Nessuna banana per Gesù: come le basi della nostra dieta moderna non sono apparse fino al XVI secolo

Nessuna banana per Gesù: come le basi della nostra dieta moderna non sono apparse fino al XVI secolo
Nessuna banana per Gesù: come le basi della nostra dieta moderna non sono apparse fino al XVI secolo
-

È impossibile pianificare un viaggio in Italia senza assaggiare della buona pasta al pomodoro. I piatti francesi con salsa, invece, sono spesso accompagnati da patate, a volte morbide, a volte croccanti.

Tuttavia, né i pomodori né le patate sono originariamente prodotti che si trovano naturalmente in Europa, ricorda Atlas Obscura sulla base di una mappa interattiva creata dal Centro internazionale per l’agricoltura tropicale (CIAT), nonché di uno studio condotto nel 2016 e pubblicato sulla rivista Biological Sciences.

Oggi, il 69% dei raccolti che mangiamo provengono da luoghi molto più lontani. Se gli esseri umani sono riusciti a produrre, attraverso innovazioni tecnologiche e vari strumenti – in particolare le serre – frutta e verdura che prima non venivano coltivate nei loro campi, ciò è avvenuto in più fasi. Il primo di questi: la colonizzazione delle Americhe e dell’Asia da parte degli europei.

Il resto sotto questo annuncio


La natura si prende il suo tempo…
come questo annuncio!


La natura si prende il suo tempo…
come questo annuncio!

Come si sviluppa l’agricoltura nel deserto israeliano

Il Sud America, una vera miniera d’oro per le specie vegetali

Fu sulle Ande, scoperte dagli europei alla fine del XV secolo, che coltivarono per la prima volta pomodori, patate e anche la quinoa. Nel corso del XVI secolo si intensificarono gli scambi tra il Vecchio e il Nuovo Mondo. Gli spagnoli portarono molto rapidamente i semi in Europa. Già nel 1567 le patate crescevano nelle Isole Canarie.

Questi due prodotti sono solo esempi di centinaia di specie vegetali rinvenute in tutto il mondo prima di essere trasportate via nave e coltivate, con diversa facilità, altrove. L’albero del cacao, ad esempio, originario del Sud America tropicale, non è mai stato prodotto con successo in Francia. D’altro canto, gli spagnoli lo esportavano nell’Africa occidentale, oggi la principale regione produttrice di cacao al mondo, ma anche nel sud-est asiatico.

Il resto sotto questo annuncio


La natura si prende il suo tempo…
come questo annuncio!

La varietà della nostra dieta è resa possibile grazie agli scienziati

L’Europa non è da meno quando si tratta di raccolti. Prima del trasporto di tutte queste specie e della globalizzazione che consente l’accesso a tutti questi prodotti nei negozi di tutto il mondo, il continente produceva già molta frutta e verdura. Da sempre nell’Europa occidentale crescono asparagi, mele, cavoli, carote e persino barbabietole e lamponi.

Il Nord America non può dire lo stesso. Il 92,5% delle calorie consumate in Canada deriva da colture originariamente presenti solo al di fuori della regione. È grazie al lavoro degli scienziati del XX secolo che oggi molte specie possono essere coltivate nel continente.

Si sono concentrati sulla conservazione dei semi trovati in altre parti del mondo e sul lavoro per renderli vitali in nuove condizioni.

-

PREV Come lo stress si trasforma in paura
NEXT sempre più bambini sono dipendenti dalla cannabis in Francia