La Difesa rivede la sua politica rilassata sull’abbigliamento e l’igiene dei soldati

La Difesa rivede la sua politica rilassata sull’abbigliamento e l’igiene dei soldati
La Difesa rivede la sua politica rilassata sull’abbigliamento e l’igiene dei soldati
-

Le forze armate canadesi fanno marcia indietro su alcune norme relative all’abbigliamento e all’igiene dei soldati dopo aver notato l’insoddisfazione tra i ranghi per le misure più flessibili introdotte due anni fa.

A partire da settembre 2022, le forze armate canadesi hanno eliminato quasi tutte le restrizioni sulla lunghezza e il colore dei capelli, sulla lunghezza delle unghie e sui tatuaggi facciali. Questi cambiamenti sono stati introdotti insieme a nuove uniformi neutre rispetto al genere.

Tuttavia, un’indagine condotta tra le fila del Ministero della Difesa ha rivelato che queste nuove misure non sono state ben accolte da gran parte dei militari. Al punto che lo stato maggiore ha sentito il bisogno di correggere la situazione, nessun gioco di parole.

Oggi entrano quindi in vigore nuove norme riviste sulla lunghezza dei capelli e della barba.

Pertanto, i membri delle forze armate canadesi (CAF) devono ora limitare la loro barba a 2,5 centimetri di lunghezza e volume. I capelli – sia per gli uomini che per le donne – dovrebbero essere raccolti, lontani dal viso e dal colletto. Gli accessori utilizzati per legare i capelli devono essere neri o dello stesso colore dei capelli del membro. Fare.

Secondo il massimo comandante militare del paese, il generale Wayne Eyre, che è uno degli istigatori di questi rilassamentila riluttanza incontrata di fronte a questi cambiamenti è piuttosto generazionale.

Alcuni si sentivano profondamente a disagio. Sai, dipende dalla generazione a cui appartengonoha detto il generale Eyre durante una recente intervista al programma televisivo Rosemary Barton dal vivotrasmesso sulle onde radio di CBC.

Apri in modalità a schermo intero

Il capo di stato maggiore delle forze armate canadesi, generale Wayne Eyre (foto d’archivio)

Foto: stampa canadese/Lars Hagberg

La nuova generazione è abbastanza a suo agio con questo argomento e quindi ci stiamo muovendo un po’ verso l’ignoto. Dobbiamo essere disposti a sperimentare. Se non funziona bene, ci adattiamo.

Una citazione da Generale Wayne Eyre, Capo di Stato Maggiore della Difesa

Fiducia e immagine dei soldati colpiti

Tuttavia, introducendo queste modifiche, le Forze Armate hanno modificato uno dei codici militari più antichi a cui molti soldati ancora visibilmente si attengono.

Secondo l’indagine del Ministero della Difesa compreso CBC ottenuta una copia, queste nuove regole incidono sulla fiducia che i soldati hanno nei loro superiori e sull’immagine che i militari proiettano nella società.

Apri in modalità a schermo intero

Il tenente Alex Roy, un ufficiale degli affari pubblici militari della Marina, sfoggia un’acconciatura più lunga consentita dalle regole CAF rilassate.

Foto: Radio-Canada / Estelle Côté-Sroka

Questi cambiamenti sollevarono diverse critiche anche al di fuori dei ranghi dove l’aspetto veniva denunciato trasandato e trascurato Soldati canadesi. Il che compromette l’efficienza e il morale di Faresecondo lo studio.

La FCC non è d’accordo con le modifiche alla politica sull’abbigliamento di Farenonostante il sostegno della catena di comando e dei colleghi, e questa mancanza di accordo è associata a una minore fiducia nella leadership”,”testo”:”Un’ampia percentuale della popolazione CAF non è d’accordo con le modifiche alla politica di abbigliamento CAF, nonostante il sostegno da parte catena di comando e tra pari, e questa mancanza di accordo è associata a una minore fiducia nella leadership”}}”>Gran parte della popolazione di Fare non è d’accordo con le modifiche alla politica di abbigliamento di Farenonostante il sostegno della catena di comando e dei colleghi, e questa mancanza di accordo è associata a una minore fiducia nella leadershipsi legge nello studio effettuato tra novembre 2023 e gennaio 2024.

La maggior parte (44,2%) dei membri di Fare Gli intervistati non sono d’accordo sul fatto che le nuove norme siano positive per i militari, mentre circa un terzo (33,4%) le è a favore.

Ai membri è stato chiesto se pensavano che norme rilassanti sull’igiene personale rafforzassero l’identità che i militari volevano proiettare; Il 54% ha risposto non.

I membri dell’esercito sarebbero anche i più resistenti a questi cambiamenti, hanno osservato gli autori dello studio. Le regole rilassate sarebbero più ampiamente accettate nella Marina e, in misura minore, nell’Aeronautica Militare.

Dall’indagine emerge che le denunce più forti provengono dai soldati semplici, cioè da coloro che sono responsabili dell’applicazione quotidiana delle norme relative all’abbigliamento e all’igiene.

Tra il personale militare che si identifica con a orientamento sessuale minoritarioD’altro canto, il 68% ritiene che questi cambiamenti siano vantaggiosi e che li rendano orgogliosi di servire il proprio Paese, sottolinea il sondaggio.

Militari che si identificano con a minoranza visibile sarebbe anche più propenso a farlo approvare i benefici intrinseci di questi cambiamenti.

Inizio del widget. Saltare il widget?

Fine del widget. Tornare all’inizio del widget?

In un comunicato il Ministero della Difesa Nazionale ha minimizzato l’importanza delle revisioni entrate in vigore oggi.

Il ministero afferma che le linee guida sull’abbigliamento vengono continuamente riviste, ma i risultati del sondaggio erano solo una parte del ragionamento che ha portato a questi aggiornamenti.

“Tanto rumore” tra le fila

Per la ricercatrice specializzata in questioni sociali all’interno dell’esercito Charlotte Duval-Lantoine, non c’è dubbio che questo allentamento degli standard abbia diviso i membri dell’esercito. Fare.

C’è stato molto rumore attorno a queste regole di abbigliamentodichiarato a CBC il ricercatore del Canadian Institute of Global Affairs.

Questo non mi sorprende. Sappiamo che, dal punto di vista demografico, la maggior parte del personale militare è conservatore.

Una citazione da Charlotte Duval-Lantoine, ricercatrice presso il Canadian Institute of Global Affairs

Secondo lei è importante tenere conto del contesto in cui le regole venivano allentate. Nel settembre 2022, la crisi di cattiva condotta sessuale nell’esercito era al suo apice, il che ha contribuito a creare un senso di cinismo tra i ranghi riguardo a queste misure adottate con urgenza.

Quando abbiamo visto cambiamenti di questa portata avvenuti in quel momento, è difficile non credere che ciò sia avvenuto a causa del contesto politico e sociale al di fuori dell’esercito.lei disse.

Apri in modalità a schermo intero

Le forze armate sono state le più severi di fronte all’allentamento del codice di abbigliamento e di igiene personale. (Foto d’archivio)

Foto: Reuters / INTS KALNINS

Il sospetto che l’allentamento delle regole fosse parte di una sorta di agenda politica emanata dal governo Trudeau è sorto nella comunità dei veterani nell’autunno del 2022, quando il tenente generale in pensione Michel Maisonneuve aveva pubblicamente attaccato questi cambiamenti quando aveva ricevuto il Premio Vimy da la Conferenza delle Associazioni di Difesa dell’Istituto.

[…] dove le uniformi sono diventate un mezzo di espressione personale piuttosto che un simbolo di orgoglio e unità collettivi. Le divise non sono più uniformi”,”testo”:”Vedo un esercito[…] dove le uniformi sono diventate un mezzo di espressione personale piuttosto che un simbolo di orgoglio e unità collettivi. Le uniformi non sono più uniformi”}}”>Vedo un esercito […] dove le uniformi sono diventate un mezzo di espressione personale piuttosto che un simbolo di orgoglio e unità collettivi. Le uniformi non sono più uniformiha dichiarato Maisonneuve davanti ad un pubblico composto da ufficiali che hanno risposto al suo intervento con una standing ovation.

Un altro ex alto ufficiale, presente al Comando del personale militare quando i cambiamenti furono proposti per la prima volta nel 2016, rifiuta l’idea che i cambiamenti fossero una risposta politica alle tendenze della giustizia sociale.

Il generale di brigata in pensione Scott Clancy ha affermato che le revisioni sono iniziate come un esercizio di riflessione su come riflettere al meglio il volto mutevole della società canadese, che ammette essere ancora un problema per le forze armate.

Non è stato facile, racconta, far capire alle Forze Armate canadesi che le prestazioni individuali contano più dell’equipaggiamento, ha aggiunto, soprattutto nell’esercito, che ha meno criteri per valutare i soldati rispetto ai settori più specializzati delle forze armate. Fare.

Sono un pilota. Non mi importava se le persone avevano unghie colorate e capelli di colori diversi. Ciò che contava per me era che fossero ottimi tecnici e sapessero fare il loro lavoro.

Una citazione da Scott Clancy, generale di brigata in pensione

L’indagine interna mostra che l’esercito è equamente diviso su questo punto e raccomanda ulteriori studi a causa dei disaccordi interni sulla cosiddetta efficacia operativa suggerire possibili conseguenze indesiderate per la prontezza al combattimento delle forze armate.

Con informazioni di Murray Brewster

-

PREV Sparatoria al CHRU di Tours nel 2018: pena aumentata in appello
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France