“C’è urgente bisogno di investire nella formazione di insegnanti qualificati”

“C’è urgente bisogno di investire nella formazione di insegnanti qualificati”
“C’è urgente bisogno di investire nella formazione di insegnanti qualificati”
-
Christine Jaulmes (a sinistra) ascolta gli insegnanti durante la sua discesa ad Ambovombe, Androy.

Nell’ambito della celebrazione della Giornata del Bambino Africano, Christine Jaulmes, rappresentante del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF) in Madagascar, ha parlato dell’importanza di investire nell’istruzione. La formazione degli insegnanti è uno dei punti sollevati dal rappresentante di questa organizzazione delle Nazioni Unite.

L’Unione Africana (UA) ha dichiarato il 2024 Anno dell’Educazione e ha scelto “Educazione per tutti i bambini in Africa: è giunto il momento” come tema della Giornata del Bambino Africano, celebrata ogni 16 giugno. Questa priorità data all’istruzione è in linea con l’Agenda 2063, con l’ambizioso piano di trasformare l’Africa in una potenza attraverso investimenti mirati nell’istruzione, nella tecnologia e nell’imprenditorialità. In Madagascar, restano ancora molte sfide da affrontare per il futuro dei ragazzi e delle ragazze malgasci, secondo Christine Jaulmes, rappresentante dell’UNICEF in Madagascar. Tra questi, la formazione degli insegnanti, una risorsa fondamentale che condiziona la qualità di un sistema educativo. “Il Madagascar si trova ad affrontare una carenza qualitativa e quantitativa di insegnanti che si traduce in significative disparità nelle dimensioni delle classi e nelle condizioni di apprendimento. È urgente investire nella formazione di insegnanti sufficientemente qualificati. Infatti, se il reclutamento di insegnanti comunitari o Fram ha permesso di sopperire alla carenza di insegnanti grazie ai crescenti bisogni della popolazione, osserviamo che la stragrande maggioranza degli insegnanti della scuola primaria non possiede un diploma di insegnamento, che ha un impatto negativo sulla qualità dell’insegnamento”, ha affermato.

Sfide. Nel settembre 2022, gli Stati membri delle Nazioni Unite, compreso il Madagascar, si sono impegnati ad agire per rispondere alla crisi globale dell’istruzione durante il vertice sulla trasformazione dell’istruzione. Con la proclamazione dell’Anno dell’Istruzione da parte dell’Unione Africana, i leader africani si sono impegnati concretamente a dare priorità a questa agenda in tutto il continente. “ Il Madagascar ha identificato il capitale umano come una priorità della nuova Politica Generale dello Stato. Questa enfasi sul capitale umano è un’opportunità per realizzare una profonda riforma del sistema educativo e realizzare investimenti significativi nella formazione e nel reclutamento di personale docente qualificato., continua Christine Jaulmes. Oltre alla formazione degli insegnanti, anche le sfide relative all’accesso e alla qualità sono tra i punti da lei evidenziati affinché il Madagascar possa rispondere al suo impegno verso investimenti mirati nell’istruzione.

Narindra Rakotobe

-

NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole