Ghiaie: il Cantone svela i siti migliori

Ghiaie: il Cantone svela i siti migliori
Ghiaie: il Cantone svela i siti migliori
-

Corbières, Cugy, Haut-Intyamon, Gibloux e Schmitten: è in questi comuni che lo sfruttamento o lo sviluppo delle cave di ghiaia ha più senso. Il Cantone ha individuato complessivamente 18 siti prioritari sfruttabili.

Il Dipartimento di Sviluppo Territoriale spiega che per arrivare a questo nuovo piano settoriale ci si è basati su diversi criteri, come la protezione delle falde acquifere, l’inquinamento acustico, l’attraversamento di una località o anche buoni terreni agricoli. Precisiamo che perché un sito sia sfruttato non è sufficiente che figuri nel presente piano, è necessario che il comune interessato e un gestore si mettano d’accordo.

Tutti sono più o meno d’accordo sul fatto che dovremmo evitare di cercare ghiaia francese per i nostri cantieri a Friburgo.

Gli esempi di Lessoc e Botterens hanno dimostrato negli ultimi anni che lo sfruttamento delle cave di ghiaia può creare una forte opposizione all’interno della popolazione. Questa è una delle sfide per il futuro del settore, riconosce Jean-François Steiert, consigliere di Stato incaricato del dossier.

«Tutti sono più o meno d’accordo sul fatto che dobbiamo evitare di cercare ghiaia francese per i nostri cantieri a Friburgo», spiega il consigliere di Stato. “In generale le persone non sono entusiaste quando apriamo una cava di ghiaia non lontano da casa. Dobbiamo essere in grado di giustificare secondo principi chiari e oggettivi il motivo per cui scegliamo determinati luoghi piuttosto che altri per costruire le cave di ghiaia”.

Dal 12 al 19 giugno si svolgeranno nel cantone diverse sessioni informative. La prima (in francese) avrà luogo martedì 18 giugno a Posieux.

Trasporto ferroviario e riciclaggio

Abitazioni, scuole, ospedali o infrastrutture di trasporto: il fabbisogno di sabbia e ghiaia è stimato a 3 metri cubi pro capite all’anno per i prossimi 25 anni, ma le risorse non sono infinite, spiega il Cantone. Per questo motivo il Consiglio di Stato di Friburgo si impegna a favore di un approccio operativo più sostenibile, concentrandosi su un maggiore riciclaggio.

Altro obiettivo: decarbonizzare i trasporti. Per i siti ubicati in prossimità della ferrovia verrà chiesto di valutare la possibilità di avvalersi del treno per il trasporto di ghiaia e sabbia. Per altri, l’idea è quella di puntare su camion più puliti, ad esempio sui modelli elettrici. “Si tratta di ridurre il più possibile i disturbi”, sottolinea Jean-François Steiert.

Il nuovo piano settoriale per la valorizzazione dei materiali è aperto alla consultazione fino al 14 agosto.

RadioFr. – Loïc Schorderet

-

NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France