Dopo una pausa di oltre quattro anni, il Belgio è di nuovo collegato direttamente a Shanghai

Dopo una pausa di oltre quattro anni, il Belgio è di nuovo collegato direttamente a Shanghai
Dopo una pausa di oltre quattro anni, il Belgio è di nuovo collegato direttamente a Shanghai
-

Dopo una pausa di oltre quattro anni, il Belgio è di nuovo collegato direttamente a Shanghai. Martedì è atterrato all’aeroporto di Bruxelles il primo volo della Hainan Airlines proveniente dalla metropoli cinese. Due collegamenti giornalieri collegano ora il Belgio e diverse città cinesi, in entrambe le direzioni.

La compagnia cinese Hainan Airlines ha già collegato Bruxelles a Shanghai tra l’ottobre 2017 e l’autunno 2019. Il rilancio previsto per marzo 2020 è stato ostacolato dalla crisi sanitaria. Da martedì Hainan vola di nuovo tra le due città, quattro volte a settimana.

La ripresa della connessione rappresenta “un passo importante che rafforzerà ulteriormente i legami economici e culturali tra Belgio e Cina“, si è rallegrato il direttore generale della Compagnia aeroportuale di Bruxelles, Arnaud Feist, durante il festoso ricevimento di questo primo volo. Con questo nuovo collegamento, Hainan Airlines collega Bruxelles all’aeroporto nazionale”alle tre più grandi città della Cina“, ha detto. Hainan già volava quotidianamente tra Bruxelles e Pechino, così come tre volte alla settimana da e per Shenzhen. Ora, ogni giorno ci sono due collegamenti diretti in ciascuna direzione tra il Belgio e la Cina.

Altre offerte dovrebbero presto aggiungersi poiché la compagnia Juneyao Air ha annunciato che lancerà voli tra l’aeroporto di Bruxelles e Shanghai tre volte a settimana nel mese di luglio. Da metà marzo i titolari di passaporto belga possono recarsi in Cina senza visto per un periodo massimo di 15 giorni. Questa misura è valida fino alla fine del 2025, indica il FPS Affari Esteri sul suo sito.

-

PREV Mercato – OM: Si lancia una battaglia pazzesca per il trasferimento di un marcatore
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole