Olimpiadi Parigi 2024: “L’oro olimpico è anche il Santo Graal agli occhi degli altri”… la storia di Adrien Hardy, incoronato nel 2004

-

Campione olimpico di canottaggio alle Olimpiadi di Atene 2004 nel doppio di coppia, il nativo di Nîmes ha impiegato alcuni anni per rendersi conto del significato della sua impresa, dopo aver partecipato a quattro partite. A due mesi dalle Olimpiadi di Parigi, ricorda e racconta

Il suo sguardo si perde nella schiuma del braccio addormentato del Rodano, lì, sulle rive di Beaucaire dove tutto ha avuto inizio. A 45 anni, la barba è sbiancata sotto i capelli biondi, ma dalla sua altezza di 1,97 metri, Adrien Hardy mostra ancora la statura di un taglialegna nordico, congelato per sempre nella storia dei Giochi con il suo colpo di pala potente e ritmato. Un “ancora rotolante” capace di girare a 38 colpi al minuto.

La corrente ci riporta indietro di 20 anni, questo 21 agosto 2004, nello specchio d’acqua di Schinias dove la leggenda è stata scritta tra le righe. Era ieri. Un’alba all’alba per il giornalista che segue, ansioso di vederlo, sotto un sole greco già fuso come piombo. Una gara senza peso per una finale di doppio impacchettata come un pacco regalo con l’amico cannense Sébastien Vieilledent. Il frutto di tre anni di lavoro insieme, 180 giorni all’anno in meno di due metri quadrati. Una vera vita di coppia nella stessa lotta.

Il doppio scull francese, con i pugni alzati, questo 21 agosto 2004 al termine della finale olimpica del doppio scull.
MAXPPP/DPA – Gero Breloer

Atene 2004: “Non ci potrebbe succedere nulla”

“Nel canottaggio serve una fiducia cieca nel tuo compagno di squadra e in quello che sei capace di fare. Credo che ad Atene fossimo così uniti che non ci potesse succedere nulla”.

In poche parole molto forti, Adrien Hardy ripropone il livello di preparazione e di ambizione che abitava lui e il suo amico Sébastien Vieilledent nel 2004. La sfida era enorme: battere i detentori del titolo sloveni e l’equipaggio italiano, il favorito schiacciante che aveva vinto tutte le regate della stagione con più di tre secondi.

In semifinale il vantaggio degli italiani ha superato di poco il secondo. Soprattutto lo staff francese ha notato che i favoriti si sono divisi negli ultimi 300 m. “Quindi ci è stato detto di fare pressione su di loro fin dall’inizio”, dice Adrien “Ci siamo detti che potevamo andare a prenderli”.

Pesante responsabilità per Adrien, 26 anni, leader del nuoto, alla partenza, con il suo amico di 28 anni. Il matrimonio di acqua e fuoco tra il calmissimo Gardois e il molto più estroverso Cannes. “Il nostro rapporto e la nostra forza si basano su queste differenze, assicura il Gardois. Poi, nel canottaggio, sono il tocco e la sincronizzazione a rendermi diverso”. E tecnicamente i francesi allora non avevano equivalenti.

Questa corsa da sogno è raccontata da Adrien: “Gli italiani sono partiti davanti come al solito, noi siamo stati forti alla partenza, pazienti e aggressivi come gli sloveni. A 500 m dalla linea dovevo prendere informazioni sui nostri concorrenti a sinistra. Ho visto le tre barche quasi allineate mentre io dovevo essere una lunghezza dietro, lì ho detto: “avevamo qualcosa da recuperare e abbiamo finito con 3 secondi di vantaggio sugli sloveni”.

La voce dei Nîmes, vestita d’oro e incoronata da una corona d’ulivo, risuonerà allora di gioia sommessa dall’incredulità: “Non riesco a trovare le parole. L’oro olimpico di solito viene vissuto solo indirettamente, in TV.” Un titolo dedicato al suo allenatore Jean-Raymond Peltier e al club dei suoi esordi, a Beaucaire, devastato dalle inondazioni all’inizio del 2004.

“Non basta essere i migliori, bisogna essere pronti nel grande giorno”

Ristrutturata e inaugurata alla fine del 2023, la base del Gard porta ancora il suo nome, come quella di Chalons-sur-Saone dove si è ricostruito una vita e ha completato le sue medaglie: due titoli mondiali nel 2003 e nel 2006 e un’incoronazione europea in otto (2008 ) oltre alla consacrazione del 2004.

Leggi anche:
A Beaucaire, un futuro luminoso annunciato per la nuova versione della base nautica Adrien Hardy

“Quel giorno della finale, ad Atene, siamo riusciti a far scivolare la barca meravigliosamente”ricorda Adrien, segnato per sempre da un titolo di cui apprezzerà il significato solo quattro anni dopo.

Adrien Hardy e Sébastien Vieilledent sul podio ateniese, corona d’ulivo in testa.
MAXPPP/DPA – Achim Scheidemann

“L’oro olimpico è davvero il Santo Graal, per sé stessi, ma anche agli occhi degli altri. Non basta essere i migliori. Bisogna essere pronti nel grande giorno. E l’ho misurato nel 2008, a Pechino, quando Nel doppio ero favorito con Jean-Baptiste Maquet e siamo arrivati ​​solo quinti.”

Remare per curare la scoliosi

Adrien ritorna regolarmente nelle sue terre del Gard per assaporare ricordi ricoperti di nostalgia quando va a trovare i suoi genitori a Jonquières-Saint-Vincent. Dove, quando aveva 12 anni, un medico gli consigliò di nuotare o di remare per curare la scoliosi, lui che aveva appena terminato i quattro anni di coro con i “Piccoli cantori con la croce di legno”.

A volte il destino ha il lato buono, perché il remare lo ha sedotto “questo sentimento di padronanza su un elemento che i terrestri non hanno, il gioioso piacere di scivolare sull’acqua.”

“Da Sydney a Londra ho vissuto quattro splendide Olimpiadi”

Mentre il suo ex amico Sébastien Vieilledent è diventato DTN, i Gardois si sforzano oggi di condividere questo piacere con i giovani del club Chalons, “piuttosto in un ruolo di consulenza perché la posizione di coach occuperebbe troppo del mio tempo.” Responsabile della gestione delle stazioni sorgente in Borgogna presso Enedis, padre di due ragazze e un ragazzo, Adrien ha un’agenda ben prenotata per i quarantenni.

Sarà consulente quest’estate per France TV in questo anno olimpico che “ogni quattro anni funge da vetrina per le nostre discipline”. Nel 2004, dopo il suo titolo, si è osservato un aumento dei licenziatari dal 10 al 15%. “Ma è complicato decollare con solo 300-350 club”, ammette. “Serve un pool, cosa piuttosto rara in Occitania”.

Consulente per TV francese

Lo impila di nuovo. Già consulente delle Olimpiadi di Tokyo 2021, Adrien Hardy commenterà ancora una volta le gare di canottaggio delle Olimpiadi e Paralimpiadi di Parigi per France Télévision con la giornalista di Montpellier Hélène Macurdy.

“Siamo andati molto d’accordo e ci completavamo a vicenda, le ho fatto conoscere le chiavi del canottaggio”dà il benvenuto ad Adrien Hardy.

Il Gardois vuole esserlo “ottimista” per i vogatori francesi mentre cinque imbarcazioni hanno ottenuto il biglietto per i Giochi. “Posso immaginare almeno tre medaglie, soprattutto con i doppi che difenderanno il loro titolo e possono sperare di mantenerlo”.

Gli eventi si svolgeranno a Vaires-sur-Marne. Le cinque barche francesi qualificate sono il doppio di coppia maschile e femminile, il doppio di coppia leggero maschile e femminile e il quattro di coppia senza uomini.

Ma non c’è dubbio sul successo di questi Giochi: “Trovo molto deplorevole la critica prematura. Ho vissuto quattro Olimpiadi, da Sydney a Londra, ogni volta tutto era pronto in città amplificate dall’evento. E poi i Giochi sono incontri, crogiolo, fratellanza, aiuto reciproco. vivranno momenti straordinari.”

Sarà poi il momento di guardare suo figlio Simon, 12 anni, che ha appena iniziato a remare seguendo le orme del padre. Riscrivere la storia? Chi lo sa…

-

NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India