processo contro una madre accusata dell’omicidio delle figlie disabili

-

Immagine illustrativa

Credito: Immagine illustrativa

18:30 di Thomas Naudi con AFP.

Le sue figlie non vengono ritrovate da più di sette anni: una madre, accusata di omicidio volontario aggravato, è da lunedì sotto processo davanti alla Corte d’assise del Lot-et-Garonne ad Agen. I due adolescenti di 12 e 13 anni, nati con malformazioni, non si vedevano dal 7 dicembre 2016 nell’Istituto specializzato di educazione per portatori di handicap multipli (Isep) di Tonneins, dove erano stati accolti durante il giorno. Cinque mesi dopo, la Direzione dell’infanzia e della famiglia del Consiglio dipartimentale ha denunciato la loro scomparsa.

Perseguita per la prima volta per “abbandono di minori” e incarcerata nel settembre 2017, la madre Naïma Bel Allam ha visto la sua accusa trasformarsi in “omicidio premeditato aggravato” nel gennaio 2018, dopo la scoperta di una macchia “brunastra” nella casa di Nérac. Ma il suo esame non ha prodotto risultati conclusivi: ha rivelato diversi DNA diversi, tra cui quello dell’ex inquilino dell’alloggio, secondo l’avvocato della signora Bel Allam, Me Sophie Grolleau. Sono state effettuate anche ricerche per una settimana nel febbraio 2022 da parte di una trentina di soldati, gendarmi e sommozzatori della gendarmeria in un’area boschiva a pochi chilometri dall’abitazione familiare, ma senza consentire alcun progresso decisivo.

Rilasciata nel novembre 2021, Naïma Bel Allam, ex contabile di origine marocchina abbandonata dal marito, ha fornito agli investigatori versioni divergenti sulle sue figlie, da lei allevate da sola. Ha spiegato in particolare di averli affidati a una coppia marocchina in un’area di sosta autostradale in Spagna, versione smentita dagli investigatori. “Proclama la sua innocenza da sette anni. Ha detto fin dall’inizio che non ha ucciso le sue figlie e che sono al sicuro, dice il suo avvocato Me Grolleau. “Sta deliberatamente coprendo le sue tracce, vuole che proteggano le istituzioni francesi in cui ha perso completamente la fiducia”, aggiunge.

Il padre, che non vedeva le sue figlie da diversi anni quando queste scomparvero, ha intentato una causa civile. “Se ci fosse la minima prova di vita, il mio cliente sarebbe il più felice del mondo”, ha detto la sua avvocatessa Sylvie Brussiau. “Non abbiamo questa prova di vita, nemmeno a sette anni dall’inizio delle indagini. Lui non ci crede più e quello che vorrebbe è dare una degna sepoltura alle sue figlie scomparse”.

Giovedì è attesa la sentenza.

-

PREV The Boys: l’attentato a Trump spinge Amazon a cambiare il finale della stagione 4
NEXT Viktor Gyökeres sugli scaffali di un top club spagnolo