È morto a 88 anni il comico Donald Sutherland

È morto a 88 anni il comico Donald Sutherland
È morto a 88 anni il comico Donald Sutherland
-

Donald Sutherland nel 2015 mentre promuoveva la seconda parte di “The Hunger Games”.

AFP

Donald Sutherland, attore eclettico noto soprattutto per “I Bastardi Dodici” o per il suo ruolo di dittatore in “Hunger Games”, è morto all’età di 88 anni, ha annunciato giovedì suo figlio Kiefer Sutherland.

“È con il cuore pesante che annuncio la morte di mio padre”, ha annunciato l’inglese-canadese, anche lui attore, su X, salutando “uno degli attori più importanti della storia del cinema” .

Memorabile “Casanova” di Fellini e faceto chirurgo in “MASH”, il canadese Donald Sutherland ha condotto una carriera tanto prolifica quanto eclettica, totalizzando circa 200 ruoli in film e serie con una predilezione per i personaggi problematici.

Questo gigante di 1,93 m è stato definito “uno degli attori cinematografici e televisivi più versatili del secolo” dalla rivista Variety.

Considerato uno degli attori canadesi più famosi all’estero, è stato insignito dell’Oscar alla carriera nel 2017.

Attore camaleontico, inizialmente dedito ai ruoli da cattivo (bruto fascista in “1900”; sadico direttore di prigione in “Alta Sicurezza”), è capace di passare dalla commedia (“MASH”) al dramma storico (“I Pilastri della Terra”) o anche l’epica sanguinosa (“Hunger Games”).

Al ritmo di un film all’anno dai suoi esordi negli anni ’70, raramente recita due volte sotto la direzione dello stesso regista di cui ha raccolto i nomi più prestigiosi: Bernardo Bertolucci (“1900”), Robert Redford (“Gente come qualunque altra”). ”, 1980), Federico Fellini (“Casanova”), Clint Eastwood (“Space Cowboy”) e Oliver Stone (“JFK”).

Nato il 17 luglio 1935 a Saint John (Nuovo Brunswick, Canada orientale), Donald Sutherland ha avuto un’infanzia segnata da gravi problemi di salute (epatite, poliomielite, febbre reumatica). È diventato DJ all’età di 14 anni per una stazione radio della Nuova Scozia.

Laureato in teatro e ingegneria presso l’Università di Toronto, optò per il teatro e all’età di 22 anni partì per la Royal Academy of Dramatic Arts di Londra.

A metà degli anni ’60 apparve in serie cult britanniche come “The Saint” e “Bowler Hat and Leather Boots”. Poi ha debuttato al cinema in film horror italiani come “Il castello dei morti viventi” (1964).

Nel 1967, interpretò il suo primo ruolo importante affidatogli da Robert Aldrich in “The Dirty Twelve” con Charles Bronson. La sua silhouette snella, la sua aria distratta e i suoi sorrisi enigmatici assicurano il suo carisma e la sua singolarità.

“Sorriso del cavallo”

Il thriller di Alan Pakula “Klute” lo ha lanciato nel 1971. Ha interpretato un detective privato alla ricerca di un assassino perverso che ha minacciato una squillo, Jane Fonda. Con quest’ultimo, per un certo periodo suo socio, conducono numerose azioni contro la guerra del Vietnam e girano il documentario pacifista “FTA”.

Sia che indossi un caschetto e occhiali colorati nella farsa antimilitarista “MASH” (1970), o baffi folti nel film horror “L’invasione dei contaminatori” (1979), all’attore piace truccarsi la faccia. La sua apparizione, con i capelli lunghi, in “Johnny Goes to War” (1971) non fa eccezione alla regola, poiché interpreta nientemeno che Gesù Cristo.

Soprannominato “big daddy” a scuola, Donald Sutherland non ha certo un fisico hollywoodiano. “Il mio naso mi lascia scettico, odio le mie orecchie, ho la mascella prominente, gli occhi sporgenti, un ghigno da cavallo”, ha confidato alla stampa canadese.

Tuttavia, nel 1977, interpretò il “Casanova” erotomane e barocco di Fellini che scoprì in lui una sensualità inquietante. “Ogni giorno mi rasava la parte superiore della testa e le sopracciglia e mi metteva il naso finto. Ero come il suo cane al guinzaglio, mi portava a spasso e mi piaceva moltissimo”, ha detto a Libération. “Avrei potuto chiudere lì la mia carriera”.

La vecchiaia gli porta nuovi ruoli come quello del Presidente Snow, il crudele dittatore di Panem, aguzzino di Jennifer Lawrence in “Hunger Games”.

La stella che gli venne assegnata all’età di 75 anni nel “Boulevard of Glory” di Hollywood, disse che era meglio di una lapide.

«Invecchiare», ha confidato alla rivista «Esquire», «è come avere un nuovo lavoro, ma che non avresti scelto».

Donald Sutherland ha avuto cinque figli, tre dei quali con l’attrice del Quebec Francine Racette, sua terza moglie dal 1972. È in particolare il padre di Kiefer Sutherland, il Jack Bauer della serie di spionaggio “24 Heures Chrono”.

(AFP)

-

PREV Fuochi d’artificio del 14 luglio: L’Isle-Jourdain, Marciac… Perché non ce ne sono in alcune grandi città del Gers?
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole