Mahler spaventa i bambini

Mahler spaventa i bambini
Mahler spaventa i bambini
-

Le ultime tre misure del 6e Sinfonia di Mahler dal concerto finale della stagione 2023-2024 dell’Orchestre Métropolitain si è concluso in un modo senza precedenti, da quando un bambino, svegliato e terrorizzato dall’immenso colpo finale del bastone, ha cominciato a sfogare la sua angoscia attraverso lacrime strazianti, con il pubblico mostrando un misto di imbarazzo, compassione e ilarità.

L’ilarità non è proprio la conclusione che avevamo sognato per questa sinfonia di oscurità e abissi. Ma, alla fine, questo lampo di umanità è stato molto meno doloroso e irritante dei due o tre cellulari che hanno comunque rovinato i momenti più profondi e intensi del lavoro, anche se OM ha cura di far precedere il concerto di un avvertimento su telefoni e dispositivi che devi davvero essere in malafede o grande arroganza per non vederlo o ignorarlo.

Potremmo chiederci cosa fa un bambino piccolo ad un concerto di una sinfonia di 90 minuti, una delle più difficili del repertorio, ma fino ad allora non avevamo sentito nulla. E poi mette in prospettiva qualcosa che si prende molto sul serio, ma che, in fondo, è abbastanza relativo. A questo arriveremo nel nostro commento.

Una questione di struttura

Per trovare un accenno che accomuni Yannick Nézet-Séguin e Mahler bisogna risalire alla prima eclissi pandemica di settembre 2020. Il conduttore ha poi diretto Il canto della terra con Frédéric Antoun e Michèle Losier alla Maison symphonique. Questo lavoro ha sostituito il 6e Sinfonia che doveva aprire la stagione.

Abbiamo quindi dovuto aspettare quattro anni per rimetterci in piedi. Quattro anni ! Essendo così diversi, Yannick e l’OM a volte hanno avuto difficoltà a mantenere gli stessi obiettivi messa a fuoco sull’essenza delle cose, vale a dire il cuore del repertorio? Per quanto riguarda Mahler di Yannick Nézet-Séguin dobbiamo tornare al 2014 per un risultato davvero notevole 10e Sinfonia2016 per il Quinto2018 per un indimenticabile Nono e 2020 per Il canto della terra. È frugale. Siamo quindi felici di vedere il direttore ritornare tra i pilastri del repertorio la prossima stagione, perché, avvicinandosi ai cinquant’anni, con la sua esperienza con le più grandi orchestre del mondo e la maturazione di capolavori, la sua visione delle cose ci interessa.

6e Sinfonia di Mahler pone domande a ogni generazione. Tre o quattro decenni fa la grande domanda era se fossero necessari due o tre colpi di martello Finale. La soluzione dei due strike vince abbastanza chiaramente. La questione che aleggia da un quarto di secolo è più importante. Una revisione della partitura ora consiglia di invertire i movimenti II (veloce) e III (lento), perché Mahler ha suonato la sinfonia in questo modo (posizionando il movimento lento in 2e luogo) quando lo ha diretto.

Diversi direttori d’orchestra, in particolare Simon Rattle, incluso di nuovo in una recente registrazione con l’Orchestra della Radio Bavarese, aderiscono a questa “nuova ortodossia”. Ma un po’ di buon senso dimostra che questo non ha senso. Il movimento lento è un momento meditativo dopo un accumulo di tensione. Risponde alla dura crudeltà della vita, Finale, che si apre come si squarcia un sipario. Ma perché ci sia relax, deve esserci la massima tensione. E la tensione funziona al massimo se concatenamo 1ehm movimento e lo Scherzo. Se Mahler ha invertito i movimenti è forse perché la sinfonia parlava di lui, della sua vita, e questo specchio musicale gli era insopportabile. Lo ha quindi disinnescato ponendo il movimento lento in 2e posizione.

Il circuito

Musicalmente ciò che ha senso è proprio lo Scherzo (movimento rapido) in 2e posizione e siamo molto felici che Yannick Nézet-Séguin presenti la sinfonia in questo modo. La sua visione della partitura è nel complesso molto accurata e mostra quanto l’opera sia favolosamente orchestrata, complessa e profondamente brillante.

Per quanto riguarda il concerto, porta la sua Orchestre Métropolitain per dare il meglio. Splendido il supporto dei fiati, aggressivi i contrabbassi, formidabili e ben dosati gli interventi della celesta. Pensiamo di aver effettivamente raggiunto, date le circostanze, una sorta di ottimo di ciò che si può ottenere nell’ambito di un circuito musicale, il che significa che Yannick Nézet-Séguin ha diretto una versione da concerto di Boemo domenica scorsa a Filadelfia, un concerto martedì a New York con la Met Orchestra, un concerto diverso con la Met Orchestra, giovedì, il 6e di Mahler domenica qui e che mercoledì sarà in Corea per un tour asiatico con il Met.

È fantastico, è il Attività commerciale al suo ” superiore livello”. Questo ritmo, a nostro avviso, consente di “leggere” una partitura con molta competenza, ma rende difficile penetrare nei meandri di un universo sinfonico dantesco, dove ogni nota ha un peso, dove ogni sfumatura o crescendo ha un significato, indicazioni che collocano dall’inizio alla fine dare una respirazione più o meno intensa.

Non faremo una pedante lista della spesa chiedendoci dov’era il crescendo dell’oboe a 4e misura di 56 nel passaggio “ Altväterisch » (vecchio genere patriarcale) dello Scherzo, dove erano passati i campanacci ai numeri 24, 145 e prima del 147 della partitura (nella migliore delle ipotesi pecora smarrita), perché alla fine del movimento lento la sezione ” allmählich etwas zurückhaltend » (a poco a poco più contenuto) comincia prima. È domandandosi perché questa o quella frase manca di espressività, tale o tale slancio si spezza troppo in fretta, qual è la concezione da parte del leader del gruppo 1?D nota del Finale (che fa “plop” invece di afferrarci), che guardiamo la partitura e vediamo che c’è di più di quello che abbiamo sentito.

6e Sinfonia di Yannick Nézet-Séguin Mahler è di per sé eccellente: non tradisce l’opera, fa la scelta giusta nell’ordine dei movimenti e ottiene il massimo da un’orchestra nel tempo assegnato. In ogni caso, la razza dei vecchi idealisti che pensano che ci sia molto di più in opere così profonde ed impegnative è sull’orlo dell’estinzione; la natura del lavoro per rivelarli richiederebbe a modello di business (e quindi un tempo e un budget) “altro”, e i leader che li scrutano sono ormai rari. Yannick Nézet-Séguin è senza dubbio uno di questi. Lo potremo dire tra quindici anni, quando sarà di nuovo lui a guidare questo Sesto dopo averlo così programmato tra due piani quasi ovunque sul pianeta.

Prima di avvicinarsi al 6e Sinfonia di Mahler, il direttore d’orchestra ha voluto rendere omaggio a José Evangelista, scomparso nel 2023, dirigendo la sua pièce Al p. Come diversi compositori qui attivi (pensiamo ovviamente a Claude Vivier), Evangelista, durante i suoi viaggi, aveva sviluppato una fascinazione per la musica orientale. Al p è in realtà la prima sezione di un pezzo bipartisan (Alap e Gat) di cui Al p è l’introduzione lenta (Gatinizialmente previsto ma non ascoltato domenica, vista l’emozione di ciò Al p). Si tratta di un crescendo-decrescendo orchestrale, al quale il direttore ha continuato, attaccoSinfonia di Mahler.

Parlando di approfondimento sulle partiture, ciò è particolarmente possibile quando un’opera è oggetto di una tournée. E’ con un altro Sesto, quello di Čajkovskij, che il metropolita partirà nel giugno 2025 per la sua seconda tournée europea che farà tappa a Bruxelles, Parigi, Vienna, Amburgo e Baden-Baden. Questo, certamente, è già maturato bene.

Il sesto di Mahler

Evangelista: Alap. Mahler: Sinfonia n. 6. Orchestre Métropolitain, Yannick Nézet-Séguin. Maison symphonique, domenica 16 giugno 2024.

Da vedere in video

-

PREV il presidente del CDEPS si apre a Diomaye
NEXT come limitare (un po’) l’esplosione dei prezzi metropolitani