Cosa devono sapere i candidati all’esame orale HEC per riuscire ad essere ammessi

Cosa devono sapere i candidati all’esame orale HEC per riuscire ad essere ammessi
Cosa devono sapere i candidati all’esame orale HEC per riuscire ad essere ammessi
-

Les étudiants de classes préparatoires démarrent leurs oraux cette semaine, notamment pour les Parisiennes (HEC, ESCP, Essec). Nous avons demandé à Brice Rabourdin, directeur exécutif “stratégie et développement” des programmes pré-expérience à HEC Paris, de donner ses conseils pour intégrer HEC, classée meilleure école de commerce de France au dernier palmarès du Figaro Etudiant.

Il primo consiglio riguarda la coerenza. Spesso, dopo un orale nella media, il candidato rischia di smobilitarsi o addirittura di arrendersi.

Brice Rabourdin (HEC)

LE FIGARO STUDENT-Al via gli esami orali per l’esame di ammissione all’HEC: quali consigli dell’ultimo minuto potete dare ai candidati?

Brice REBOURDIN-Il primo consiglio riguarda la coerenza. Spesso, dopo un orale nella media, un candidato rischia di smobilitarsi o addirittura di arrendersi. Tuttavia, si scopre che i candidati hanno difficoltà ad autovalutarsi lucidamente, per cui potrebbero credere di non aver superato l’esame orale, quando non è così. D’altra parte, gli orali non sono un unico test, ma diversi orali diversi. Quindi se ne perdi uno puoi superare gli altri: quello che conta, in fondo, è la media complessiva. Pertanto, anche se pensi di non aver superato un esame orale, devi rimanere costante nel tuo impegno, non perdere la motivazione e rimanere mobilitato fino alla fine.

I segreti del trittico, specifico di HEC

Il secondo consiglio si può riassumere in due parole: combattività positiva. All’HEC non esiste un colloquio specifico sulla personalità, perché tutte le prove orali hanno una parte incentrata sulla personalità del candidato: la sua capacità di comunicare, di esprimersi, di argomentare, di difendere un punto di vista. Queste qualità verranno valutate in ciascuna delle prove orali, in particolare durante il “Trittico”, la prova più famosa di queste prove orali. Si estende su mezza giornata e il candidato viene valutato in tre ruoli: il “Convincente”, il “Risponditore” e l’Osservatore”. Il Convincitore prepara una presentazione di 20 minuti che presenterà al Convenuto per cinque minuti. Quindi il Rispondente, dopo la presentazione, scambierà con l’oratore Convincente per 5 minuti. L’Osservatore avrà il ruolo di condividere la sua analisi di questo scambio con la giuria, che gli porrà domande su cosa pensasse del dibattito. Naturalmente ciascun candidato dovrà assumere tutti e tre i ruoli.

Quali sono gli errori da evitare durante il Trittico?

Quando il candidato ricopre il ruolo del Convincitore, deve evitare di essere perentorio e chiuso al dialogo. Il convenuto non dovrebbe essere aggressivo. Un errore comune in questo ruolo consiste anche nel fare una contro-presentazione, cioè fare una presentazione diversa invece di discutere il punto del Convincitore. Quanto all’Osservatore, gli viene chiesto di osare esprimere la sua opinione con franchezza, evitando quindi di rimanere troppo vago o neutrale.

Qual è il riflesso che spesso manca ai candidati?

A volte potrebbero non dare abbastanza importanza alle osservazioni della giuria. Tuttavia, in ciascuna delle prove orali, il candidato dovrà prestare attenzione ai paletti che potranno essere fissati da un membro della giuria.

Quali sono questi poli che la giuria può tenere?

Ad esempio, durante un dibattito di cultura generale, un membro della giuria può dirigere la discussione su questa o quella parte della presentazione del candidato. Questo è ciò che chiamiamo “sfidare” il candidato. Ma spesso il candidato si convince che, se viene interrogato su questo o quel punto della sua presentazione, è necessariamente perché ha commesso un errore. Ma spesso accade il contrario: è riuscito a suscitare l’interesse della giuria su una questione specifica, ed è semplicemente per curiosità che la giuria può chiedergli ulteriori informazioni. È anche vero che questo può essere un modo per la giuria di dargli la possibilità di fare ammenda se ha dichiarato un errore o un fatto inesatto.

Come può il candidato sapere se un “palo” teso dalla giuria ha lo scopo di invogliarlo a correggere un errore o, al contrario, ad approfondire un punto interessante?

Il candidato dovrà quindi esercitare discernimento per sapere se correggere un errore o, al contrario, arricchire un punto che ha suscitato l’interesse della giuria. Spesso i candidati sono concentrati, quindi concentrati su se stessi, il che è normale, ma, ancora una volta, durante la presentazione orale, devono saper ascoltare. La “competitività positiva” a cui accennavo consiste quindi nell’accettare di essere “sfidati”, cioè nel saper difendere le proprie posizioni, sviluppare o arricchire un argomento, e anche, se necessario, riconoscere un errore e correggerlo. Dovresti sapere che la giuria è amichevole, che non cerca di “intrappolare” i candidati, quindi devi semplicemente mostrare fiducia in te stesso, onestà intellettuale e buon senso quando rispondi alle loro domande.

Qual è il ruolo del “Team di ammissibilità”?

Si tratta di un team composto da 60 a 70 studenti HEC responsabili di aiutare i candidati. Perché tutto è fatto affinché i candidati si sentano bene nel campus: durante il loro soggiorno, sono invitati ad attività, ad un barbecue, ad attività come le bocce, ecc. Alcuni si divertiranno a parteciparvi per rilassarsi, altri, al contrario, lo faranno. preferiscono rimanere concentrati: l’eventuale partecipazione a queste attività non è ovviamente obbligatoria, e non conta affatto ai fini del concorso. Inoltre ogni studente è assistito da un “padrino”, anch’egli studente della scuola, al quale può chiedere aiuto o consigli.

Questo potenziale aiuto è solo virtuale o ci sono stati casi in cui è stato utile?

Sì, a volte è stata molto utile! Ad esempio, un candidato si era dimenticato di svegliarsi per l’esame orale previsto per le 8:00: il suo sponsor è andato a prenderlo nella sua stanza alle 7:45 in modo che potesse arrivare in tempo per l’esame orale. I candidati beneficiano anche di una hotline BDE in caso di problemi materiali: se ad esempio hanno rovesciato il caffè sulla maglietta, possiamo prestargli una maglietta di riserva – questo è successo più volte. Un altro candidato aveva dimenticato di mettere le scarpe eleganti nella valigia, ma il team di ammissibilità è riuscito a trovargli un paio di scarpe della sua taglia. I candidati non dovrebbero quindi esitare a chiedere aiuto alle squadre e ai loro sponsor, se necessario. Per finire con l’organizzazione, è prudente portare con sé un cambio di vestiti, dato che i candidati rimarranno generalmente dai 3 ai 4 giorni nel campus.

-

PREV CARTA GEOGRAFICA. Dove e quando vedere i fuochi d’artificio il 14 luglio 2024 a La Manche?
NEXT I prezzi dell’elettricità stanno diminuendo nella maggior parte dei mercati europei – pv magazine France