Questo sarà il momento in cui la fiamma olimpica passerà vicino al Belgio

Questo sarà il momento in cui la fiamma olimpica passerà vicino al Belgio
Questo sarà il momento in cui la fiamma olimpica passerà vicino al Belgio
-

Ll viaggio della fiamma olimpica è ancora lungo. Dopo un viaggio di nove giorni in Grecia e una lenta traversata del Mediterraneo a bordo di una nave d’epoca a tre alberi, ha finalmente lasciato le sue valigie in territorio francese. È arrivata a Marsiglia questo mercoledì, 8 maggio. I primi festeggiamenti che si svolgono nella città di Marsiglia sono solo un riscaldamento. Per concludere la sua maratona a Parigi, il simbolo olimpico dovrà ancora attraversare circa 65 territori (cinque d’oltremare), 400 città e 65 feste ed eventi sportivi di chiusura.

Il viaggio della fiamma non è un dettaglio nell’organizzazione dei Giochi tra i nostri vicini francesi. Acceso nel santuario di Olimpia in omaggio ai Giochi dell’antica Grecia, passa tra le mani di una miriade di portatori prima di annunciare il lancio delle Olimpiadi questo 26 luglio sulla Senna a Parigi. Circa 10.000 tedofori (di cui 3.000 in totale) vengono selezionati per trasportare l’oggetto per circa quattro minuti su una distanza di 200 metri. Il 30% dei trasportatori sono selezionati dall’organizzazione e dal movimento sportivo, un altro terzo dagli sponsor della fiaccola BPCE (banche e assicurazioni) e Coca-Cola, un altro terzo dagli altri partner dei Giochi Olimpici. Il restante 10% viene scelto dai territori che ospitano la fiamma.

Un viaggio in Belgio?

Dopo i festeggiamenti della giornata, inizierà la sua “staffetta 7.000 x 200 metri” nel sud della Francia. Grandi città come Tolone, Montpellier, Carcassonne e Tolosa sono in programma. Si dirigerà poi verso la Dordogna, la Charente, la Vandea e arriverà intorno al 7 giugno a Finistère per il suo 27e palcoscenico. Da Brest proseguirà il suo viaggio diplomatico in nave per raggiungere, tra gli altri, la Guyana e la Riunione (i territori francesi d’oltremare).

AFP.

La fiamma olimpica tornerà finalmente nella Francia continentale dopo nove giorni in mare Dopo un attacco dall’est della Francia, tornerà finalmente nel Mare del Nord. È solo il 2 luglio, per il 46e fase, che le “trasmissioni di testimoni” avranno luogo alla frontiera belga. Dopo una tappa a Tourcoing (vicino a Mouscron), la staffetta festeggerà la città di Lille. Secondo il sito web dell’organizzazione, i festeggiamenti si svolgeranno sul Campo di Marte, dalle 15:30 alle 19:45.

Dopo il passaggio al Nord, il pigro si recherà verso Parigi per visitare in particolare i castelli di Versailles o Chambord e una serie di altri luoghi iconici della capitale. Si concluderà in pompa magna sulla Senna il 26 luglio per una cerimonia di apertura che, per una volta, non avrà luogo in uno stadio olimpico.

Una gara di lunga distanza che raramente si svolge senza incidenti

Per la sua importanza simbolica, il viaggio della fiamma ricorda il viaggio di un capo di stato. L’ultima volta che passò per Parigi nel 2008, la Torcia Olimpica fu testimone di scontri tra attivisti e polizia. In un contesto di tensione tra la Cina, che ha organizzato i Giochi, e il Tibet, gli attivisti filo-tibetani ne hanno interrotto il passaggio. Diverse volte, la staffetta è stata protetta in un autobus di sicurezza.

In ogni fase verranno implementate ampie misure di sicurezza. Al momento dell’annuncio del percorso nel giugno 2023, fonti vicine a Cojo avevano già detto all’AFP che “alcune persone rischiano di tentare qualcosa, che gli attivisti di Extinction Rebellion o chissà dove gettino cose sulle fiamme, per bloccare il percorso. Ovviamente ne abbiamo tenuto conto”. Considerando gli avvisi di sciopero già presentati dai sindacati francesi il 10 aprile, è difficile immaginare un percorso senza sorprese.

Leggi anche
Francia: perché lo sciopero della SNCF preoccupa prima delle Olimpiadi

-

PREV CARTA GEOGRAFICA. Case screpolate: nel 2050 in tutta la Francia potrebbero essere colpite più di tre quarti delle abitazioni individuali
NEXT la metropolitana m3 seguirà un nuovo percorso