Diritti TV: Canal+ ha vinto, la Ligue 1 ha paura

Diritti TV: Canal+ ha vinto, la Ligue 1 ha paura
Diritti TV: Canal+ ha vinto, la Ligue 1 ha paura
-

Proseguono le trattative tra Vincent Labrune e le potenziali emittenti per scoprire chi trasmetterà la Ligue 1 e per quale importo nel periodo 2024-2029.

Quasi ogni giorno arrivano nuove informazioni sulla trattativa per i diritti televisivi della Ligue 1. Beinsports resta il grande favorito e potrebbe salvare il campionato francese con un’offerta di circa 700 milioni di euro. Ma il canale del Qatar attende un segnale da Canal +, il suo principale distributore in Francia. Vincent Labrune incrocia le dita affinché Beinsports e Canal + trovino un accordo e trasmettano la Ligue 1 la prossima stagione a un prezzo equo, mentre il presidente della LFP puntava inizialmente al miliardo di euro, diritti internazionali compresi.

Tuttavia la situazione è molto delicata perché i due canali non hanno concorrenza in questo settore. Interessata per un po’, DAZN ha rinunciato perché la Netflix dello sport non era pronta a mettere sul tavolo più di 500 milioni di euro. Da parte sua, Amazon ha trasmesso le sue ultime partite di Ligue 1 una settimana fa poiché la piattaforma non era nella posizione di acquisire i diritti televisivi per il periodo 2024-2029. La situazione è quindi estremamente delicata secondo Pierre Maes, specialista in materia, intervistato da BFM Business.

“In Francia c’è un fenomeno che troviamo ovunque in Europa, ovvero che le emittenti vogliono pagare meno per i diritti televisivi sul calcio. L’esempio dell’Euro è molto chiaro. Beinsports ha preso una posizione negoziale molto dura, vuole pagare molto meno di prima per l’Euro. Per la Ligue 1 sarà un po’ la stessa cosa. Si parla di un accordo che con Beinsports si aggira sui 700 milioni di euro. Ne sentiamo parlare da settimane, ma nulla è stato confermato. L’inizio della stagione si avvicina, i club si dicono non preoccupati. Francamente il fatto di non aver annunciato un accordo sui diritti televisivi così a ridosso dell’inizio della stagione è motivo di preoccupazione. Per i club che vivono di diritti tv oltre che di sponsorizzazioni e ricavi delle partite, i diritti tv hanno un grosso vantaggio, ovvero che sono ricavi normalmente sicuri e quindi fondamentali per stabilire un budget. Più piccolo è il club, maggiore è la quota dei diritti televisivi nel budget. Per questi club è fondamentale” ha lanciato l’economista sul set di BFM Business, prima di proseguire.

Beinsports attende un segnale da Canal +

“Spesso mi viene chiesto quanto valgono i diritti tv. In realtà, non hanno valore. Non hanno valore nominale. Valgono quanto un operatore è disposto a pagare. Un operatore sarà disposto a pagare molto se è in concorrenza. Se è solo, coglierà l’occasione per abbattere i prezzi. Oggi questo è ciò che sta accadendo. Stiamo parlando di Beinsports ma chi c’è dietro? È Canal + perché Beinsports non si impegnerà in questo accordo senza il sostegno finanziario di Canal, che ha un contratto di distribuzione esclusiva con Beinsports. Gli attori sono molto più ragionevoli. Quale sarà il risultato? È una bella domanda. Gli obiettivi erano molto ambiziosi, sbandierati da Vincent Labrune, che voleva più di un miliardo di euro. Penso che dovremo annunciare accordi che saranno molto meno buoni” ha lanciato Pierre Maes, che si chiede come andrà a finire tutto questo mentre i presidenti dei club di Ligue 1 attendono con impazienza quanti soldi recupereranno grazie alla vendita dei diritti tv del campionato.

-

PREV aveva progettato il Vendéspace
NEXT Legislativo: chi è Hendrik Davi (dissidente LFI), candidato nella 5a circoscrizione elettorale delle Bouches-du-Rhône?