Loira Atlantica: dopo un incidente stradale, questa donna si rende conto che deve curare il suo alcolismo

Loira Atlantica: dopo un incidente stradale, questa donna si rende conto che deve curare il suo alcolismo
Loira Atlantica: dopo un incidente stradale, questa donna si rende conto che deve curare il suo alcolismo
-

Di

Editoriale Guerande

pubblicato su

15 giugno 2024 alle 8:16

Vedi le mie notizie
Seguire L’Écho de la Presqu’île

Il 2 settembre 2022, poco dopo le 23, una donna, ormai 53enne, residente in un vicino dipartimento della Loira Atlantica, ha provocato un incidente materiale, rue Nantaise a Pontchâteau.

“Ho preso la macchina senza pensare”

La polizia ha notato che non aveva più la patente e puzzava di alcol. Ma il cinquantenne si rifiuta di fare l’etilometro e dare la sua identità. Portata in ospedale, rifiuta l’esame del sangue.

Martedì 4 giugno 2024, davanti al tribunale penale di Saint-Nazaire, l’imputato ha ammesso i fatti:

“Stavo andando ad una festa di famiglia, ho preso la macchina senza pensarci, anche se dovevo rifare il codice; Penso di essere andato via, ma non ricordo. »

Le “solo due birre” che dice di aver bevuto lasciano forze dell’ordine scettiche.

Consapevolezza

Un incidente che lo ha reso consapevole della sua dipendenza dall’alcol: “Ho messo in atto una cura. Ho dei farmaci che mi impediscono di bere. »

Lei riconosce:

Video: attualmente su Actu

“Sì, sono un alcolista dal 2019, in seguito al cancro e alla separazione. »

Se la Procura sottolinea «il rischio corso quel giorno», si accontenta di constatare che la cinquantenne «ha ormai consapevolezza del rischio corso quel giorno per sé e per gli altri“.

L’avvocato difensore, Me Matthieu Herla, evidenzia tutto ciò che la sua cliente ha immediatamente messo in atto per uscire dalla sua dipendenza e chiede o una piccola multa o non più di due mesi di prigione.

Ma il tribunale dà seguito alle richieste del pubblico ministero: quattro mesi di reclusione con sospensione della pena.

L’autista coinvolto nell’incidente, assente all’udienza, ha chiesto il rimborso di due seggiolini per bambini e 30 euro di benzina.

Ma a causa della mancanza di prove, lo era rifiutò la sua richiesta.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV un fine settimana PAZZESCO su Amazon
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole