La Francia punta a 800.000 vendite entro il 2027

La Francia punta a 800.000 vendite entro il 2027
La Francia punta a 800.000 vendite entro il 2027
-

Triplicare le vendite in soli quattro anni: l’industria automobilistica e il governo riaffermano la loro fiducia in questa transizione energetica, preparandosi alla scadenza europea del 2035, quando il 100% delle nuove auto dovrà essere elettrico.

Se questo mercato ha rallentato la sua crescita in Europa all’inizio del 2024, la Francia si concede tre anni per raggiungere 800.000 vendite, alla fine del 2027.

Questo obiettivo equivale quasi a triplicare le vendite in quattro anni e raggiungere una quota di mercato del 45%. Nel 2023 saranno vendute quasi 300.000 auto elettriche.

“Manterremo questa politica, confermando le scelte strategiche fatte, e risponderemo alle difficoltà che potranno sorgere qua e là, senza cambiare rotta”, ha sottolineato il ministro dell’Economia Bruno Le Maire in una conference call.

“Le sfide sono considerevoli. Dal punto di vista industriale, la questione non è più se andiamo lì o no (…). Abbiamo bisogno in cambio di un sostegno a lungo termine”, ha sottolineato Marc Mortureux per la Piattaforma Automotive, che rappresenta i produttori e i produttori di apparecchiature.

Il governo, il settore, ma anche le regioni e i sindacati dovranno firmare lunedì mattina questo piano strategico 2023-2027, la cui versione è stata pubblicata domenica.

Colpite anche le utenze

Il contratto di settore menziona anche un obiettivo ambizioso che riguarda i furgoni, che stanno appena iniziando la loro transizione.

Il settore prevede di moltiplicare per 6 entro il 2027 le vendite di veicoli commerciali leggeri 100% elettrici o a idrogeno, per passare da 16.500 veicoli venduti nel 2022 a oltre 100.000 alla fine del 2027.

Per raggiungere gli obiettivi, le autorità pubbliche si impegnano a “proseguire le misure di sostegno all’acquisto e al noleggio a lungo termine di nuovi veicoli a zero emissioni”, attraverso il bonus ecologico per l’acquisto o il leasing di auto elettriche.

“La sfida principale nel raggiungimento degli obiettivi prefissati riguarda l’accessibilità dei veicoli a emissioni zero al maggior numero di persone possibile”, sottolineano i firmatari del contratto, lanciando una doppia sfida: “consentire a chi può di acquisire un veicolo a emissioni zero nuovo e creare un mercato di veicoli elettrici di seconda mano, ancora agli inizi.

L’importo dei sussidi assegnati a ciascun veicolo dovrebbe, tuttavia, continuare ad essere “adeguato” alla crescita del mercato, poiché la dotazione di 1,5 miliardi di euro destinata a questi dispositivi nel 2024 non aumenterà.

«Questa è la sfida numero uno per il settore: dobbiamo essere in grado di ridurre i costi per immettere sul mercato veicoli competitivi», ha sottolineato Marc Mortureux alla PFA.

Veicoli prodotti in Francia

Affinché queste auto elettriche possano collegarsi, lo Stato ha anche confermato l’obiettivo di 400.000 punti di ricarica entro il 2030. Anche almeno la metà dei grandi condomini dovranno essere pre-dotati di terminali entro la fine del 2027.

Si tratta anche di “garantire che questi veicoli elettrici siano prodotti in Francia”, ha sottolineato Bruno Le Maire, ribadendo l’obiettivo annunciato da Emmanuel Macron di produrre due milioni di auto “elettrificate” (elettriche e ibride) nel 2030.

Tra i tanti nuovi modelli elettrici che arrivano sul mercato, alcuni sono fabbricati in Francia, come la Renault 5 o la Peugeot 3008.

Per sostenere le imprese in Francia, lo Stato si impegna a sostenere le misure esistenti, come la riduzione delle tasse sulla produzione o il fondo di sostegno automobilistico Avenir.

Promuoverà inoltre l’analisi delle emissioni di CO2 per “ciclo di vita” del veicolo, che comprende la produzione e il trasporto, e quindi promuoverà la produzione locale. Ma la creazione di zone franche per la produzione automobilistica, richiesta dal settore, non è stata concessa.

-

PREV Indicizzazione dello stipendio: una tessera per questo insegnante che deve restituire 2000 euro di tasse
NEXT BMW i5 Touring: l’auto elettrica che si muove (Test)