Atletica leggera | Noah Lyles sogna quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Parigi

Atletica leggera | Noah Lyles sogna quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Parigi
Atletica leggera | Noah Lyles sogna quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Parigi
-

(Nassau) L’americano Noah Lyles, tre volte campione del mondo la scorsa estate (100, 200, 4×100 m), sogna quattro medaglie d’oro ai Giochi Olimpici di Parigi con la staffetta 4×400 m, ha indicato sabato a margine delle staffette mondiali di Nassau (Bahamas).


Inserito alle 15:12

Lyles (26) fa parte della squadra americana alle staffette mondiali, dove i paesi gareggiano sabato e domenica per qualificare i propri collettivi nella 4x100m, 4x400m e 4x400m mista.

“Mi allenerò specificatamente per i 100 e i 200 metri, mentre mi renderò più forte possibile per i 400 metri. Sono nella forma della mia vita”, ha spiegato Lyles in una conferenza stampa.

Re degli ultimi Mondiali di Budapest 2023, il bronzo olimpico nei 200 metri di Tokyo 2021 aveva creato una piccola polemica interna alla squadra americana partecipando alla staffetta 4×400 metri ai Mondiali indoor di Glasgow (argento) quest’inverno , dove ha vinto anche l’argento nei 60 metri.

“Gli allenatori di alcuni atleti che non sono arrivati ​​alla finale si sono lamentati della mia selezione”, ha spiegato Lyles.

“Diciamo solo che molta gente negli Stati Uniti era molto arrabbiata nel vedermi correre la 4×400, cosa che mi ha fatto venire voglia di dire loro: “siate più veloci, spingetemi fuori!” “.

Prima di puntare al primo oro olimpico a Parigi, Lyles dovrà affrontare le formidabili selezioni americane di Eugene (21-30 giugno).

“Probabilmente abbiamo cinque dei dieci migliori al mondo in diverse discipline dello sprint, oltre a nuovi nomi che appaiono continuamente… Non si sa mai chi può rivelarsi, devi essere pronto a tutto”, ha indicato, mentre solo i primi tre americani di ciascuna disciplina vengono selezionati individualmente.

-

PREV Appello urgente per la bambina di 10 anni scomparsa
NEXT Slimane vuole che la sua prestazione in finale sia “un momento magico”