Assise del Lot-et-Garonne: la madre dello scomparso di Nérac non si è presentata all’udienza a causa di un guasto d’allarme

Assise del Lot-et-Garonne: la madre dello scomparso di Nérac non si è presentata all’udienza a causa di un guasto d’allarme
Assise del Lot-et-Garonne: la madre dello scomparso di Nérac non si è presentata all’udienza a causa di un guasto d’allarme
-

Naïma Bel Allam non si è presentata mercoledì mattina davanti alla corte d’assise del Lot-et-Garonne. Non si è svegliata. È comparso per il presunto omicidio di Inès e Nawal, le sue due nipoti poli-handicappate.

Una svolta drammatica questo martedì mattina al tribunale di Agen dove la madre dello scomparso di Nérac non si è presentata all’udienza. Naïma Bel Allam è comparsa da lunedì davanti al tribunale penale del Lot-et-Garonne per il presunto omicidio di Inès e Nawal, le sue due nipoti poli-handicappate.

Posta sotto controllo giudiziario dal 2021 dopo aver trascorso quattro anni in custodia cautelare, l’imputata è arrivata ieri al tribunale di Agen Libre, accompagnata dal suo avvocato Mes Grolleau e Lamarque. I dibattiti si sono concentrati sulla sua personalità. I suoi avvocati hanno confidato che lei si è arresa come mai prima dall’inizio del procedimento.

Un campanello d’allarme

La sorpresa è stata quindi totale questo martedì mattina. La polizia è andata anche a casa sua. Naïma Bel Allam in realtà non si è svegliata. Il telefono dell’imputata era staccato e lei non ha risposto ai suoi avvocati che hanno tentato di contattarla in numerose occasioni. Verso le 9,30 ha finalmente dato la notizia ai suoi consiglieri: aveva un problema con la sveglia e non si è svegliata. È arrivata intorno alle 9:40 al tribunale di Agen, scortata dalla polizia. Il processo ha potuto riprendere con lei poco prima delle 10.00.

-

PREV OL. Il presidente John Textor amareggiato dopo la scelta di beIN Sports per trasmettere la Ligue 1
NEXT Immobiliare. Un mercato degli affitti teso in Occitania, ma non allo stesso modo a seconda delle città