chi è Jill, sua moglie con la quale è sposato da 47 anni?

chi è Jill, sua moglie con la quale è sposato da 47 anni?
chi è Jill, sua moglie con la quale è sposato da 47 anni?
-

A 73 anni, Jill Biden è molto più di una figura pubblica associata a suo marito, Joe Biden. Insegnante dedicato, madre amorevole e attivista instancabile, condusse una vita ricca e varia, segnata da un profondo impegno per l’istruzione e l’assistenza sociale. Dall’insediamento di Joe Biden il 20 gennaio 2021, sua moglie ha servito come First Lady degli Stati Uniti, pur continuando la sua carriera di insegnante. Scopriamo il viaggio stimolante di questa donna straordinaria.

Jill Biden: i suoi umili inizi

Jill Tracy Jacobs è nata il 3 giugno 1951 a Hammonton, nel New Jersey. L’americano è cresciuto in una famiglia modesta ed è la maggiore di quattro sorelle. Fin dalla giovane età, Jill ha mostrato determinazione e passione per l’apprendimento. A 18 anni sposò Bill Stevenson, un giocatore di football del college, con il quale aprì un bar vicino al campus. Tuttavia, il loro matrimonio durò solo cinque anni.

Decisivo il suo incontro con Joe Biden

Nel 1975, Jill incontrò Joe Biden, allora senatore e padre di due giovani ragazzi, Beau e Hunter, che avevano recentemente perso la prima moglie e la loro figlia in un tragico incidente automobilistico. La loro relazione si sviluppò rapidamente e si sposarono il 17 giugno 1977 presso la Cappella delle Nazioni Unite a New York. Insieme si formano una famiglia mista unita e resiliente.

Una carriera dedicata all’insegnamento

Jill Biden ha conseguito un Bachelor of Arts e ha poi continuato i suoi studi, conseguendo un master in pedagogia presso la West Chester University nel 1981. La sua sete di apprendimento l’ha portata a ottenere un dottorato nel 2007. Specializzata nell’insegnamento ai bambini affetti da disturbi emotivila First Lady degli Stati Uniti diventa una figura rispettata nel campo dell’istruzione.

All’insediamento del marito, nel gennaio 2021, Jill Biden ha scelto di continuare a insegnare, diventando la prima First Lady americana per mantenere un impiego retribuito fuori dalla Casa Bianca. Quest’ultima afferma con convinzione che «insegnare non è solo ciò che fa, ma ciò che è». Parole che evidenziano il suo incrollabile impegno a favore dell’istruzione.

Forte impegno sociale e politico

In qualità di First Lady, Jill Biden è coinvolta in varie iniziative, tra cui sostegno alle famiglie dei militari e nella promozione dell’istruzione. Nel 2010, ha interpretato se stessa in un episodio della serie Mogli americane, dimostrando la sua dedizione alle famiglie militari. Inoltre, presiede la Biden Foundation, che si dedica allo screening del cancro al seno e ad altre cause sociali.

Anche la moglie di Joe Biden ricopre un ruolo importante nel panorama internazionale. Nell’estate del 2021, ha guidato la delegazione americana alle Olimpiadi estive di Tokyo, dove ha incontrato l’imperatore del Giappone, Naruhito. Nel 2022 si reca in Romania per sostenere i rifugiati ucraini e incontrare i soldati americani, dando così un esempio il suo impegno umanitario.

Una famiglia resiliente alle difficoltà

La famiglia Biden ha vissuto momenti di grande tristezza. Nel 2015, Beau Biden, il figlio di Joe Biden, muore di cancro, una perdita devastante per la famiglia. Nonostante queste prove, Jill rimane un pilastro di sostegno per suo marito e i suoi figli, dimostrando una forza e una resilienza ammirevoli.

Nel corso della carriera politica di Joe Biden, Jill è stata un’eccezionale consigliera e una costante sostenitrice. Durante la campagna presidenziale del 2020, la First Lady è stata attivamente coinvolta, in particolare sulle questioni legate all’istruzione, giocando un ruolo chiave nella vittoria del marito. Jill è spesso vista come una stretta consigliera di Joe Biden, portando una prospettiva preziosa su molti argomenti.

Fonte utilizzata:

Disney+

La casa Bianca

-

PREV Omicidio di influencer cinese: sospettato arrestato a Hong Kong
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole