Dibattito Biden vs Trump: un accordo storico

Dibattito Biden vs Trump: un accordo storico
Dibattito Biden vs Trump: un accordo storico
-

Il 5 novembre 244 milioni di americani saranno chiamati alle urne per eleggere il loro 47esimo presidente. Solo che in realtà solo il 6% di loro, distribuiti in 6 Stati, avrà la vittoria alla portata del ballottaggio. Si tratta di elettori che vivono nei famosi “swing states”, stati tradizionalmente fortemente contesi tra il campo democratico e quello repubblicano, a differenza del resto del territorio, il cui modo di votare è molto più prevedibile.

La protesta popolare a favore dei palestinesi di Gaza ha trovato nuova linfa quando, il 17 aprile, gli studenti della Columbia University di New York hanno allestito un accampamento all’interno del loro campus. Giorno dopo giorno, il movimento di protesta è cresciuto negli Stati Uniti, costringendo il presidente Biden a reagire. E questa rabbia tra i giovani studenti americani, fenomeno già osservato nel secolo scorso, potrebbe trovare spazio nella campagna presidenziale, fino al 5 novembre, giorno delle elezioni.

In un libro di prossima pubblicazione, Kristi Noem, governatrice del South Dakota, racconta di aver ucciso a sangue freddo uno dei suoi cani da caccia diversi anni fa. L’aneddoto non avrebbe suscitato tante polemiche se Kristi Noem non fosse stata tra le favorite per il posto di vicepresidente al fianco di Donald Trump, per le prossime elezioni presidenziali. L’esito di questa corsa secondaria è quindi più incerto che mai.

Dopo mesi di aspre discussioni nei corridoi del Congresso, i parlamentari americani si apprestano a votare una busta da 60 miliardi di dollari in aiuti militari, economici e umanitari all’Ucraina. Un disegno di legge presto firmato dal presidente Biden, che non avrebbe potuto essere firmato senza il tacito accordo del suo rivale repubblicano Donald Trump.

L’ex presidente americano e candidato alle elezioni presidenziali di novembre, Donald Trump, non sarà sfuggito a questo. Ieri a New York si è aperto un primo processo penale contro di lui, nel cosiddetto caso “Stormy Daniels”. Un processo storico perché mai un ex presidente americano è stato processato da un tribunale penale negli Stati Uniti.

La maggioranza degli americani non vuole una rivincita tra Biden e Trump come un duello nelle prossime elezioni presidenziali. Ma questo è esattamente ciò che li aspetta, poiché i due candidati hanno ottenuto la maggioranza assoluta dei delegati dei rispettivi partiti. Gli occhi si stanno ora rivolgendo ad altri nomi che potrebbero emergere e interrompere la tradizionale rivalità tra repubblicani e democratici. Tra questi contendenti: Robert Kennedy Junior, nipote di John Fitzgerald Kennedy, è accreditato con il 10% delle intenzioni di voto nei sondaggi. Spera di fare il guastafeste in questa campagna presidenziale.

Giovedì scorso, 28 marzo, il 42esimo, 44esimo e 46esimo presidente degli Stati Uniti si sono riuniti nella stessa stanza a New York: Joe Biden si è circondato di Bill Clinton e Barack Obama per una cena elettorale e una raccolta fondi record, con 26 milioni di dollari raccolti . Ma la presenza di Clinton, e soprattutto quella di Obama, accanto a Biden, non è utile solo a finanziare la campagna del presidente in corsa per la rielezione. Barack Obama sarà una risorsa preziosa per Joe Biden nei mesi a venire.

Lunedì la giustizia di New York ha allentato la pressione finanziaria su Donald Trump riducendo la sua cauzione a 175 milioni di dollari nei procedimenti civili, una procedura contro la quale l’ex presidente degli Stati Uniti sta facendo appello dopo essere stato condannato per evasione fiscale. Il magnate dell’immobiliare e candidato repubblicano alle elezioni presidenziali di novembre ha accolto con favore la decisione della corte d’appello di New York sulla sua cauzione, che gli risparmia il sequestro dei suoi beni immobiliari, simboli forti del suo successo personale.

Nella corsa per la Casa Bianca entrambi i candidati sono ormai noti. Joe Biden dal lato democratico e Donald Trump dal lato repubblicano. Una competizione che vedrà fronteggiarsi i due candidati più anziani della storia americana, e sulla quale aleggia lo spettro della giustizia americana, con Donald Trump nel mirino di quattro accuse penali. Se un candidato dovesse ritirarsi volontariamente o fosse costretto a farlo, cosa accadrebbe? I partiti politici e la Costituzione degli Stati Uniti hanno capito tutto.

L’attentato del 7 ottobre e la ritorsione di Israele contro Hamas a Gaza hanno costretto gli Stati Uniti a prendere posizione a favore di Israele, anche se recentemente il presidente americano ha cambiato tono, con un discorso più critico nei confronti della politica bellicosa di Benjamin Netanyahu . Senza chiedere un cessate il fuoco totale. Tra il desiderio di sostenere il suo storico alleato e la necessità di placare la rabbia dei cittadini negli Stati Uniti di fronte al terribile tributo di vite umane in questo conflitto, Joe Biden è costretto a un atto diplomatico di equilibrio, il cui rischio principale è quello di alienare molti giovani elettori tradizionalmente democratici alle urne del prossimo novembre.

Il Super Tuesday è stato fatale per Nikki Haley. Il rivale di Donald Trump ha annunciato mercoledì mattina che getterà la spugna, lasciando la strada aperta all’ex presidente per ottenere la nomina del Partito repubblicano. Di fronte, Joe Biden sarà sicuramente designato come candidato democratico. Il duello del 2020 si svolgerà quindi nuovamente nel 2024.

Sabato, Donald Trump ha vinto le primarie repubblicane della Carolina del Sud con il 60% dei voti, rispetto al 40% del suo avversario, Nikki Haley. Una sconfitta umiliante per l’ex governatore di questo stato del sud-est degli Stati Uniti, che giocava quindi in casa. Ma Nikki Haley ha rifiutato ancora una volta di gettare la spugna e conta di essere messa da parte durante la campagna dell’ex presidente americano. Finora nulla sembra poter impedire a Donald Trump di ottenere la nomina del Partito Repubblicano. Il che non gli garantirà la vittoria il prossimo novembre contro Joe Biden.

È un processo che sarà storico: nessun ex presidente americano è mai stato processato penalmente. Nonostante i tentativi incessanti di ottenere il rinvio dei numerosi processi a suo carico, Donald Trump sarà processato dal 25 marzo a Manhattan, nello stato di New York, per pagamenti sospetti durante la campagna presidenziale del 2016. L’inizio di questo processo, che durerà 6 settimane, è stata fissata in via definitiva la scorsa settimana da un giudice.

Bersagliato da un rapporto che lo descriveva come un uomo anziano con una cattiva memoria, incapace di ricordare la data della morte del figlio maggiore, Joe Biden ha scelto di contrattaccare. Invece di porre fine alla polemica, il presidente, 81 anni, l’ha riaccesa affermando prima di essere in buona salute, e poi commettendo un errore grossolano. La preoccupazione degli americani è innegabile, ma il campo democratico per il momento è unito dietro il presidente.

Ogni settimana, Benoit Ballet, corrispondente di BFMTV negli Stati Uniti, e Thierry Arnaud, editorialista, vi propongono un’analisi delle notizie americane. Un dibattito informale, per capire tutto sulle elezioni imminenti e su un Paese che continua ad affascinarci, da ascoltare su radio BFM, bfmtv.com e su tutte le piattaforme streaming.

Il diritto all’aborto sarà uno degli assi principali di Joe Biden per battere il suo rivale repubblicano il 5 novembre. E questo rivale sarà, salvo sorprese, Donald Trump. Lo scorso giugno la Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato il caso Roe v. Wade che ha legalizzato l’aborto nel Paese per circa cinquant’anni. E Donald Trump, che durante il suo precedente mandato aveva nominato 3 giudici alla Corte Suprema, si è preso il merito della decisione. I democratici, guidati da Joe Biden, hanno lanciato la scorsa settimana un’importante campagna per convincere gli americani del pericolo rappresentato da Donald Trump.

Donald Trump ha vinto le primarie repubblicane nel New Hampshire, consolidando ulteriormente la sua presa sul Partito Repubblicano. Ma la sua unica rivale, Nikki Haley, ha fatto meglio di quanto previsto dai sondaggi, perdendo solo dieci punti. Con questo risultato è orgogliosa di poter restare in corsa per la nomination repubblicana. La competizione continua, anche se una vittoria finale per Haley sembra una missione impossibile.

Lunedì sera Donald Trump ha vinto le primarie repubblicane in Iowa, una vittoria schiacciante. Il miliardario 77enne, quattro volte accusato penalmente, ha ottenuto il 51% dei voti. E lascia dietro di sé, intorno al 20%, i suoi principali rivali Ron DeSantis e Nikki Haley. Donald Trump lo vede come un trionfo e si propone già come il candidato dichiarato dei repubblicani. Ma i suoi due avversari non hanno ancora detto l’ultima parola.

Può la giustizia americana bloccare il cammino di Donald Trump verso la Casa Bianca? Una decisione presa nello stato del Colorado costituisce un serio avvertimento per l’ex presidente repubblicano. A metà dicembre la Corte Suprema dello Stato ha stabilito che Donald Trump non era idoneo alle primarie del Colorado per aver preso parte a una “insurrezione” nel contesto dell’assalto al Campidoglio da parte dei suoi sostenitori il 6 gennaio 2021.

Le elezioni presidenziali americane sono radicalmente diverse da quelle francesi. Il suo sistema di primarie e caucus e il suo carattere indiretto, in particolare, rendono talvolta difficile la comprensione di questo processo elettorale esaminato in tutto il mondo. E tanto più nel 2024, con una configurazione senza precedenti che potrebbe portare a un nuovo duello tra Joe Biden e Donald Trump. Questa guida per l’utente dovrebbe quindi consentire di catturare i momenti più importanti che seguiranno quest’anno.

In difficoltà nei sondaggi in caso di duello contro Donald Trump nel 2024, Joe Biden potrebbe contare su un forte alleato: il cantante Taylor Swift. La star americana, con circa 400 milioni di iscritti sui social network, potrebbe, se sostenesse il presidente democratico, far pendere il risultato elettorale dalla parte di Joe Biden.

I repubblicani vogliono riconquistare la presidenza degli Stati Uniti. Convincendo gli elettori con un programma politico, ma non solo. Da diversi mesi si sono intensificati gli attacchi contro Hunter Biden, il figlio del presidente. Il passato travagliato di Hunter Biden lo rende l’obiettivo ideale per raggiungere suo padre e destabilizzare il presidente degli Stati Uniti nella campagna per la sua rielezione.

Nella corsa per la nomina repubblicana alle elezioni presidenziali americane del novembre 2024, sono ancora in lizza cinque candidati. Tra questi, l’ex presidente Donald Trump domina i sondaggi. Tuttavia, un estraneo crea una sorpresa. Nikki Haley, ex governatrice della Carolina del Sud, si sta gradualmente affermando come la principale alternativa a Trump. Riuscirà, però, a detronizzarlo dalla candidatura?

Trailer – Briefing a Washington

-

PREV Aggiornamento dopo 4 giorni!
NEXT Mercati americani attesi in rialzo, rassicurati dall’inflazione a maggio – 06/12/2024 alle 15:02