9% in aprile. Questo rallentamento del mercato del lavoro americano è visto come una buona notizia dai mercati, perché allenta la pressione sull’economia e costituisce un argomento a favore di un abbassamento dei tassi della Fed.

Nel corso della settimana l’S&P500 è salito del +0,55%, il Nasdaq del +1,43%, mentre lo Stoxx Europe 600 è sceso del -0,48%.

L’essenziale in breve

-

PREV Bitcoin torna in territorio positivo e supera nuovamente i 65.000 dollari
NEXT Trigano cade dopo la semestrale