Gran Premio di Spagna | Max Verstappen in fuga, la Ferrari vuole rialzarsi

-

(Montmeló) Vincitore in Canada al termine di un fine settimana complicato, il tre volte campione del mondo Max Verstappen e la Red Bull possono confermare che resteranno i padroni della Formula 1 questo fine settimana in Spagna, dove la Ferrari deve riprendersi dopo un GP catastrofico a Montreal.


Inserito alle 7:34

Nicolas BLASQUEZ

Agenzia media francese

L’olandese, aiutato dall’intervento della safety car che gli ha permesso di precedere Lando Norris, a differenza del Gran Premio di Miami dove era rimasto intrappolato lasciando la vittoria al britannico, proverà a proseguire sul circuito di Barcellona-Catalunya a Montmelo, dove ha già vinto tre volte (2016, 2022, 2023).

“Ho dei ricordi molto belli su questa pista, soprattutto da quando qui ho ottenuto la mia prima vittoria in F1. È un buon mix di curve veloci e lente e storicamente abbiamo sempre avuto successo qui, quindi l’obiettivo è continuare il nostro slancio”, ha detto “Mad Max”, che è 56 lunghezze davanti al monegasco Charles Leclerc (Ferrari) nel mondo campionato.

Meno dominante rispetto al 2023, la Red Bull vede però la concorrenza sempre più vicina, come McLaren, Ferrari e perfino Mercedes, molto a suo agio in Canada dove il britannico George Russell aveva conquistato un’inaspettata pole position prima di finire terzo in gara, davanti a lui il suo compagno di squadra Lewis Hamilton.

La Scuderia deve reagire in Catalogna dopo aver saltato il week-end in Quebec, dove ha saltato il i primi 10 in qualifica e dove le due vetture furono costrette al ritiro durante la gara.

“Abbiamo imparato la lezione dal Canada e andremo avanti. Dovremmo essere in grado di riconquistare il nostro livello di prestazione. Dall’inizio della stagione la situazione è stata estremamente serrata, quindi dovremo prestare attenzione al più piccolo dettaglio e fare tutto correttamente. Sarà un fine settimana interessante in cui intendiamo conquistare molti punti”, ha sottolineato Frédéric Vasseur, il capo francese del team Ferrari.

FOTO OLIVIER JEAN, ARCHIVIO LA PRESSE

Charles Leclerc

La McLaren, che ha sfiorato la vittoria sul circuito Gilles-Villeneuve, spera ancora di inserirsi nella lotta per il successo in Spagna, anche se la pista sembra meno adatta alle monoposto MCL38.

“I nostri recenti risultati ci danno ulteriore energia per questo ritorno in Europa. Anche se siamo fiduciosi che la vettura possa comportarsi bene su diversi tipi di circuiti, Barcellona sarà una grande sfida. Le squadre arriveranno con miglioramenti, quindi bisognerà restare concentrati”, ha spiegato Andrea Stella, direttore della squadra britannica.

Un buon test per la Mercedes

Sembra che anche la Mercedes stia tornando in gioco dopo un inizio di stagione difficile. Il ritmo in Canada e il doppio podio ottenuto la scorsa stagione al Montmelò incoraggiano l’ottimismo.

“Abbiamo continuato a fare progressi nelle ultime gare e la prestazione in Canada è stata incoraggiante, anche se il circuito Gilles-Villeneuve è molto speciale. Barcellona sarà un buon test per valutare i progressi raggiunti grazie ai nostri recenti miglioramenti”, ha detto Toto Wolff, tecnico della squadra tedesca.

Sul versante francese, l’Alpine difficilmente potrà ripetere il risultato incoraggiante di Montreal, dove aveva piazzato le sue due vetture in zona punti (9e e 10e) per la prima volta in questa stagione nonostante le mediocri posizioni di partenza (15e e 18e).

“Ci sono alcune sfide da affrontare, quindi vedremo come andremo avanti.” Rimaniamo concentrati e lavoriamo duro dietro le quinte, ha affermato Pierre Gasly. È l’inizio di un intenso rapporto a tre. Abbiamo preso punti nelle ultime due gare, quindi dobbiamo sforzarci di continuare su questo slancio. »

Il Gran Premio di Spagna sarà infatti il ​​primo di una serie di tre consecutivi, prima di Austria e Gran Bretagna, e segnerà l’inizio del tour estivo europeo disputato su tracciati più convenzionali rispetto a Jeddah, Miami o Montreal.

-

PREV Thomas Nkono e Joseph Antoine Bell: Chi è il più alto in classifica tra le nostre leggende?
NEXT È tempo di AirTag 2? Ieri era già tardi