Razzi e missili: cosa sappiamo delle presunte casse di armi che Hezbollah nasconde all’aeroporto di Beirut

Razzi e missili: cosa sappiamo delle presunte casse di armi che Hezbollah nasconde all’aeroporto di Beirut
Razzi e missili: cosa sappiamo delle presunte casse di armi che Hezbollah nasconde all’aeroporto di Beirut
-

L’aeroporto di Beirut contiene depositi di armi di Hezbollah? In un articolo pubblicato online domenica, The Telegraph ha affermato che il movimento sciita alleato di Hamas stava immagazzinando missili ed esplosivi iraniani nell’aeroporto, situato a sud della capitale del Libano, in una zona in cui è predominante. Anche se la tensione tra Israele e Hezbollah libanese non è mai stata così alta, gli alti funzionari libanesi lo hanno fermamente negato durante una visita organizzata lunedì per la stampa e i diplomatici.

“Casse misteriose”

Il personale e le fonti dell’aeroporto sottolineano l’esistenza di un “nascosto” nell’aeroporto dove sono immagazzinati vari tipi di armi di fabbricazione iraniana: razzi di artiglieria, missili balistici e anticarro o anche grandi quantità di missili balistici a corto raggio. L’articolo del Telegraph suggerisce inoltre che i dipendenti dell’aeroporto hanno notato l’arrivo di “casse misteriose” all’aeroporto di Beirut all’inizio degli scontri tra Israele e Hezbollah. I dipendenti dell’aeroporto, che hanno parlato in condizione di anonimato, hanno affermato di temere un’esplosione o un bombardamento da parte dell’esercito israeliano.

L’articolo menziona anche la forte presenza di esponenti di spicco del movimento libanese nell’aeroporto. In particolare quello di Wafiq Safa, considerato uno dei leader più influenti di Hezbollah. “Ho l’impressione che se non facciamo quello che dicono, le nostre famiglie saranno in pericolo”, preoccupa uno degli informatori ai media britannici. Questa stessa fonte suggerisce poi che alcuni membri dell’aeroporto, che si presentavano alla guida di auto di lusso e con orologi nuovi, fossero corrotti.

Beirut nega

I funzionari libanesi hanno immediatamente negato le accuse. I diplomatici che rappresentano l’Egitto, la Germania e l’Unione Europea, tra gli altri, così come i giornalisti, sono stati invitati a visitare il sito, l’unico aeroporto internazionale del Libano.

In particolare, sono entrati in un magazzino dove erano impilate scatole di merci su pallet, nei quali erano collocate merci provenienti dall’Iran e da altre destinazioni. I visitatori sono quindi entrati in un enorme magazzino adiacente all’asfalto, dove erano immagazzinate altre merci.

Reuters/Mohamed Azakir

“L’aeroporto soddisfa gli standard internazionali”, ha assicurato il ministro dei Trasporti Ali Hamié, che ha guidato la visita. Ha aggiunto che l’articolo del Telegraph faceva parte di una “guerra psicologica” contro il Libano e costituiva un “danno alla reputazione” dell’aeroporto. “La nostra presenza è un messaggio di sostegno” al Libano e “un messaggio a tutte le parti per dire che è necessaria la calma”, ha dichiarato l’ambasciatore egiziano Alaa Moussa, anche se secondo lui l’ispezione dell’aeroporto non è responsabilità dei diplomatici.

Aerei iraniani “soggetti alle stesse procedure doganali”

Il direttore dell’aeroporto di Beirut Fadi el-Hassan ha detto all’AFP che tutti gli aerei che arrivano all’aeroporto “sono soggetti alle stesse procedure doganali”, compresi gli aerei iraniani. Egli ha indicato che gli arrivi a Beirut sono in aumento e che “i passeggeri arrivati ​​in Libano dall’inizio di giugno hanno superato i 300.000: si tratta di una cifra molto buona”. “Se Dio vuole, ci aspettiamo un’estate promettente”, ha detto, con gli espatriati che di solito tornano in gran numero per trascorrere l’estate in Libano.

Nella sala degli arrivi, le famiglie aspettavano i loro cari, alcuni portando mazzi di fiori, mentre sugli schermi apparivano i dettagli dei voli provenienti da Cipro, Turchia, Egitto e Qatar. Rola Qassem, una casalinga sulla cinquantina appena arrivata dalla Costa d’Avorio per trascorrere l’estate nel sud del Libano con la sua famiglia, ha detto di non credere alle segnalazioni di armi depositate all’aeroporto. “Queste sono bugie per spaventare le persone ad andare in Libano, per fermare il turismo”, ha detto all’AFP.

L’esercito israeliano reagisce

Hezbollah non ha commentato le informazioni del quotidiano britannico. Israele accusa da diversi anni Hezbollah di aver convertito razzi in missili di precisione, in particolare in un sito vicino all’aeroporto internazionale di Beirut, cosa che il movimento sciita ha negato nel 2020.

Il movimento armato e finanziato dall’Iran ha aperto il fronte contro Israele l’8 ottobre 2023 a sostegno del suo alleato palestinese Hamas a Gaza. La retorica bellicosa e l’intensificarsi degli scontri a fuoco transfrontalieri tra Hezbollah e Israele negli ultimi giorni hanno fatto temere un’estensione del conflitto.

In un comunicato, l’esercito israeliano si è rammaricato della “strategia di nascondere le armi nei quartieri civili” di Hezbollah, avvertendo che se il movimento sciita dovesse “prendere di mira i civili israeliani”, lo Tsahal “non avrebbe altra scelta che reagire, potenzialmente mettendolo in atto”. Civili libanesi in pericolo”. In passato Israele ha bombardato l’aeroporto di Beirut durante i suoi conflitti in Libano, inclusa l’ultima guerra contro Hezbollah nel 2006.

-

PREV Il sostegno di un “vero americano” per Donald Trump
NEXT Un terribile incidente scuote un cantiere edile a Prilly in Svizzera, tra gli operai morti un residente di Ornans