Risparmiare solo 5 minuti con un terzo collegamento? “Non trattiene l’acqua”, ritiene Mario Dumont

Risparmiare solo 5 minuti con un terzo collegamento? “Non trattiene l’acqua”, ritiene Mario Dumont
Risparmiare solo 5 minuti con un terzo collegamento? “Non trattiene l’acqua”, ritiene Mario Dumont
-

Il conduttore Mario Dumont mette in dubbio i calcoli di CDPQ Infra che, nel suo rapporto, indica che le persone che prendessero un eventuale terzo collegamento stradale tra Quebec e Lévis risparmierebbero, in media, solo cinque minuti.

• Leggi anche: Poilievre non investirebbe “nemmeno un centesimo” del governo federale in una tramvia in Quebec

• Leggi anche: Legault salirà sul tram e sul 3° collegamento

• Leggi anche: Mobilità in Quebec: “Non capisco perché la gente si preoccupi così tanto del terzo collegamento”

Nel suo commento alla trasmissione “Le Québec matin”, Dumont stima che il risparmio di tempo sarebbe notevole, soprattutto per coloro che si stanno dirigendo dall’altra parte della banca.

“È impossibile”, ha detto. Conosciamo il Quebec, se lasci Lévis per andare all’Assemblea nazionale e fai tutto il ferro di cavallo nel traffico; È impossibile che se ci fosse un tunnel diretto non si risparmierebbero più di cinque minuti. È fisicamente impossibile”.

“Ho visto i media riprendere questo, i cinque minuti, come se fosse ovvio, ma no”, aggiunge. È una media, fatta da non so cosa, ma non regge come cifra. Non ripeterlo come numero scientifico.

Secondo le informazioni del nostro Ufficio parlamentare, giovedì il Primo Ministro dovrà annunciare che darà il via libera al progetto del tram CDPQ Infra, ma anche al progetto del terzo collegamento, anche se l’utenza non lo consentirà giustificare secondo il rapporto.

Questo risultato atteso nel progetto del tram sarà visto come una “vittoria” per Bruno Marchand, secondo Mario Dumont.

“Penso, e lo abbiamo visto ieri nel suo tono, che non voglia giocare in modo trionfalistico”, dice. Ha già fatto sudare il governo e non sembra il tipo che vorrebbe farlo di nuovo. Se il governo vuole collaborare, avremo una sorta di buona intesa”.

Per il CAQ, tuttavia, questo progetto sarebbe problematico a livello politico.

“Politicamente, la popolazione non è la maggioranza a volere il tram in Quebec”, spiega il presentatore alla LCN. E se ti metti nei panni dei deputati CAQ, del loro elettorato […] è addirittura inferiore alla media”.

«On est pris avec un projet que la majorité ne souhaite pas, et c’est là qu’à un moment donné, tu y crois vraiment et tu penses que Québec en a besoin, il faut que tu arrêtes de niaiser, ajoute-t -egli. Dovete diventare, come governo, uno dei venditori che ci crede e che parla onestamente”.

Per quanto riguarda il terzo raccordo autostradale, Mario Dumont ritiene che il CAQ andrà più lentamente che con il tram.

“Non credo che lanceremo più uno studio”, ritiene. Non so più cosa resta da studiare, ma la sfida per François Legault secondo me è una sfida per riconquistare credibilità. Dovrà trovare le parole giuste perché per il momento tutta questa faccenda dei trasporti in Quebec è diventata uno scherzo.”

Guarda il commento completo di Mario Dumont nel video qui sopra

-

PREV Olimpiadi Parigi 2024: vende l’acqua della Senna a 10 euro per denunciare il costo della pulizia
NEXT Come faccio a sapere quale stazione di ricarica dovrei acquistare? – Portale delle Isole Maddalena