MotoGP Assen Michelin J3: Le variazioni termiche del TT Circuit confermano la versatilità degli pneumatici Power Slick

-

• L’ottavo round del Campionato Mondiale FIM MotoGP™ si è svolto sul circuito TT di Assen in presenza di notevoli variazioni termiche.
• Gli pneumatici MICHELIN Power Slick si sono comportati bene e in modo costante in un ampio intervallo di temperature durante tutto il fine settimana.
• Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) vince la gara e stabilisce tutti i record.

Questo fine settimana i paddock della MotoGP e della MotoE hanno fatto tappa nei Paesi Bassi, tornando sul TT Circuit di Assen, situato nel nord del Paese. Vicino alle spiagge del Mare del Nord, questo itinerario, in calendario dal 1949, offre condizioni meteorologiche variabili e forti escursioni termiche. Una brezza fredda dal mare spazza la pista, anche in piena estate.

L’edizione 2024 del Motul TT Assen ha confermato ancora una volta questa tendenza e le nuvole si sono alternate al sole, in particolare venerdì e domenica, mentre le Qualifiche e il Tissot Sprint si sono svolte sabato sotto un cielo sereno, senza vento e con temperature che hanno raggiunto i 49 °C al suolo nel pomeriggio.

Venerdì, grazie alle notevoli variazioni termiche, i piloti hanno potuto testare tutte le specifiche degli pneumatici per prepararsi al meglio per il fine settimana. La seconda sessione di qualifiche (Q2) ha evidenziato un notevole incremento di prestazioni rispetto al 2023. Conseguendo la pole position, Francesco Bagnaia ha stabilito il nuovo record assoluto del circuito in 1’30.540. Da notare che la progressione dei tempi è stata illustrata dai primi 10 piloti, tutti più veloci del record del 2023.

Il Tissot Sprint si è svolto sabato a partire dalle 15:00, quando il caldo era particolarmente intenso (da 45°C a 49°C sulla superficie della pista). La maggior parte dei piloti ha scelto una gomma Soft al posteriore, mentre all’anteriore il campo era diviso tra Hard e Medium. Su un circuito molto impegnativo riscaldato dal sole, la versatilità degli pneumatici Michelin ha permesso ai piloti di mantenere un ritmo di gara elevato durante tutti i 13 giri.

Francesco Bagnaia ha vinto il Tissot Sprint ottenendo un tempo complessivo di 11 secondi più veloce rispetto al tempo dell’anno scorso.

Al termine della manifestazione, Jorge Martin (Prima Pramac Racing) e Maverick Vinales (Aprilia Racing) sono saliti rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio.

Domenica, al risveglio, i piloti hanno scoperto che il tempo era molto diverso da quello del giorno precedente: cielo nuvoloso e 16°C nell’aria, mentre un’intensa brezza fresca spazzava la pista. Il vento rappresenta sempre una doppia difficoltà per i piloti. Da un lato influisce sullo sterzo applicando forze parassite sulla moto, dall’altro accelera il raffreddamento naturale dei pneumatici tra le uscite di curva e i rettilinei, producendo così variazioni di aderenza e pressione più importanti.

Fortunatamente nel corso della giornata le nubi si sono progressivamente dissipate e alla partenza del Gran Premio, alle 14:00, la temperatura dell’asfalto era salita fino a 38°C. In testa dall’inizio alla fine dell’evento, Francesco Bagnaia ha vinto il Motul TT Assen 2024 stabilendo un nuovo record di durata: 40’07.214, 18 secondi più veloce del suo precedente riferimento risalente al 2022. Questo notevole risultato è direttamente dovuto alla consistenza del suo MICHELIN Power Pneumatici Slick Hard all’anteriore e Medium al posteriore. Jorge Martin, che aveva optato per la gomma Soft al posteriore, ed Enea Bastianini (Ducati Lenovo Team) hanno completato il podio della manifestazione.

“L’Assen TT Circuit è una pista molto tecnica, con sequenze che generano molto stress alle gomme. Nonostante il fondo non sia tra i più abrasivi della stagione, abbiamo comunque deciso di intervenire sugli pneumatici anteriori riposizionando la mescola di gomma MICHELIN Power Slick Hard. Si trattava anche di rispondere all’evoluzione delle moto, sempre più efficienti e cariche di aerodinamica. “, spiegare Piero Taramassoresponsabile della competizione due ruote della Michelin. “La decisione si è rivelata giudiziosa e i piloti che hanno scelto questa opzione ci hanno espresso la loro soddisfazione. Vorrei sottolineare anche la grande versatilità degli pneumatici posteriori MICHELIN Power Slick: il Soft, che ha dato tutte le soddisfazioni sabato su una pista molto calda senza mai dare alcun segno di cedimento, e il Medium la domenica. Quest’ultima ha consentito ai piloti di realizzare subito tempi sul giro identici a quelli delle Soft, garantendo al tempo stesso grande costanza per tutta la gara. »

Record del fine settimana

Miglior giro assoluto: Francesco Bagnaia in 1’30.540 (-0.9 vs 2023)

Miglior giro in gara: Francesco Bagnaia in 1’31.866 (-0.6 vs 2022)

Durata del Tissot Sprint: Francesco Bagnaia in 19’58.090 (-11 vs 2023)

Durata della gara: Francesco Bagnaia in 40’07.214 (-18 vs 2022)

-

PREV TDF. Tour de France – La 3a tappa, sprint… e cambio maglia gialla?
NEXT Vingegaard, Evenepoel, Carapaz… Chi prenderà il posto di Tadej Pogacar dalla maglia gialla questo lunedì?