Ondata di caldo nel periodo degli esami: “Vedremo un’influenza sui risultati degli studenti”

Ondata di caldo nel periodo degli esami: “Vedremo un’influenza sui risultati degli studenti”
Ondata di caldo nel periodo degli esami: “Vedremo un’influenza sui risultati degli studenti”
-

L’ondata di caldo prevista durante la settimana in tutto il Quebec rischia di infastidire molti studenti che trascorreranno lunghe ore chiusi in locali senza aria condizionata durante il periodo degli esami.

• Leggi anche: Ondata di caldo: le scuole possono acquistare i condizionatori, dice il ministro Drainville

• Leggi anche: Un colpo di calore? Ecco i sintomi a cui prestare attenzione durante un’ondata di caldo

• Leggi anche: Ondata di caldo: la colonnina di mercurio dovrebbe raggiungere i 35 gradi Celsius a Montreal

Mentre nelle scuole primarie sono stati completati gli esami ministeriali, nelle scuole secondarie devono ancora svolgersi gli esami di storia, scienze e matematica.

“Sarà una settimana importante e le condizioni non sono facili”, spiega il maestro Sylvain Duclos in un’intervista alla LCN. La concentrazione è difficile, ma immagina in una stanza chiusa, senza aria condizionata, molto spesso senza finestre […] fare un esame di tre ore altrimenti non potremo uscire”.

“Influenzerà anche la loro motivazione a presentarsi nei periodi di recupero, ad esempio nel pomeriggio”, aggiunge. Non sono sicuro che nelle scuole secondarie sarà molto interessante a 42 umidox.”

L’insegnante ritiene che i risultati scolastici dei giovani saranno influenzati dalla temperatura.

“Sono certo che vedremo un’influenza sui risultati degli studenti”, ha detto. Non verranno a ripassare a scuola […] e concentrazione, lo sappiamo, noi stessi abbiamo difficoltà a concentrarci anche quando fa caldo.

“Per i giovani le tre ore sono eccessivamente difficili e non abbiamo affatto le condizioni per vincere”, continua.

Sono pochissime le opzioni a disposizione degli insegnanti per cercare di contribuire a migliorare le condizioni con cui gli studenti devono confrontarsi.

“Possiamo vedere locali forse più climatizzati e con soffitti più alti, evitare locali con finestre, ma è limitato quello che possiamo fare durante una sessione d’esame per spostare tutti gli studenti, spiega il signor Duclos. Elimineremo i ghiaccioli e i ventagli, ma non farà miracoli.”

L’insegnante dubita dell’utilità di tenere le sessioni d’esame così tardi nell’anno, esponendo così gli studenti a condizioni di apprendimento più difficili.

“Metto davvero in dubbio il principio della valutazione ministeriale di fine anno come questa qui a metà giugno”, dice. È necessario fare valutazioni di questa portata e inserire i giovani in questi contesti di apprendimento?”

Guarda l’intervista completa nel video qui sopra

-

PREV Wall Street allo sbando, tassi in calo dopo l’inflazione USA – 11/07/2024 alle 16:29
NEXT A Bruxelles, un’associazione si batte per coinvolgere gli espatriati nella vita locale