La storia a Brest: Il corsaro di Kervallon, un personaggio avvolto nel mistero

La storia a Brest: Il corsaro di Kervallon, un personaggio avvolto nel mistero
La storia a Brest: Il corsaro di Kervallon, un personaggio avvolto nel mistero
-

Par

Editoriale Côté Brest

pubblicato su

23 giugno 2024 alle 11:20

Vedi le mie notizie
Seguire Côté Brest

Nato a Brest il 29 dicembre 1746, Jean-François Riou era il nono di tredici figli di un commerciante di vino, un affare lucroso se mai ce n’è stato uno. Divenuto Riou-Kerhallet per evitare di essere omonimo di un altro notabile, acquistò dal marchese du Fayet, il 2 dicembre 1788, la tenuta di Kervallon, sulla riva destra del Penfeld, per la considerevole somma di 15.000 sterline.

Su questo terreno situato ai margini della città e del porto militare, fondò, oltre alla sua casa, un porto completo con magazzini, mulini, conceria e uno scalo di alaggio a ciascuna estremità. Ha una flotta di quaranta naviche invia in tutti i mari del mondo per rifornirsi di materie prime, e rifornisce la marina di varie merci, in particolare stivali per marinai.

Durante la Rivoluzione e sotto l’Impero si distinse come proprietario di un corsaro, uno dei quali catturò beni per un valore di quattro milioni di franchi!

I suoi meriti vengono riconosciuti nelle alte sfere, al punto che ottiene il raro privilegio di scendere il Penfeld per raggiungere il porto o ritornare alla sua casa in città.

Video: attualmente su -

Un personaggio avvolto nel mistero

Dopo la sua morte, avvenuta il 7 gennaio 1827, l’esercito tentò di riconquistare il porto di Kervallon senza indennizzo: la sua vedova e suo figlio fecero causa alla marina e vinsero nel 1835. Rimangono molti misteri sulla vita di Jean-François Riou-Kerhallet, ma è anche quello che non sappiamo che lo rende un personaggio insolito. Per quanto riguarda la tenuta Kervallon, oggi solo pochi ruderi testimoniano l’intensa attività che vi regnava.

Benoît Quinquis

Fonti:- Bruno Calvès, Brest segreta e insolitaLes Beaux Jours, 2019;- Conferenza organizzata dall’associazione Mémoire de Saint-Pierre tenutasi il 13 aprile 2024;- Dominique Derrien, Le corse felici di Jean-François Riou-Kerhallet, I Quaderni Iroise n°242, 2024.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Greenwood più vicino che mai all’OM
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France