Un giorno senza andare a Tripoli è stato un giorno perso per Jabbour Douaihy

-

In bella mostra, in camicia ciliegia e giacca scura, un borsalino nero della linea Fedora avvitato sui capelli sale e pepe, i folti baffi, il sorriso presente senza lasciare traccia, lo sguardo indefinibile, allo stesso tempo tenero, malizioso e amaro : Jabbour Douaihy è stato uno dei più grandi scrittori libanesi contemporanei. Morto il 23 luglio 2021 all’età di 72 anni, ha chiuso il cerchio con le sue storie ispirate alla sua vita quotidiana libanese con un’opera piena di simboli: C’era veleno nell’aria. Sebbene fosse professore di letteratura francese, la sua lingua di scrittura era l’arabo. Le sue opere, pubblicate da Actes Sud nella collana Sindbad, sono state tradotte in francese da Stéphanie Dujols. Ed è proprio la recente pubblicazione in francese di questo ultimo romanzo, C’era veleno nell’aria, che ha riunito un gran numero di suoi fan il 14 giugno per commemorare l’autore presso la Fondazione Safadi di Tripoli. Sul podio, moderato da Antoine Courban, sono intervenuti in particolare Charif Majdalani e Alexandre Najjar.

Da sinistra a destra: Alexandre Najjar, Charif Majdalani e Antoine Courban. Foto DR

Tra Douaihy e Tripoli, un rapporto privilegiato

La tavola rotonda è stata preceduta da un’idea dell’attrice e cantante Maria Douaihy, figlia dello scrittore, organizzata dall’Istituto Francese di Tripoli, dalla Fondazione al-Tawarek, dal Comitato d’Identità Francofona di Zghorta-Zawié, dal Campus del Libano Nord della L’USJ e il dipartimento di letteratura francese dell’Università libanese di Tripoli Dopo il saluto del direttore dell’Istituto francese del Libano del Nord, Emmanuel Khoury, la sessione si è aperta con la proiezione dell’ultima intervista di Jabbour Douaihy, seguita da una toccante testimonianza di Zahida Darwiche Jabbour su questo collega con cui ha condiviso la cattedra di letteratura francese all’Università libanese di Tripoli fin dalla sua creazione, all’inizio degli anni ’80. Ha sottolineato i rapporti speciali tra Douaihy e la città di Tripoli, a cui lui ha particolarmente a cuore, avendovi trascorso la sua giovinezza. come molti suoi coetanei di Zghorta e della sua regione, Tripoli è spesso citata nel lavoro di Douaihy e molti di quelli a lui vicini lo hanno spesso sentito dire che per lui un giorno senza andare a Tripoli era un giorno sprecato. Il presidente del Comitato d’identità francofona di Zghorta-Zawié, Walid Farah, ha presentato la tavola rotonda alla quale è seguito un dibattito al quale ha partecipato Maria, figlia di Jabbour Douaihy, e l’ultima parola è andata a Thérèse, vedova dello scrittore .

Leggi anche

L’ultimo romanzo di Jabbour Douaihy per iniziare l’estate

La scrittura, come una celebrazione

In un’analisi dettagliata di tutte le opere di Jabbour Douaihy, Charif Majdalani ha evocato la loro complicità come scrittori, rappresentando in particolare il processo di scrittura come un atto di celebrazione: “Mi sembra proprio che la preoccupazione di Jabbour fosse questa celebrazione, questa descrizione del mondo e vita, attraverso la descrizione di un mondo rurale, il proprio, o di un mondo più urbano, ma anche attraverso di essi per raccontare la storia degli uomini e della loro vita quotidiana, e per dipingere un ritratto della nostra residenza sulla terra”, ha sottolineato in particolare .

7ea3bba2e3.jpgDa sinistra a destra: Antoine Courban, Fadia Alam, Thérèse Douaihy, Emmanuel Khoury, Charif Majdalani, Alexandre Najjar, Maria Douaihy e Hind Darwiche. Foto DR

Presenza oltre la morte

“A un certo punto, la domanda che ha acceso il dibattito, sollevata da Charif Majdalani, è stata: perché scriviamo? » dice Maria Douaihy. «Da parte mia, appena ho imparato a leggere, ho notato che la biblioteca di mio padre era piena di libri sulla morte. Mi sono sempre chiesta perché scrivesse su questo argomento, finché non ho capito che scrivere, per lui, era una sorta di percorso verso l’immortalità, un modo per sopravvivere a se stesso», continua. “E così è stato. Durante il convegno si è notata la sua presenza tra noi. Alla fine diC’era veleno nell’aria, il narratore vola via con gli uccelli. Al posto di questo antieroe dei romanzi di Jabbour di cui tutti parlano, ho visto un supereroe capace di superare la morte e di restare non solo presente, ma sempre più luminoso attraverso i suoi libri, sempre più famoso e amato attraverso i suoi scritti”, aggiunge. . Commossa, sua madre, Thérèse Douaihy, ringraziando il pubblico, ha anche espresso il forte sentimento che provava per la presenza di Jabbour tra coloro che lo amano.

In bella mostra, in camicia ciliegia e giacca scura, un borsalino nero della linea Fedora avvitato sui capelli sale e pepe, i folti baffi, il sorriso presente senza lasciare traccia, lo sguardo indefinibile, allo stesso tempo tenero, malizioso e amaro : Jabbour Douaihy è stato uno dei più grandi scrittori libanesi contemporanei. Scomparso il 23 luglio 2021 all’età di 72 anni, aveva compiuto…

-

PREV Cosa sappiamo dell’attentato che ha ferito Donald Trump durante una manifestazione in Pennsylvania
NEXT Donald Trump ferito: attentatore, vittime, indagini… Cosa sappiamo del “tentativo di omicidio” nel bel mezzo di una riunione