L’organizzazione per la vaccinazione Gavi cerca 9 miliardi di dollari per vaccinare i bambini più poveri del mondo

L’organizzazione per la vaccinazione Gavi cerca 9 miliardi di dollari per vaccinare i bambini più poveri del mondo
L’organizzazione per la vaccinazione Gavi cerca 9 miliardi di dollari per vaccinare i bambini più poveri del mondo
-

L’organizzazione globale per la vaccinazione Gavi chiede 9 miliardi di dollari a governi e fondazioni per finanziare gli sforzi di vaccinazione nei paesi più poveri del mondo nell’arco di cinque anni.

L’importo è stato definito in un incontro a Parigi, dove i donatori hanno anche iniziato ad annunciare gli impegni per il piano dell’organizzazione per il periodo 2026-2030. Gavi ha affermato di aver già raccolto 2,4 miliardi di dollari del totale e di avere ancora mesi di raccolta fondi rimanenti, inclusi 1,58 miliardi di dollari dagli Stati Uniti.

È stato inoltre lanciato un programma da 1,2 miliardi di dollari finanziato separatamente per incrementare la produzione di vaccini in Africa, l’African Vaccine Manufacturing Accelerator.

Gavi aiuta i paesi a basso reddito ad acquistare vaccini per proteggersi da malattie mortali. Circa un miliardo di bambini sono stati vaccinati grazie al lavoro di Gavi dal 2020.

Sania Nishtar, amministratore delegato di Gavi, ha affermato che il gruppo mira a muoversi più rapidamente e a offrire più vaccini. Ciò includerà l’espansione del programma di vaccinazione contro la malaria, iniziato quest’anno in Camerun, e il recupero dei programmi di routine per malattie come il morbillo, che sono stati ritardati dalla pandemia di COVID-19.

L’alleanza globale per i vaccini vuole raggiungere il maggior numero di bambini, proteggendoli dal maggior numero di malattie… nel più breve tempo possibile, ha detto Nishtar in un’intervista a Reuters mercoledì, prima dell’incontro.

L’organizzazione vuole raggiungere 500 milioni di bambini nei prossimi cinque anni, di cui 50 milioni con il vaccino contro la malaria.

I documenti del consiglio di amministrazione di Gavi suggeriscono che l’alleanza avrà bisogno di 11,9 miliardi di dollari per il suo lavoro a partire dal 2026. I fondi rimanenti proverranno dai finanziamenti rimanenti per il Covid-19 e da alcuni strumenti finanziari messi in atto dall’organizzazione, ha affermato Nishtar, pur riconoscendo che ciò è avvenuto un momento molto difficile per la salute globale, con i bilanci degli aiuti sotto pressione in tutto il mondo a causa di richieste che vanno dai conflitti al cambiamento climatico.

Gavi non ha mai dovuto scendere a compromessi, ha detto. Da un lato disponiamo di un ampio portafoglio di vaccini. D’altro canto, ci troviamo in un ambiente in cui i donatori dispongono di risorse limitate.

Tuttavia, ha affermato di essere cautamente ottimista riguardo alla capacità dell’organizzazione di raccogliere la somma necessaria.

Gavi prevede inoltre di espandere le proprie attività nei prossimi anni, ad esempio accumulando scorte di vaccini contro il vaiolo. È anche probabile che aggiungerà un vaccino contro la dengue al suo programma poiché il cambiamento climatico mette più paesi a rischio di epidemie. Verrà inoltre istituito un fondo di risposta alla pandemia di 500 milioni di dollari per un’azione rapida in caso di grave epidemia. (Segnalazione di Jennifer Rigby; Scrittura di Cynthia Osterman e Mark Potter)

-

PREV Incendio in una casa nell’Oise: tre persone trasportate in ospedale
NEXT Agirc-Arrco. Ecco cosa puoi sperare di ottenere combinando lavoro e pensione